Russare: fastidio e pericolo per la salute

· 18 giugno 2015

Russare è molto più di un fastidio notturno che impedisce di conciliare il sonno. Se anche il vostro partner russa, è possibile che non sappiate cosa fare, quale rimedio suggerirgli o come fargli smettere di emettere quel fastidioso rumore che non vi fa dormire.

Si parla spesso del russare come di una caratteristica maschile, ma sapevate che l’apnea del sonno è frequente anche tra le donne? È una realtà molto comune e allo stesso tempo pericolosa. Non bisogna trascurarla.

Molte donne vanno a letto angosciate perché hanno paura di infastidire il partner, consapevoli che l’apnea notturna ha come conseguenze l’impossibilità di riposare correttamente, l’irritabilità e il mal di testa mattutino. Cosa potete fare per liberarvi di questo fastidioso disturbo del sonno?

Russare nella vita quotidiana

Almeno il 20% della popolazione russa durante la notte. E, come sapete, è anche motivo di litigio tra le coppie, soprattutto se uno dei due non lo ammette o, pur sapendolo, evita di dare eccessiva importanza a un problema che considera un semplice fastidio notturno.

Chi russa sonoramente e lo fa tutte le notti, si alza stanco, ma non è tutto: manifesta spesso mal di testa, malessere fisico, irritabilità, stress, aumento della pressione arteriosa. Queste sono tutte realtà che possono sfociare in malattie molto più gravi se non si cerca aiuto, perché bisogna capire che russare non è una cosa normale che fanno tutti.

Quali sono le cause del russare?

Apnea

  • Russare è segno di qualcosa che sta accadendo all’interno del nostro corpo. Quando russiamo, perdiamo una certa quantità di energia e questo si ripercuote sulla nostra vita quotidiana. Di fatto, molti medici definiscono questo disturbo come “febbre interiore”, cioè lo considerano un indicatore di salute.
  • Questo disturbo è dovuto ad un restringimento delle vie respiratorie verso i polmoni, in seguito al quale entra meno ossigeno e l’organismo va in ipossia. Poiché non entra aria sufficiente, si produce una vibrazione, responsabile del fastidioso rumore.  Se, in qualsiasi momento, smettesse di entrare aria, l’organismo “smetterebbe di respirare” per un breve periodo di tempo. Questo fenomeno è conosciuto come “apnea del sonno”.
  • Generalmente, le cause del russare si riducono principalmente all’apnea del sonno. Tuttavia, tra i fattori scatenanti, ricordiamo anche la presenza di polipi, l’anatomia del setto nasale o del palato oppure la presenza di allergie. Se russare è un’abitudine costante per voi, allora rivolgetevi al vostro medico per una diagnosi accurata.
  • L’apnea notturna non è un disturbo qualsiasi. Bisogna tenere presente che i polmoni smettono di ricevere ossigeno e che il cervello deve ordinare ai muscoli respiratori di fare uno sforzo maggiore per ottenere aria, da qui il russare sonoro ed improvviso. Se a lungo andare l’apnea del sonno diventa cronica, potrebbe provocare ipertensione, insufficienza cardiaca, diabete di tipo 2 e anche aumentare il rischio di infarti cerebrali e ictus. Non dimenticate che il corpo, il cervello e il cuore smettono di ricevere ossigeno per alcuni secondi: è una cosa grave.

Consigli per ridurre il russare notturno

Russare2

In primo luogo, c’è da chiarire un aspetto: russare è sintomo di qualcosa che non va. Non è la stessa cosa russare per una settimana a causa del raffreddore o di un’allergia e russare sempre, sia di notte, sia dopo pranzo, durante il riposino.

Consultate sempre il vostro medico se voi o il vostro partner russate da tempo. Se vi viene diagnosticata l’apnea del sonno, è necessario che seguiate scrupolosamente le indicazioni mediche che vi verranno prescritte.

A questo punto, anche se russate occasionalmente e non fate troppo rumore, non vi farà male seguire questi semplici consigli. Prendete nota:

  • Tenete il peso sotto controllo, perché l’obesità è tra le cause del russare notturno.
  • Se siete fumatori, abbandonate subito questo vizio. L’ostruzione delle vie respiratorie può essere una conseguenza del fumo, responsabile anche della tosse e del malessere.
  • Dormite sempre di fianco. Una semplice tecnica per abituarsi a questa posizione consiste nel mettere, o cucire, una pallina da tennis sulla parte posteriore del pigiama. In questo modo, quando vi metterete a pancia in su, avvertirete il fastidio della pallina da tennis e vi sistemerete di fianco.
  • Cercate di rispettare degli orari per quanto riguarda l’alimentazione e il momento di andare a letto. La routine fa bene alla salute dell’organismo.
  • Mantenete il vostro corpo idratato durante tutto l’arco della giornata. Bevete acqua in abbondanza e utilizzate soluzioni fisiologiche per decongestionare il naso qualora fosse necessario. Le mucose nasali non saranno così secche e non russerete.
  • Cambiate regolarmente la federa del cuscino. A volte, l’accumulo di acari può scatenare allergie o seccare le vie respiratorie. Vale la pena tenerlo presente.
Guarda anche