Rimedi naturali per il fegato infiammato

· 6 marzo 2018
Se il fegato risponde a una condizione alcolica, è imprescindibile smettere di bere affinché la situazione non degeneri e non si metta a rischio la propria vita.

Il nostro fegato si trova nella parte superiore destra dell’addome. È di colore rosso scuro, simile a quello del vino rosso.

Questo importante organo ha il compito di:

  • Regolare le sostanze chimiche nel sangue.
  • Produrre la bile.
  • Processare il sangue che esce dallo stomaco e dagli intestini.
  • Metabolizzare i farmaci per evitare l’intossicazione dell’organismo.
  • Produrre proteine per il plasma sanguigno.
  • Immagazzinare il ferro.
  • Regolare la coagulazione del sangue.
  • Depurare la bilirubina.
  • Regolare i grassi.

Queste sono sole alcune delle più importanti. È stato determinato che il fegato svolge più di 500 funzioni nell’organismo.

Fegato infiammato?

Il fegato infiammato, o epatomegalia, si produce quando questo organo aumenta di dimensioni al di là del normale. Ciò può essere dovuto a diverse cause:

  • Epatite: un’infezione virale che può essere di tipo A o B.
  • Epatite alcolica: il consumo eccessivo di alcol danneggia le cellule del fegato.
  • Consumo di sostanze chimiche e tossine.
  • Infezioni batteriche.
  • Dieta ricca di grassi: la cattiva alimentazione può influire sull’ingrossamento del fegato.

A seconda della causa, bisogna somministrare diversi trattamenti e seguire alcune raccomandazioni.

  • Se il fegato infiammato è dovuto a infezioni virali o batteriche, bisogna assumere dei farmaci.
  • Se la causa è il consumo di alcol, bisognerà semplicemente interrompere l’ingestione di tale sostanza.

Rimedi naturali per trattare il fegato infiammato

Tè epatico

cestino con foglie di tè

Si tratta di un infuso preparato con ingredienti che favoriscono la disinfiammazione e il buon funzionamento del fegato.

Ingredienti

  • 1 cucchiaino di tintura di cardo mariano (10 ml)
  • 40 gocce di tintura di mirto
  • 1 tazza d’acqua (250 ml)

Preparazione

  • Mescolate i tre ingredienti e suddividete il prodotto in varie porzioni. Bisogna berne un quarto di tazza quattro volte al giorno.

Dente di leone

Consigliato soprattutto per trattare questo problema. Si tratta di un depurante naturale che aiuta a far diminuire il colesterolo nel sangue. Fa diminuire anche i livelli di grasso nel fegato.

Visitate questo articolo Tarassaco: 7 benefici che forse non conoscete

Boldo

Si tratta di una pianta medicinale che contiene alcaloidi. I suoi componenti favoriscono il funzionamento della vescicola biliare e, di conseguenza, la depurazione del fegato.

Tè verde

 Tè verde

Gli antiossidanti del tè verde favoriscono la rigenerazione delle cellule del fegato. Inoltre, combattono l’accumulo di grasso in questo organo grazie a delle sostanze chiamate gallato di epigallocatechina (EGCG).

Tamarindo

È un eccellente depurante naturale che aiuta a disinfiammare il fegato. Può essere assunto sotto forma di infuso.

Papaya

Il succo di semi di papaya macinati e successivamente filtrati sono un ottimo depurante per il fegato.

Si consiglia inoltre di consumare il succo di questo frutto con alcune gocce di limone. La papaya aiuta anche a migliorare notevolmente la digestione.

Carciofi

cestino di carciofi

Aumentano la secrezione di bile e, pertanto, contribuiscono al trattamento del fegato infiammato. Aiutano anche ad eliminare le tossine. Possono essere cucinati al forno, bolliti o serviti sotto forma di succo.

Limone

Favorisce la digestione e apporta antiossidanti. Possiamo approfittare dei suoi benefici per il trattamento del fegato infiammato se lo consumiamo giornalmente.

Ingredienti

  • 1 bicchiere d’acqua (200 ml)
  • Il succo di 1 limone

Preparazione

  • Aggiungete il succo di un limone in un bicchiere d’acqua a temperatura ambiente e consumatelo a digiuno.

Nota: è possibile aggiungere delle gocce di limone a tutti gli infusi per il fegato. Il limone è sempre un ingrediente benefico.

Pere

cestino con pere

Il consumo di questi frutti contribuisce a una buona digestione, in quanto contengono pectina. Favoriscono, inoltre, la secrezione dei succhi gastrici. Le pere, come se non bastasse, sono deliziose e rinfrescanti.

Pompelmo

I pompelmi sono frutti che contengono antiossidanti che aiutano a depurare il fegato. Si possono consumare sotto forma di infusi con salvia, ad esempio.

Volete saperne di più? Depurare fegato e reni con limone, pompelmo e zenzero

Salvia

Il consumo di salvia sotto forma di infuso contribuisce all’eliminazione degli acidi grassi.

Liquirizia

Radici di liquirizia

Rafforza e protegge le cellule del fegato. Funziona anche come antinfiammatorio. La liquirizia possiede proprietà antivirali, per questo collabora al trattamento del fegato infiammato a causa di epatite virale.

Possiamo assumerla sotto forma di infuso.

Ingredienti

  • 2 tazze d’acqua (500 ml)
  • 2 cucchiai di liquirizia (20 g)
  • 1 pugno di anice stellato
  • 1 cucchiaio di boldo (10 g)
  • Miele (opzionale)

Preparazione

  • Fate bollire mezzo litro d’acqua e aggiungete due cucchiai di liquirizia e l’anice stellato. Lasciate cuocere per circa cinque minuti.
  • Successivamente abbassate il fuoco e aggiungete le foglie di boldo. Coprite e lasciate riposare cinque minuti.
  • Per dargli un sapore migliore, potete addolcire con del miele. Questo infuso può essere assunto dopo i pasti.

Tè allo zenzero

Depura il fegato da grassi e tossine. Particolarmente consigliato in caso di fegato grasso.

Dobbiamo ricordare sempre che i rimedi naturali sono un’eccellente maniera per favorire la guarigione dalle malattie. Tuttavia, non sostituiscono i normali trattamenti medici.

Guarda anche