Come prendersi cura del proprio corpo camminando

18 ottobre 2014
Anche se i risultati sulla bilancia cominceranno a notarsi dopo un mese e mezzo, potrete notare fin dal primo giorno i benefici sulla salute.

Tutti siamo a conoscenza dei benefici cardiovascolari del camminare ogni giorno. Migliora la respirazione, il tono muscolare e in più, facendolo nel modo adeguato, può aiutarci a perdere peso. Grazie a questa salutare attività fisica possiamo riuscire a bruciare una quantità di calorie molto adeguata per modellare la nostra silhouette. Vi spieghiamo come.

Consigli per camminare e dimagrire allo stesso tempo

Per molte persone l’idea di camminare e quella di bruciare grassi non sempre vanno a braccetto. Tuttavia, non è del tutto vero: ogni tipo di attività fisica che sia costante e praticata in modo adeguato permette di trasformare i glucidi, i grassi e le proteine in energia e non in riserva adiposa. Se si segue una dieta adeguata e bilanciata, dunque, si può arrivare a bruciare questo eccesso in modo semplice. Ne vale la pena, giusto? Allora prendete appunti.

1. Prendere consapevolezza

camminata

Innanzitutto bisogna convincersi che a partire da questo momento dedicheremo un’ora al giorno alla camminata. Bisogna portare a termine questo proposito e trovare questo ritaglio di tempo nell’arco della giornata. Una tecnica adatta per auto-convincersi è comprare vestiti e scarpe adeguate: un paio di pantaloni comodi, una maglietta che non sia troppo stretta, delle scarpe che sostengano bene il piede e che permettano di camminare su qualsiasi superficie. Se riusciamo a convincere qualche amica o il nostro partner, renderemo l’esercizio una sana routine quotidiana. La prima cosa da fare, dunque, è prendere consapevolezza.

2. Stabilire tempi e ritmi

camminare

Si consiglia di iniziare l’attività del camminare in due sessioni da mezz’ora per non sovraccaricarsi. Mezz’ora la mattina e mezz’ora la sera. Una volta che vi siete abituati, ad esempio dopo una settimana, potete già camminare un’ora di seguito.

Tenete in conto che quando diciamo “camminare” non stiamo parlando di camminare a passo tranquillo, come quando andiamo a fare shopping. Bisogna mantenere un ritmo che per dimagrire è di circa 7 km/h, ossia un passo veloce. Per farvi un’idea approssimativa, si tratterebbe più o meno di percorrere un chilometro e mezzo in 10 o 15 minuti, non di più.

Non è difficile né smisurato, ve lo assicuriamo, ma è essenziale che facciate questo sforzo per far sì che il corpo arrivi a bruciare grassi e per far sì che il cuore, una volta al 60% o 70% della sua frequenza cardiaca, obblighi l’organismo a utilizzare le sue riserve per ottenere l’energia necessaria, aumentando così il metabolismo basale. Pertanto ora lo sapete, un chilometro ogni 15 minuti.

3. Come approfittare delle camminate per dimagrire e le posizioni corrette

camminare e benessere

  • Non bisogna fare passi troppo lunghi. Se forzate i movimenti correte il rischio di provocarvi delle lesioni. Le falcate devono essere normali. L’errore più frequente per accelerare il passo è allungandolo in modo poco naturale. Cercate di trovare un passo comodo e non stirate mai le gambe.
  • Gli uomini devono essere rilassati e con il busto eretto. Se la testa oscilla troppo e sentite un leggero stiramento nella parte davanti delle gambe, significa che i passi sono molto lunghi e che state camminando in modo forzato. Dovete sentirvi comodi senza che vi faccia male nulla.
  • I passi devono essere veloci, ma mai allungando le falcate. Iniziate a un passo normale e nel giro di cinque minuti aumentate la frequenza.
  • Mentre camminate fate attenzione a come si muovono i fianchi. Deve essere un movimento continuo, ma naturale che non vi faccia male e che non vi dia fastidio. La pelvi e i fianchi acquistano mobilità camminando.
  • I piedi devono appoggiare nel modo giusto: il tallone deve toccare per primo e le dita danno l’impulso. In questo modo eviterete lesioni e dolore.
  • La testa deve stare in posizione normale, né alta né bassa. Non guardate i vostri passi, ad esempio, o finirete per avere la nausea o qualche altro fastidio. L’essenziale è che la camminata sia il più comoda possibile mantenendo un passo adeguato.
  • Gli uomini devono essere sciolti e rilassati in ogni momento. Camminate con disinvoltura.
  • Vediamo adesso il torso. Dovete stare dritti e ricordare di tenere l’ombelico in dentro così che la schiena risulti dritta e i fianchi rilassati.
  • Le braccia devono essere piegate a 90°. Sono queste a dare l’impulso alla camminata. Mentre camminate ondeggiatele senza allontanarle dal corpo in nessun momento. Ricordate anche di non chiudere i pugni.

4. La respirazione adatta per camminare

La respirazione deve essere addominale. Ricordatevi che camminare è un esercizio aerobico: il sangue apporta ossigeno agli organi e ai muscoli che lavorano, e grazie a questo combustibile possono bruciare grassi e convertirli in energia. Pertanto è necessario realizzare una respirazione addominale profonda. Prendete aria e gonfiate l’addome, poi fatela uscire dalla bocca. È molto semplice.

Come potete vedere non è molto complicato. Cercate di farlo divertendovi. Si tratta di un esercizio sano che tutti dovrebbero praticare ogni giorno. Vi incoraggiamo a farlo e vedrete che i risultati si noteranno sulla bilancia nel giro di un mese e mezzo. I chili che potete perdere dipendono sempre dal vostro metabolismo, ma ricordatevi comunque di seguire una dieta corretta e bilanciata.

Guarda anche