6 effetti negativi delle farine raffinate

Sapevate che il consumo di farine raffinate, oltre a rendere più difficile la digestione, è anche associato alla depressione? Inoltre, più che dare energia, possono causare sonnolenza

Le farine raffinate fanno parte della regolare alimentazione di milioni di persone in tutto il mondo e, nonostante le avvertenze sui loro effetti negativi, molti ancora non sanno quanto possano essere pericolose per la salute.

Questo prodotto attraversa una serie di procedimenti di raffinazione che, sfortunatamente, ne riduce i principi nutritivi essenziali.

Anche se le farine raffinate, in piccole quantità, non causano molti effetti indesiderati, consumarle in maniera assidua fa male.   

La cosa più preoccupante è che il loro utilizzo sembra inevitabile, in quanto si trovano in molti prodotti alimentari.

Per questo motivo, è importante sapere quali sono gli effetti negativi e perché cercare di limitarle.

Scopriamoli insieme!

1. Aumentano il rischio di diabete

Misuratore della glicemia

Le persone che consumano farine raffinate tutti i giorni sono ad alto rischio di soffrire di diabete rispetto a quelle che prediligono la farina integrale.

  • Queste contengono alti livelli di carboidrati semplici che producono picchi di zuccheri se non vengono impiegati come energia per il corpo.
  • Nello specifico, l’amilopectina (uno dei carboidrati presenti nelle farine raffinate) si trasforma con facilità in zuccheri e crea uno scompenso dei livelli di glucosio nel sangue.

Leggete anche: Alimentazione dei bambini: 13 consigli per i piccoli fino a 3 anni

2. Fanno aumentare di peso

Gli alimenti elaborati con farine raffinate sono i principali responsabili dell’aumento del peso corporeo e delle difficoltà metaboliche.

  • Il consumo di questo ingrediente è uno dei maggiori ostacoli per chi sta cercando di perdere peso in modo sano.
  • I carboidrati contenuti nelle farine raffinate rallentano il ritmo metabolico e, aumentando il glucosio nel sangue, favoriscono l’accumulo dei grassi soprattutto nella zona addominale.   
  • Inoltre, non saziando, aumentano l’ansia da cibo.

3. Ostacolano la digestione

Ragazza con mal di pancia

Una delle caratteristiche di questa farina è che, a causa del processo di raffinazione al quale è sottoposta, viene privata di più dell’80% della sua fibra dietetica.

Dunque, dopo essere stata consumata, può causare problemi al sistema digerente e al colon. 
  • La ridotta quantità di fibre causa la difficile digestione di questo alimento, provocando stitichezza e infiammazione.
  • Inoltre, altera anche la flora batterica intestinale aumentando i gas allo stomaco, l’indigestione e i dolori.

4. Provocano infiammazione

Le persone che soffrono di malattie infiammatorie, come l’artrite, devono completamente eliminare le farine raffinate dalla loro alimentazione.

  • Sebbene piccole porzioni di farine raffinate non generino reazioni significative, consumarle abitualmente può invece scatenare risposte infiammatorie da parte del sistema immunitario.
  • Questo è causato dagli squilibri dei livelli di glucosio nel sangue, interferendo così nelle funzioni che trasformano le proteine in fonti di energia per il corpo.
  • Quando si accumulano nell’organismo, generano una reazione chiamata glicazione, che produce un processo infiammatorio nei tessuti sani.

Leggete anche: Alimentazione emotiva: il cibo che “riempie” un vuoto

5. Possono causare intolleranze

Donna che dice no al pane

Le intolleranze alimentari producono reazioni infiammatorie nell’organismo e un’ampia varietà di sintomi digestivi che pregiudicano la qualità della vita.

  • Le farine raffinate contengono alti livelli di glutine, una proteina difficile da digerire che può essere il fattore scatenante di questi tipi di problemi.

6. Aumentano il rischio di depressione

Mentre gli alimenti a base di farine raffinate producono una leggera sensazione di piacere momentaneo, l’accumulo dei loro carboidrati viene relazionato alla depressione o ai disturbi dell’umore.

  • Queste sostanze, che aumentano i livelli di glucosio nel sangue, alterano la chimica del cervello producendo una sensazione di stanchezza fisica e mentale. 
  • Possono provocare dunque disturbi del sonno e riduzione della produttività durante lo svolgimento delle mansioni quotidiane.
  • Perciò, al posto di apportare energia e forza all’organismo, generano una sensazione di stanchezza cronica e sonnolenza
  • Questo spiega il perché, dopo averle mangiate, alcuni si sentono spossati e hanno bisogno di fare una pennichella.

Consumate spesso farine raffinate? Se è così, e molti degli alimenti che mangiate le contengono, iniziate a limitarle.

Sebbene sia difficile eliminarle completamente dalla vostra dieta, sappiate che esistono tantissime altre interessanti alternative che possono rimpiazzarle permettendovi di sperimentare una vasta gamma di squisite ricette.

Anche se non avete ancora notato effetti negativi delle farine raffinate sul vostro organismo, vedrete come vi sentirete meglio dopo averle eliminate del tutto.

Guarda anche