Intelligenza emotiva: un valido aiuto nei momenti difficili

17 settembre 2016
La cosa bella dell'intelligenza emotiva è che la si può imparare ed acquisire, quindi, se non siamo felici, possiamo favorire un cambiamento in meglio usando noi stessi come intermediari

L’intelligenza emotiva è la strategia più adatta per migliorare la nostra qualità di vita. Dato che prima o poi tutti attraversiamo momenti di profonda crisi personale, non c’è niente di meglio del sapersi destreggiare nel mondo delle emozioni.

Come si suol dire, le emozioni possono diventare la nostra forza più grande o, al contrario, la nostra più grande debolezza. Tutto dipende da come le utilizziamo nella realtà di tutti i giorni.

Una cosa da tenere in considerazione è che le dimensioni psicologiche come la tristezza, la paura o la rabbia non sono poi così negative come pensiamo.

Alla fine, sono solo “segnali” che ci avvisano che qualcosa non sta andando come dovrebbe. Sono un allarme a cui bisogna saper reagire, che bisogna gestire e trasformare impedendogli di dominarci.

Oggi vogliamo fornirvi alcuni consigli e strategie perché possiate indossare un’armatura dorata ed efficace per affrontare quei momenti di buio personale.

Intelligenza emotiva: la chiave per la porta della felicità

Se desiderate approfondire le sempre interessanti e utili teorie sull’intelligenza emotiva, vi consigliamo libri come Intelligenza emotiva La leadership risonante, entrambi di Daniel Goleman, oppure Il potere dell’intenzione di Wayne W. Dyer.

Questi testi vi daranno eccellenti informazioni per capire come avviare un cambiamento personale per diventare più felici e produttivi nel contesto quotidiano, che sia lavorativo, personale o affettivo.

Vi consigliamo di leggere anche: Solo voi sapete ciò che avete superato e ciò che avete lasciato andare

Noi di Vivere più Sani vogliamo darvi alcuni semplici consigli per la vita di tutti i giorni, per quando dovete affrontare momenti di vulnerabilità o di indecisione, opportunità da cui potrete uscire vincitori.

Prendete nota di queste strategie.

Ragazza-con-il-cuore-spezzato intelligenza emotiva

La conoscenza di sé

Questa strategia a prima vista potrebbe sembrare troppo semplice.

Tuttavia, se mettete in pratica gli esercizi che vi proponiamo, vi renderete conto che, a volte, ciò che crediamo di essere non corrisponde a quello che facciamo ogni giorno.

Pensate per qualche minuto a queste dimensioni.

Usate sei parole per definirvi e, poi, fate degli esempi che siete davvero fatti in questo modo.

Vi facciamo qualche esempio:

  • Io sono coraggioso ⇒ Lo posso dimostrate? No, perché fino ad ora ho dato troppo peso a quello che gli altri dicono o decidono.
  • Io sono una persona positiva ⇒ Lo posso dimostrare? No, perché in questo momento le cose non vanno bene e ho smesso di vedere il lato positivo della vita.
  • Io sono affettuoso ⇒ Lo posso dimostrare? Non molto, perché ora non mi sento bene con me stesso e non sono così affettuoso con gli altri come lo ero prima.

Ora che avete definito il vostro modo di essere, provate ad annotare come vi piacerebbe essere in determinati momenti:

  • Ora vorrei sentirmi più tranquillo.
  • Mi piacerebbe stare bene con me stesso, sentirmi orgoglioso.
  • In questo momento avrei bisogno di stare solo.

Fate attenzione alle differenze di ogni situazione e rifletteteci su: quello che provate ora è come vorreste essere davvero.

Una-porta-si-apre-nel-cielo intelligenza emotiva

Tu sei responsabile della tua felicità, non dare la colpa agli altri

È possibile che questa frase non vi sia nuova. Come possiamo non incolpare qualcuno della nostra infelicità se questa persona mi causa solo delusioni e lacrime?

  • L’intelligenza emotiva ci insegna, prima di tutto, la necessità di essere responsabili di noi stessi, facendoci riconoscere i nostri bisogni, le nostre paure e le nostre virtù.
  • Dato che tutti dobbiamo essere responsabili della nostra felicità, è necessario prendere delle decisioni. Se qualcuno ci fa del male, dobbiamo difenderci con assertività e mettere bene in chiaro dove sono i limiti.
  • Dobbiamo esprimere chiaramente le nostre emozioni e i nostri sentimenti. Se gli altri non si comportano come dovrebbero, con rispetto ed affetto, allora sarà necessario prendere una decisione.

Non colpevolizzate gli altri, non portate rancore, rabbia o disprezzo. Tutto questo è troppo pesante per il vostro cuore. L’intelligenza emotiva ci insegna che per essere felici dobbiamo liberarci di quelle emozioni che, volenti o nolenti, possono farci ammalare.

Sei tu a decidere quanto vali, non devi dimostrare niente a nessuno

Arrivati a questo punto, siete già pienamente consapevoli delle vostre emozioni, delle vostre necessità e sapete anche di dovere essere assertivi e che è necessario mettere dei limiti per chiarire cosa siete disposti a permettere e cosa non.

Quale sarà il passaggio successivo per emergere dalla crisi personale in cui vi trovate in questo momento?

  • Riconoscete quali sono le vostre virtù, i vostri punti di forza. Sapete quanto valete e ciò di cui avete bisogno, quindi iniziate ad assimilare la calma dentro di voi. Basta dubbi, basta paura.
  • Non c’è bisogno di dimostrare niente a nessuno. Ognuno ha il proprio universo personale e il proprio modo di comprendere il mondo. Finché c’è rispetto, tutti abbiamo il diritto di “essere” e di “lasciar essere”.

Vi consigliamo di leggere anche: Non date la priorità a chi vi considera solo un’opzione

Ragazza-felice-con-farfalle intelligenza emotiva

Accendete il motore del cambiamento. Sapete quanto avete sofferto e lottato nella vostra vita, quindi… Chi dice che non meritate di essere felici “a modo vostro”?

Siate coraggiosi. Iniziate oggi stesso.

Guarda anche