Come combattere l’emicrania in modo naturale?

· 18 marzo 2014

Se soffrite di emicrania, è bene che capiate prima di tutto in che cosa consiste questa patologia, che cosa la produce e quali sono le sue fasi, in modo da poter scoprire tutte le strategie per combatterla in modo semplice e naturale a casa vostra. È infatti possibile contrastarla anche evitando l’impiego eccessivo di medicinali che a lungo termine potrebbero portare il vostro organismo a soffrire altri danni. Scoprite insieme a noi come combattere l’emicrania.

Che cos’è l’emicrania?

L’emicrania è un dolore intenso e acuto, concentrato su un lato della testa; questo dolore può anche essere accompagnato da nausea, vomito, ipersensibilità alla luce e ai suoni. Una crisi può durare dalle 4 alle 72 ore. È più frequente nelle donne e il dolore è dovuto alla vasodilatazione, vale a dire all’aumento del volume delle arterie nel cranio.

Le persone che ne soffrono spesso dichiarano che anche altri familiari hanno lo stesso problema. Per questo motivo, ci sono teorie che sostengono che l’emicrania abbia una forte base genetica (ereditaria).

Fattori che provocano l’emicrania

Esistono diversi fattori scatenanti dell’emicrania ed è bene che chi ne soffre cerchi di conoscerli e, nel limite del possibile, di evitarli. Ecco un elenco dei fattori più comuni:

  • Ciclo mestruale: l’emicrania si presenta spesso nei giorni che precedono le mestruazioni; naturalmente è impossibile evitare questa situazione, ma più avanti vi proporremo dei modi per alleviarne i sintomi.
  • Stress e tensione: qualsiasi stato di preoccupazione e ansia favorisce l’emicrania, ed è quindi da evitare.
  • Alcol: da non confondere con il mal di testa causato dall’abuso di alcol.
  • Digiuno: avere molta fame può scatenare una crisi di emicrania.
  • Additivi e coloranti: in particolare gli alimenti che contengono del glutammato monosodico (potenziatore del sapore), che si trova generalmente negli alimenti confezionati.
  • Fattori ambientali: per esempio rumori forti o luci molto intense.
  • Alterazione del sonno: possono influire sia il dormire troppo che il non dormire a sufficienza.
  • Odori forti: a volte l’olfatto può influire, specialmente nel caso di sostanze volatili aromatiche, come i profumi a base alcolica.

Fasi dell’emicrania

Emicrania1

Le fasi di questa patologia sono quattro:

  • Prima di tutto si presentano dei prodromi, vale a dire sintomi che si possono manifestare alcune ore o addirittura alcuni giorni prima della crisi, come vista annebbiata, irritabilità, ecc.
  • La seconda fase viene denominata Aura, è consiste nel presentarsi di sintomi precedenti al dolore, che però hanno una durata minore dei prodromi (tra i 20 e i 60 minuti), svaniscono e riappaiono poco a poco nella fase successiva.
  • La terza fase è quella in cui compare il dolore, che inizia in modo lieve ma poi si intensifica. La persona ha bisogno di isolarsi in un posto buio e senza rumori.
  • L’ultima fase o fase di risoluzione è quella in cui il dolore si riduce poco a poco, fino a svanire del tutto.

I pazienti hanno riferito che alla fine di una crisi si sentono stanchi e assonnati. Hanno quindi bisogno di un certo periodo di tempo per ritornare alle loro attività quotidiane.

Medicina naturale contro questa patologia

Tra i rimedi naturali possiamo suggerirvi gli oli essenziali che aiutano a combattere e a migliorare i sintomi dell’emicrania:

  • Oli essenziali di rosmarino, melissa, camomilla e lavanda. Dovete diluire in olio di oliva qualche goccia dell’olio essenziale da voi scelto e realizzare dei massaggi sulle tempie.
  • Pediluvi: Aggiungete 3 o 4 gocce di olio essenziale alla menta in un recipiente con dell’acqua tiepida e immergetevi i piedi.
  • Tecniche di rilassamento: mettetevi seduti o sdraiati in una posizione comoda e realizzate degli esercizi di respirazione profonda, riempiendo e svuotando i polmoni, o concentratevi sui battiti del cuore senza pensare a nient’altro finché le pulsazioni non si abbasseranno.
  • Danno dei buoni risultati anche lo yoga, la meditazione e i massaggi.

Quali piante possono aiutare?

Oltre a servire per trattare l’emicrania e i dolori del ciclo mestruale, con l’olio che si estrae direttamente dalle foglie del rosmarino si prepara un distillato alcolico utilizzato per prevenire le ulcere. Viene anche impiegato per lenire i dolori reumatici e la lombalgia. (Immagine per gentile concessione di: Alejandro Villegas/ Flickr.com)
Oltre a servire per trattare l’emicrania e i dolori del ciclo mestruale, con l’olio che si estrae direttamente dalle foglie del rosmarino si prepara un distillato alcolico utilizzato per prevenire le ulcere. Viene anche impiegato per lenire i dolori reumatici e la lombalgia.
(Immagine per gentile concessione di: Alejandro Villegas/ Flickr.com)

Ecco le erbe che vi possono aiutare ad alleviare i sintomi più fastidiosi dell’emicrania, grazie alle loro molteplici proprietà. Ricordatevi sempre di non eccedere nelle dosi raccomandate:

  • Rosmarino: allevia i dolori delle mestruazioni e, di conseguenza, l’emicrania. Preparate un infuso con un cucchiaio di sommità floreali. Bevetene 2 tazze al giorno.
  • Valeriana: possiede proprietà rilassanti e sedanti. Rilassa il sistema nervoso e il cervello. Infuso di 15 grammi di radice della pianta, da far riposare per una notte intera.
  • Passiflora: migliora i sintomi dell’ansia e dello stress. Infuso con un paio di cucchiai della pianta essiccata per ogni mezzo litro d’acqua. Prenderne un paio di tazze piccole al giorno.
  • Menta: esercita un’azione rilassante sul sistema nervoso centrale ed è un analgesico. Realizzate l’infuso con un cucchiaio di sommità floreali per ogni tazza d’acqua e bevetene due tazze al giorno.

Vi ricordiamo inoltre che alla base di tutto ci dev’essere un’alimentazione corretta, le necessarie ore di riposo e, ovviamente, evitare i fattori scatenanti dell’emicrania per prevenire questa patologia così comune ai giorni nostri.

Guarda anche