Se non piangete, lo farà il vostro corpo

30 aprile 2017
Ci è stato sempre detto che piangere è segno di debolezza, ma è un gesto che porta grande sollievo. Trattenendo sempre le lacrime rischiamo di lasciarci sopraffare dalle emozioni e ci impediamo di essere felici.

Se non piangete, il vostro corpo lo farà per voi. Perché quando ci si sforza di sopportare, di mantenere il contegno, di trattenere tutto quello che preme per uscire all’esterno, si finisce per scoppiare.

Non siamo fatti per imprigionare emozioni e sentimenti destinati invece ad essere espressi, manifestati, liberati.

Leggete anche: Quando piangi la perdita di una persona, per chi sei triste?

Il timore di come reagiranno gli altri, di quello che diranno di noi o di essere rifiutati ci spinge a conservare dentro di noi quello che, prima o poi, uscirà prepotentemente.

Se non piangete, comincerete a soffrire

Chi trattiene sempre le lacrime è destinato a soffrire, a vivere una vita dominata dalla tristezza, depressione, angoscia…

Sta a voi fare in modo che non accada: trattenere tutto dentro non è l’atteggiamento corretto.

Facciamo un esempio. Immaginate che il vostro partner abbia l’abitudine di mettere i piedi sul tavolo. Non vi siete mai lamentati di questo, forse perché all’inizio pensavate che non fosse un comportamento fastidioso.

La fase dell’innamoramento ci stordisce un po’. Cosa succede quando lo stordimento finisce? Abbiamo una visione più chiara della realtà: quello che prima tolleravamo adesso ci irrita, molto.

Probabilmente comincerete, di tanto in tanto, a dire un “Sai che non mi piace” oppure a far capire al partner, con l’espressione del viso, che il gesto vi disgusta.

Ma se i segnali che inviate non producono nessun cambiamento, sopporterete e sopporterete, con il muso lungo, fino a quando esploderete.

Scoprite: 8 cose che rendono la vita più difficile

Il grande errore è fingere che non ci dia fastidio un gesto irritante, non esprimere il disagio al momento giusto, considerato che tanto, prima o dopo, si arriva ad un limite.

Il vostro corpo vi avvisa quando non state bene

Se avete adottato come stile di vita l’abitudine a sopportare, assorbire e tenere dentro tutte le vostre emozioni, il vostro corpo comincerà ad inviarvi segnali d’allarme.

Mal di testa ricorrenti, problemi di stomaco, eczema o qualunque altro problema di salute può essere un disagio interiore che cerca di richiamare la vostra attenzione. 

È importante prestare ascolto.

Forse non capiamo quello che ci sta succedendo sul piano fisico; a volte è il risultato di un’esperienza passata che a stento ricordiamo.

Ma se state ponendo limiti alla vostra vita, se soffrite di periodi di ansia o state male per buona parte del tempo e vi sentite infelici, ascoltate il vostro corpo.

Lui è saggio. Attraverso esso possiamo capire e arrivare al cuore del problema. Il corpo non reagisce a caso.

Corpo e mente sono collegati. Se voltate le spalle al problema emotivo, non potrete invece ignorare il dolore e il malessere manifestati dal vostro corpo.

Ma c’è di più. Se non indagate, se non cercate dentro di voi la causa che vi sta danneggiando, il disturbo di stomaco può diventare un eczema, l’eczema un problema di circolazione e questo una dermatite del cuoio capelluto.

Non perdete: Impariamo ad ascoltare il corpo!

Il corpo, fintanto che ignorerete i suoi segnali, ne invierà altri fino a quando non deciderete di mettere la parola fine a ciò che vi sta rendendo infelici.

Convinzioni, traumi ed esperienze

I nostri problemi nascono dalle convinzioni, dai traumi e dalle esperienze che abbiamo deciso di alloggiare nella nostra mente o di sperimentare.

Sono, allo stesso tempo, una buona opportunità per aprire gli occhi, imparare e lasciar andare.

La paura di dire “no” può provenire da un trauma o una convinzione che ci portiamo dietro dall’infanzia.

Il grande timore di dire quello che sentiamo nel momento in cui l’emozione sorge, può essere legato ad un’esperienza negativa che ha provocato poca autostima e mancanza di fiducia in noi stessi.

Non sottostate a tutto questo. Non siete obbligati ad adattarvi.

Ogni trauma, ogni esperienza è la possibilità di trasformarvi in quello che veramente desiderate essere.

Leggete anche: 5 passaggi per attirare l’abbondanza nelle nostre vite

Quindi, ricordate: se non piangete, lo farà per voi il vostro corpo. Cominciate a piangere, quando ne sentite il bisogno, per liberare il corpo da un malessere non necessario.

Siete pronti a scegliere il benessere invece della tristezza?

Immagini per gentile concessione di: Sylvie Ann

Guarda anche