11 abitudini che danneggiano il cervello

Oltre ad essere pericoloso per i polmoni, il tabacco diminuisce la massa encefalica e riduce le quantità di ossigeno che arrivano al cervello, favorendo l'apparizione di malattie neurodegenerative.

Non capite che cosa vi succede: vi sentite stanchi, non riuscite a concentrarvi, dimenticate le cose… Ma la cosa più strana è che vi accade solo ogni tanto, magari quando vi alzate molto presto e non mangiate nulla fino al pomeriggio, o siete troppo stressati per il lavoro. Il problema è che vi state dimenticando di prendervi cura di una parte essenziale del vostro organismo: il cervello.

Tutto ciò che facciamo influisce in qualche modo sul nostro corpo, e alcune attività possono arrivare a impedire il normale funzionamento del cervello o addirittura a danneggiarne la struttura. Immaginate di ripetere queste azioni ogni giorno, anno dopo anno: capite a che cosa possono portare? Le vostre cattive abitudini potrebbero uccidere il vostro cervello! Ma non preoccupatevi, siete ancora in tempo: cambiando il vostro stile di vita potrete garantirvi una perfetta salute cerebrale e corporea. In questo articolo vi faremo conoscere più da vicino queste terribili abitudini quotidiane che danneggiano il cervello.

Noi e il nostro cervello

Il nostro cervello è un organo estremamente complesso e delicato che interviene in modo diretto o indiretto in tutti i processi dell’organismo: regola le funzioni omeostatiche come i battiti del cuore, il bilanciamento dei fluidi, la pressione sanguigna, l’equilibrio ormonale e la temperatura corporea, ed è responsabile del movimento, la cognizione, l’apprendimento, la memoria e le emozioni umane. Non c’è da sorprendersi, dunque, se il nostro stile di vita influisce notevolmente sul suo corretto funzionamento e, quindi, sulla nostra salute in generale.

Secondo numerosi studi scientifici, il modo in cui conduciamo la nostra vita può danneggiare a breve o lungo termine le cellule cerebrali e, pertanto, anche le funzioni che svolgono, portando allo sviluppo di malattie degenerative e molti altri problemi. D’altra parte, avere abitudini positive, come seguire un’alimentazione bilanciata o fare esercizio fisico, attiva il nostro cervello e lo porta ad essere in salute. Mettiamoci dunque al lavoro e impariamo a riconoscere le 11 abitudini che rischiano ogni giorno di danneggiare il nostro cervello.

11 abitudini quotidiane che danneggiano il cervello

1. Non fare colazione

colazione

La colazione è il pasto più importante della giornata, visto che ha una grande influenza sul nostro rendimento, resistenza e condizione emozionale. Durante le prime ore della giornata il cervello ha bisogno di elementi nutritivi per continuare a “digerire” i processi fisiologici dopo il digiuno notturno a cui è stato sottoposto. Se non gli somministriamo ciò di cui ha bisogno, dovrà usare delle riserve e quindi fare uno sforzo eccessivo per mantenere un funzionamento corretto. Saltare la colazione può causare abbattimento generale, perdita della concentrazione e della memoria, mal umore, basso rendimento fisico e intellettivo. Ricordatevi di fare una sana e sostanziosa colazione.

2. Fumare

La pessima abitudine di fumare diminuisce considerevolmente la massa encefalica così come la somministrazione di ossigeno al cervello; è provato, inoltre, che questo vizio favorisce la comparsa di malattie neurodegenerative come l’Alzheimer. Le ammine eterocicliche liberate durante la combustione di una sigaretta, inoltre, interferiscono nella corretta replicazione del DNA, dando luogo a mutazioni che provocano la formazione di cellule cancerose.

3. Elevato consumo di zuccheri

zucchero raffinato

La predominanza di zuccheri raffinati, farine bianche, alimenti fritti e affettati nella nostra dieta, accompagnata da una carenza di verdura, frutta e fibre, favorisce l’accumulo di sostanze nocive nel nostro corpo, potenzia lo sviluppo di tumori, ostacola il corretto funzionamento del sistema immunitario, causa malnutrizione e interferisce con lo sviluppo neurologico.

4. Esposizione costante ad ambienti inquinati

Il cervello ha bisogno di un costante apporto di ossigeno, ma diverse sostanze tossiche possono interferire nello scambio, nel trasporto e nel processo di incorporamento dell’ossigeno alle cellule, dando luogo a una diminuzione dell’efficienza cerebrale.

5. Dormire poco

Dormire poco

Avete bisogno di dormire 8 ore al giorno per far riposare il vostro cervello e assicurarvi che i processi metabolici avvengano nel modo corretto, producendo energia e rinnovamento cellulare. Privarsi del sonno accelera la morte delle cellule cerebrali a breve termine e vi mantiene stanchi e di cattivo umore tutto il giorno.

6. Mangiare troppo

Ingerire alimenti di cui il nostro corpo non ha bisogno provoca l’accumulo delle sostanze in eccesso sotto forma di grassi e l’indurimento delle arterie cerebrali, il che interferisce nel loro corretto funzionamento.

7. Alcol

Alcolismo

L’alcol può causare danni in tutti gli organi e principalmente nel sistema nervoso, il fegato e il cuore; inoltre, interferisce nelle reazioni chimiche che hanno luogo nel cervello. L’alcolismo, poi, provoca la morte dei neuroni e diminuisce la velocità di trasmissione degli impulsi nervosi tra loro.

8. Reazioni violente o stress prematuro

Lo stress provoca molteplici reazioni nel nostro sistema nervoso, e alcune di queste causano una diminuzione della capacità mentale, oltre ad aumentare il rischio di soffrire emorragie cerebrali e infarti.

9. Coprirsi la testa mentre si dorme

dormire

Dormire con la testa coperta aumenta la concentrazione di anidride carbonica e diminuisce quella dell’ossigeno, il che può portare a conseguenze negative nel cervello.

10. Forzare il cervello durante la malattia

Lavorare molto o studiare con grande concentrazione mentre si è malati risulta dannoso, visto che l’energia del vostro corpo sarà spostata sulla cura dell’organismo. Forzare il cervello durante questo periodo può portare a una diminuzione della sua efficacia, oltre a debilitare ancora di più il vostro sistema immunitario, facilitando la comparsa delle malattie più diverse.

11. Mancanza di stimoli ed esercizi mentali

Non c’è niente di meglio di pensare, avere conversazioni intelligenti, leggere un libro o fare un cruciverba per stimolare il nostro cervello: attività di questo tipo aumentano la capacità di apprendimento e la memoria, così come la velocità di reazione agli stimoli.

Un consiglio finale

Prendetevi cura del vostro cervello adottando uno stile di vita sano:

  • Mangiate nel modo corretto, includendo deliziosa frutta e verdura che stimolerà l’attività cerebrale. Vi raccomandiamo, inoltre, di mangiare pesce ricco di omega 3, un tipo di grasso che favorisce la comunicazione tra i neuroni.
  • Bevete tre o quattro tazze di tè o tazzine di caffè al giorno: migliorerà la vostra memoria a lungo e breve termine e diminuirà il rischio di soffrire delle malattie di Alzheimer e Parkinson.
  • Fate attività fisica abitualmente.
  • Evitate l’uso di droghe, tabacco e alcol.
  • Dormite a sufficienza.
  • Riempitevi di pensieri positivi.