I migliori frutti per trattare l’anemia

26 novembre 2014
Oltre ad apportarci ferro, la frutta contiene vitamine che ci aiutano a fissarlo nell'organismo. L'acerola è quella che contiene i maggiori livelli di vitamina C e ferro.

Tutti possono arrivare a soffrire di anemia in un dato momento della propria vita. Mangiare male, mestruazioni abbondanti, un problema ai reni o al fegato… la carenza di ferro porta a delle conseguenze che non si possono ignorare. Perché ad esempio non iniziare a mangiare più frutta? Di seguito vi spieghiamo qual è la più adeguata per trattare l’anemia.

Che frutta bisogna mangiare per trattare l’anemia?

macedonia

Frutta per l’anemia

Può la frutta riuscire a sopperire alla mancanza di ferro? Non del tutto, ma in realtà è fondamentale per poter stabilizzare il livello di ferro dell’organismo. Molti nutrizionisti consigliano ad esempio di accompagnare gli alimenti che contengono ferro con un goccio di limone. Le vongole, le cozze, gli spinaci, ad esempio. Se aggiungete una spruzzata di limone, potrete trarre ancora più benefici a livello di ferro.

La frutta, dunque, si distingue come complemento essenziale per ridurre e trattare l’anemia. La natura offre sempre elementi naturali da cui ottenere tutti i nutrienti di cui si ha bisogno; la frutta non apporta solo ferro, ma anche vitamine che aiutano a stabilizzare i livelli di questo sale minerale nel corpo, aiutando a sopperire alla sua mancanza. Prendete nota.

1. Arance e limoni

agrumi

Gli agrumi, ricchi di vitamina C, sono alimenti imprescindibili per rendere la dieta completa. Includete nella vostra colazione del succo d’arancia, preparatevi una bella tazza d’avena con fragole, noci e mandorle, spruzzate le vostre insalate con un goccio di succo di limone. Tutto ciò farà migliorare la vostra anemia.

2. Ciliegie

Si tratta di uno dei migliori frutti medicinali. Siete a conoscenza di tutte le loro proprietà? Le ciliegie sono digestive, servono a trattare la stitichezza e le infiammazioni, apportano energia e, aspetto più importante, dispongono di una dose molto elevata di ferro. Sono magnifiche! Potete mangiarle al naturale o essiccate, e sono ideali per la colazione o come spuntino a metà giornata per ricaricare le energie. Seconde solo agli agrumi, le ciliegie sono fantastiche per l’anemia.

3. Frullato di mela e pera

succo di pera

Sane, salutari, polivalenti e curative. Ricordate il detto “una mela al giorno toglie il medico di torno”? Delle pere si può quasi dire lo stesso. Forse, però, non conoscete i grandi benefici del bere uno squisito frullato di mela e pera. È ideale per la colazione. Sbucciate mela e pera, mettetele nel frullatore e aggiungete un bicchiere d’acqua. Vi farà impazzire e sarà perfetto per alzare i livelli di emoglobina nel sangue.

4. L’acerola

azzeruolo

Conoscete questo frutto curativo e terapeutico? Se è la prima volta che ne sentite parlare allora prendete appunti perché da solo spicca come uno dei frutti con maggiori livelli di vitamina C e ferro. L’acerola è un tipo di ciliegia delle Indie Occidentali che oggigiorno viene coltivato in diversi paesi. Come vi abbiamo già detto, questo frutto dispone di abbondanti quantità di vitamina C, ma anche di altre tipologie di nutrienti come vitamina B6, vitamina B1, vitamina A, flavonoidi e sali minerali essenziali (ferro, calcio, fosforo, potassio, magnesio), indispensabili per l’organismo. Come potete assumerlo? Potete mangiarlo fresco, sotto forma di succo o addirittura sotto forma di composta. È perfetto per trattare l’anemia perché diminuisce i sintomi di stanchezza, stress e fatica, e in più rafforza il sistema immunitario.

Guarda anche