Differenze tra abuso sessuale e stupro

9 aprile 2018
Anche se abuso sessuale e stupro non sono sinonimi, in entrambi i casi la vittima viene obbligata a commettere azioni di indole sessuale contro la sua volontà.

Abuso sessuale e stupro sono due termini che vengono utilizzati come se fossero sinonimi. Tuttavia, capire le differenze che celano tali termini, ci permetterà di fare un po’ di luce su due realtà che, purtroppo, sono all’ordine del giorno attualmente.

Sia dopo aver subito un abuso sessuale che uno stupro, la vittima può soffrire di disturbi come stress post-traumatico e diminuzione dell’autostima oltre che sentirsi, per tutta la vita, indifesa.

Leggete: Violenza e abuso nelle relazioni di coppia tra adolescenti

Vediamo separatamente in cosa consistono abuso sessuale e stupro.

Stupro, l’atto sessuale forzato

Stupro rappresentato con mano di uomo che stringe polso di donna

Lo stupro prevede la realizzazione dell’atto sessuale con penetrazione in maniera forzata. Ricorrendo alla forza e all’intimidazione, la vittima viene sottomessa a mantenere relazioni sessuali contro la propria volontà. 

  • Lo stupro può prodursi in tre modi diversi: via orale, anale o vaginale.
  • Non ci deve necessariamente essere penetrazione con i genitali, ma anche con oggetti o altre parti del corpo come le dita.

Sebbene nello stupro si verifichi un atto sessuale non consenziente, in realtà la persona che lo compie non cerca sempre la soddisfazione sessuale.

Scoprite: Il mio partner mi ama o mi usa?

In alcuni casi cerca semplicemente di fare sfoggio del proprio potere, di sottomettere l’altra persona per godere così della sensazione di potenza oppure può attrarlo l’idea di dominare qualcuno contro la propria volontà.

L’importante è che il sesso giri attorno allo stupro e venga utilizzato come strumento per ottenere un fine. Ciò può significare cercare piacere, dominare o sottomettere.

L’abuso sessuale e la sua presenza nella coppia

uomo in mutande e donna che dice no con la mano

Anche se il titolo può risultare un po’ scioccante, l’abuso sessuale può essere presente nella coppia. In tali casi non c’è violenza fisica né aggressione, ma inganni e manipolazioni.

L’obiettivo è che l’altra persona faccia cose che permettano a chi abusa di eccitarsi. Ad esempio, attraverso la coercizione, questi potrebbe costringere la vittima a inviare foto spinte sul cellulare. 

Inoltre, la persona che abusa sessualmente può ricorrere a contatti fisici e sfioramenti per rendere nervosa la propria vittima. In poche parole, la perseguita.

Leggete: 5 forme di abuso emotivo che non sempre riconosciamo

Cosa ha a che vedere l’abuso sessuale con una relazione di coppia? Ebbene, ad esempio si può forzare il partner a praticare sesso orale quando non ne ha voglia.

Esiste anche una pratica denominata “stealthing” che prevede il ritiro del preservativo mentre si stanno mantenendo relazioni sessuali consenzienti senza che l’altra persona se ne renda conto.

Ciò viene considerato abuso sessuale.

Abuso sessuale e stupro non sono sempre una parafilia

Donna che piange e fa gesto stop con la mano

Molto spesso si pensa che l’abuso sessuale e lo stupro che alcune persone possono esercitare contro altre siano una sorta di parafilia. In realtà può andare molto al di là di ciò.

Traumi o qualche tipo di abuso subito durante l’infanzia che non è stato superato, possono fare in modo che alcune persone cerchino di dominare ed esercitare violenza sulle altre.

In qualche modo, tali persone stanno mettendo in mostra i problemi che li tormentano e di cui non si sanno occupare in modo sano, ad esempio andando da uno psicologo.

Ciò di solito avviene perché la maggior parte delle persone tende a negare quei fatti dolorosi che le ha colpite in modo profondo. Tuttavia, per quanto non vogliano affrontarli, continuano ad essere presenti.

  • Oggi gli stupri sono puniti gravemente, dai 6 ai 12 anni di prigione.
  • L’abuso sessuale, però, prevede solo pene che vanno dai 4 ai 10 anni, a seconda del tipo di abuso.

Prima di andarvene, non perdetevi: 7 effetti invisibili della violenza psicologica

Non abbiamo alcun dubbio sul fatto che la vittima è colei che subisce le peggiori conseguenze.

Quelle psicologiche in particolare, come la paura e l’insicurezza frutto di tutto ciò, possono trasformare il modo di relazionarsi con le altre persone

Una vittima di abuso sessuale e stupro impiega molti anni a recuperarsi, nonostante abbia deciso di andare dallo psicologo e di sottoporsi a vari trattamenti.

Alcune persone non riescono mai a riprendersi completamente. Ciò che è avvenuto lascia un’impronta talmente profonda che continuerà a fargli del male per il resto della loro vita.

Guarda anche