5 permessi che dovete concedervi per migliorare la vostra crescita emotiva

· 21 ottobre 2016
Anche se sembra un po’ contraddittorio, i permessi che devono avere più valore nella nostra coscienza sono quelli che noi stessi ci concediamo. Le opinioni degli altri sono secondarie

Oggi parliamo di permessi emotivi. È probabile che nessuno abbia mai affrontato con voi questo argomento. Infatti, non si studia a scuola e, a volte, nemmeno i nostri genitori si preoccupano di parlarcene.

I permessi emotivi sono l’ingrediente più importante per avere una vita degna, felice, equilibrata. Sono fatti di libertà e di emozioni che ci aiutano a guarire nei momenti difficili.

Nonostante ciò, quello che tutti sappiamo è che, la maggior parte delle volte, proiettiamo la nostra vita verso l’esterno. Ci preoccupiamo di ciò che gli altri pensano di noi. Ci sforziamo di offrire il meglio di un individuo per far stare bene tutti gli altri.

Nonostante ciò, perché non iniziamo a fissare il nostro sguardo dentro di noi? Che ci crediate o no, è così che ci si risveglia davvero: guardando all’interno, per essere più liberi all’esterno.

Nel nostro articolo di oggi, vogliamo condividere con voi i 5 permessi che dovete concedervi per favorire la vostra crescita personale. Iniziate subito a metterli in pratica. In fondo, vi bastano due cose per riuscirci:

Il coraggio e il desiderio di essere felici.

I 5 permessi necessari per la propria crescita emotiva

Quando siamo al lavoro, ci diamo il permesso di andare dal dottore o di risolvere alcune questioni burocratiche. A volte ci concediamo qualche capriccio: uscire con i propri amici, comprarci un libro o un vestito nuovo, uscire a passeggiare da soli durante le ultime ore del giorno…

Leggete anche: Bisogna essere felici, non perfetti

Eppure… che ne è dei permessi della felicità? Quando è stata l’ultima volta che vi siete detti “oggi mi rendo felice”? Sappiamo bene che non è facile, che nessuno può venire meno ai propri impegni da un giorno all’altro per fare ciò che desidera.

Nonostante ciò, la chiave sta nell’equilibrio e, soprattutto, nel darsi il permesso di essere felici in ciò che facciamo. Prendete appunti su questi 5 punti chiave.

mani-colibri

1. Mi concedo il permesso di essere chi sono e di non cambiare per nessuno

Forse vi sorprenderà, ma le persone cambiano spesso in seguito all’influenza degli altri. A volte una relazione di coppia tormentata e complicata rifinisce molte delle nostre caratteristiche.

  • Smettiamo di essere chi siamo per diventare l’ombra di qualcun altro. Ci dimentichiamo di prenderci cura di noi stessi, di ascoltare le nostre necessità e, poco a poco, finiamo per vivere con più paure che speranze.
  • Non cambiate mai per nessuno. Dovete difendere la vostra essenza, i vostri valori, la vostra bellezza interiore. Concedetevi il permesso di celebrare la persona che siete senza il bisogno di rinunciare a nulla.

2. Mi concedo il permesso di provare emozioni e di comprendermi

Ci succede molto spesso: ci sentiamo frustrati, arrabbiati con qualcuno, feriti o delusi. Nonostante ciò, invece di sciogliere questo nodo emotivo per cercare una soluzione, lo nascondiamo nell’angolo più recondito del nostro cuore, facendo finta di niente.

  • Facciamo finta che non sia successo niente, “che vada tutto bene”, quando, in realtà, non è così.
  • Non fatelo, datevi il permesso di provare quelle emozioni, per poi poterle comprendere, risolverle e guarire. La libertà emotiva è fondamentale se si vogliono porre le basi per la propria felicità.
  • D’altra parte, capire come ci si sente e l’effetto che certe cose e certe persone hanno su di noi  ci permette di conoscerci molto meglio. Datevi il permesso di affondare nella parte più buia di voi, di tirarla fuori alla luce del sole e di guarirla.

Scoprite anche: L’intimo legame emotivo tra madre e figlia

Una cosa del genere vi costringerà, senza alcun dubbio, ad affrontare molte delle vostre paure e molti di quei problemi irrisolti che tutti ci trasciniamo dietro nel presente.

disegno-donna

3. Mi concedo il permesso di cercare ciò che desidero

Prima di cercare ciò che ci rende felici, dobbiamo sapere chiaramente cosa vogliamo. Sembra curioso, ma molte persone trascorrono gran parte della loro esistenza sentendo quel vuoto interiore nel quale non conoscono bene le loro priorità né il bisogno di essere felici.

  • Concedetevi il permesso di raggiungere la vostra pace interiore. Non permettete a nessuno di amareggiarvi o di costringervi a fare qualcosa che non va d’accordo con i vostri valori.
  • Datevi il permesso di far contare ogni singolo giorno. Non importa se avete degli impegni o dei compiti: concedetevi due ore da dedicare a voi stessi, facendo ciò che amate.
  • Stabilite degli obiettivi per i quali lottare, delle speranze a breve e a lungo termine.
  • Strutturate la vostra vita in modo che, ogni volta che aprite gli occhi la mattina, le vostre speranze vi spingano ad andare avanti, a lottare.

4. Ho il diritto di avere la mia opinione e quindi mi concedo il diritto di esprimerla

Non restate in silenzio e cercate di essere sinceri ogni singolo giorno della vostra vita. Solo in questo modo sentirete quella congruenza emotiva nella quale ciò che pensate e ciò che sentite corrispondono esattamente a ciò che fate e ciò che dite.

donna-e-leone

5. Mi concedo il permesso di chiudere certe fasi della mia vita

Chiudere dei cicli e delle tappe della vita non è affatto facile. Sono molti a rifiutarsi di farlo. Pensano sia meglio restare in silenzio, sopportare e mantenere quella dinamica che, anche se li rende infelici, è l’unica cosa che hanno.

Non fatelo: concedetevi il permesso di essere felici e siate in grado di lasciar andare ciò che non ha futuro, ciò che vi ferisce, ciò che ormai vi va stretto.

Scoprite anche: Con il tempo impariamo ad amare di più, ma meno persone

Chiudete i cicli, dite sì ai cambiamenti che arrivano per migliorare la vostra vita e che vi offrono nuove opportunità per essere felici. Scegliete di crescere dentro per essere felici fuori.

Concedetevi questi 5 permessi da subito, ne vale la pena.

Guarda anche