Proprietà della cannella

28 aprile 2016
La cannella è una spezia raccomandata per coloro i quali soffrono di problemi circolatori o di diabete, in quanto aiuta a controllare i livelli di glucosio nel sangue

Come già sapete, la cannella è una spezia molto utilizzata in cucina, per insaporire diverse pietanze e dolci. Senza dubbio, questo non è l’unico scopo della cannella, poiché questa spezia possiede numerosissime proprietà.

Come tanti altri prodotti che si trovano in natura, come piante e frutta, la cannella apporta molti benefici alla salute, dunque viene spesso utilizzata come rimedio medicinale. Conosciamola meglio!

Origini della cannella

Esistono alcuni documenti cinesi dell’anno 2800 a.C. che parlano della Cinnamomum zeylanicum; la prima parola, di origine greca, significa legno dolce, mentre zeylanicum deriva dal nome del luogo in cui si coltivava, lo Sri LankaIn Italia prese il nome di cannella che significa “piccolo tubo”, riferendosi alla particolare forma che assume quando si secca.

La cannella attualmente si coltiva nello Sri Lanka, in Cina, India e in alcuni paesi dell’America del Sud. Viene però utilizzata in tutto il mondo.

Usi medicinali

La cannella veniva impiegata come medicinale sin dalle epoche più remote come trattamento per i problemi respiratori e per l’influenza. Fu anche utilizzata per conservare la carne; quindi, le sue sue proprietà non lasciavano formare né muffa né batteri.

Problemi circolatori

La cannella è un potente anticoagulante, ottimo per la circolazione sanguigna. Consumare cannella frequentemente favorisce la buona circolazione del sangue, evitando che si accumulino le piastrine. Date queste proprietà, è importante mangiarla durante il ciclo mestruale, in quanto evita i dolori che si producono durante questi giorni. Una buona circolazione sanguigna permette la corretta ossigenazione delle cellule e per questo l’organismo funziona in maniera adeguata. Molte persone la consumano sotto forma di tisana, come complemento per le loro diete dimagranti.

La cannella è antiaggregante, antisclerotica e antitrombotica e per questo è importante per prevenire ed evitare le varici. 

Diabete di tipo II

Grazie ad alcune ricerche scientifiche realizzate sui benefici che può apportare la cannella ai pazienti affetti da diabete di tipo 2, è stato provato che questa spezia, se consumata regolarmente, da buoni risultati. Tra tutti i suoi componenti, la cannella ne contiene uno molto importante, chiamato cinnamtannin, che aiuta a ridurre i livelli di glucosio nel sangue. La cannella può essere assunta a digiuno o dopo i pasti. Coloro i quali soffrono di diabete, devono consumarne mezzo cucchiaino due volte al giorno, sotto forma di tisana o di capsule all’olio di cannella.

Altri usi della cannella

Si raccomanda il consumo di cannella se si presentano infezioni o funghi. Da circa mille anni si utilizza per combattere il raffreddore e le congestioni grazie alle sue proprietà antinfiammatorie ed antibatteriche. Inoltre, è anche molto utile per equilibrare la temperatura corporea, poiché riduce la febbre.

È importante anche per il sistema digerente, in quanto bere una tazza di te’ alla cannella stimola l’appetito e contrasta diarrea e vomito. In questo modo, il sistema digerente viene correttamente stimolato. È anche un potente afrodisiaco, perciò potete bere una tazza di te’ alla cannella insieme al vostro partner, un po’ prima di andare a dormire. Inoltre, alcuni studi recenti si stanno concentrando sui possibili benefici di questa spezia sul sistema nervoso centrale degli anziani.

Guarda anche