6 rimedi per aumentare le difese immunitarie

· 31 ottobre 2014
Bevendo acqua a digiuno eliminiamo le tossine accumulate durante la notte e mettiamo in funzione il nostro organismo. Inoltre l'acqua è fondamentale per idratare correttamente il nostro cervello.

Ci sono persone che si ammalano spesso, ad esempio a seguito di bruschi cambiamenti climatici, situazioni di stress, viaggi, etc. Qualsiasi cambiamento provoca un abbassamento delle difese immunitarie e, di conseguenza, problemi di salute che a volte sono sempre gli stessi e si ripresentano.

È molto importante capire come rafforzare le difese immunitarie del nostro organismo per godere di una buona salute ed evitare queste malattie che si ripresentano con una certa frequenza e che a lungo andare potrebbero diventare croniche se non vengono adeguatamente curate. Continuate a leggere l’articolo per scoprire come migliorare il vostro sistema immunitario in modo naturale.

Rimedi per mantenersi in buona salute

In genere, noi di “Vivere più Sani” condividiamo con voi lettori rimedi naturali per determinate malattie o problemi estetici. In questo articolo, invece, vi daremo alcuni consigli che vi aiuteranno a mantenere il vostro organismo in buona salute, migliorando il funzionamento dei vostri organi.

La cosa importante è la costanza, ovvero seguire questi consigli tutti i giorni per diversi mesi, in particolare quando sapete che potreste ammalarvi con più facilità.

L’acqua a digiuno

L’acqua è un rimedio semplice ed economico e serve solo forza di volontà per beneficiare delle sue proprietà. L’acqua pulisce ed idrata l’organismo, ma spesso lo dimentichiamo o troviamo difficile bere diversi bicchieri di acqua al giorno lontano dai pasti. Chi vuole veramente idratare il suo organismo, porta con sé un bottiglietta d’acqua a cui aggiunge un po’ di limone per berla più facilmente.

Il momento più adatto per bere l’acqua è quando si è a digiuno, soprattutto dopo il digiuno notturno, in modo da ripulire l’organismo dai residui delle tossine del giorno precedente e mettere in funzione gli organi del corpo.

Provate questo rimedio e in pochi giorni vedrete la differenza.

L’olio d’oliva e il limone

Si tratta di un antico rimedio per prendersi cura del fegato e della cistifellea, due organi il cui buon funzionamento è fondamentale per la salute di tutto il corpo.

È molto semplice: dopo aver bevuto due bicchieri d’acqua a digiuno, bisogna ingerire un cucchiaio di olio extra vergine di oliva e uno di succo di limone. Questa combinazione favorisce il buon funzionamento del fegato e se lo mettete in pratica tutti i giorni, eviterete eventuali calcoli biliari.

Olio-e-limone

L’aceto di mele e il bicarbonato di sodio

Abbiamo già parlato di questo rimedio nell’articolo “Acqua con aceto e bicarbonato: un miracolo per la salute“, ma vogliamo ricordarne ancora una volta i meravigliosi benefici. Si tratta di un rimedio dall’effetto depurativo e riequilibrante. Dovete semplicemente bere prima dei pasti un bicchiere d’acqua a cui avrete aggiunto un cucchiaio di aceto di mele puro e biologico e un pizzico di bicarbonato di sodio.

Bicarbonato

Gli sciacqui con l’olio

Gli sciacqui con l’olio sono un rimedio molto utile per i problemi del cavo orale (carie, gengiviti, piaghe, alito cattivo, etc.), ma allo stesso tempo agiscono anche sull’apparato digerente, in quanto estraggono le tossine attraverso la mucosa orale.

Questo rimedio è molto semplice, avete bisogno solamente di olio di girasole di prima qualità e di 15 minuti di tempo tutte le mattine, prima di fare colazione. Scoprite in questo articolo come fare gli sciacqui con l’olio e i benefici che trarrete da questo rimedio naturale.

L’aglio crudo

L’aglio è un alimento dalle proprietà medicinali conosciuto fin dall’antichità e che non può assolutamente mancare nella vostra alimentazione se volete godere di un’ottima salute cardiovascolare. Il problema dell’aglio è l’alito cattivo dopo averlo mangiato oppure il fatto di non digerirlo correttamente. Per chi avesse problemi di questo genere, consigliamo l’assunzione di aglio in capsule o compresse. Invece a tutti gli altri raccomandiamo la famosa cura tibetana a base di aglio, una terapia molto semplice e molto efficace, da preparare in casa e da ripetere solamente ogni cinque anni, seguendo le indicazioni dei monaci tibetani.

Aglio2

Il sapore amaro prima di coricarsi

Ogni sera dovreste ricordarvi del vostro fegato perché è un organo che risente molto dell’alimentazione scorretta, delle cattive abitudini e delle emozioni negative e/o represse. Per questo vi consigliamo di non mangiare troppo a cena e di includere sempre qualche alimento oppure un infuso dal sapore amaro per migliorare la funzione epatica.

Potete optare per il carciofo, la scarola, il pompelmo oppure per un infuso di boldo, dente di leone, carciofo, cardo mariano o fumaria (nota anche come erba acetosa o fumosterno). Questa semplice abitudine vi aiuterà a riposare meglio durante la notte, recuperare le energie e rigenerare il fegato.

Immagini per gentile concessione di elle_ann, morberg e katalopolis.

Guarda anche