Siamo persone complete fin dalla nascita

17 dicembre 2015
Limitandoci a cercare qualcuno che aggiunga qualcosa in più alla nostra vita, invece di completarla o trasformarla, nel caso le cose andassero male, potremmo comunque continuare a condurre una vita soddisfacente.

Non è assolutamente facile trovare quella persona che condivida i nostri valori e che possa rappresentare un compagno idoneo con cui trascorrere la nostra vita. Qualcuno con cui imparare, qualcuno con cui crescere.

Ebbene, se c’è qualcosa che ci ha sempre inculcato la società in cui viviamo, oltre che la versione più pericolosa del romanticismo, è che abbiamo assolutamente bisogno di qualcuno al nostro fianco, qualcuno senza il quale non potremmo nemmeno considerarci persone complete. 

Ci viene venduta l’immagine di un cuore diviso in due, di cui ognuno di noi rappresenta una parte, in costante ricerca dell’altra metà.

Certamente può sembrare romantico ed emozionante, ma in realtà non dobbiamo mai cadere nell’errore di credere che abbiamo bisogno di qualcuno al nostro fianco per essere davvero felici.

Oggi nel nostro blog, vi invitiamo a riflettere su questo argomento.

Siamo persone complete anche da sole e non dobbiamo dipendere da nessuno

donna-completa

“Senza di te non sono niente”, “Posso essere felice solo al tuo fianco”, “Se mi lasci ne morirei”, “Non so cosa farei senza di te”.

Queste sono alcune frasi che certamente avrete sentito in qualche occasione e, forse, anche a voce alta. In un certo senso è normale perché l’amore e la passione ci sconvolgono in un modo talmente intenso che a volte possiamo arrivare a perdere il concetto stesso della nostra identità individuale.

In realtà non possiamo considerare questo modo di veder la vita adeguata o sana. Tutte queste idee, senzazioni e frasi, infatti, racchiudono anche i seguenti aspetti:

Leggete anche 5 modi di frenare le “relazioni tossiche” in famiglia

  • Se non ci consideriamo una persona completa, cadremo in una dipendenza affettiva nei confronti del partner, situazione ovviamente da evitare.
  • Focalizzeremo la nostra ragione d’essere e la nostra autostima nel nostro partner.
  • Questo tipo di attaccamento ci renderà irrimediabilmente vulnerabili verso tutto ciò che farà, deciderà o dirà l’altra persona. Qualsiasi tipo di disaccordo potrà causarci molta sofferenza.
  • Mettendo al primo posto la felicità dell’altro, in un certo senso, perderemo il controllo della nostra vita.
  • Questo comportamento ci farà perdere giorno dopo giorno il concetto di noi stessi e la nostra autostima.

Ancora oggi sono troppe le persone che continuano ad enfatizzare questo tipo di relazioni. Specialmente i più giovani. Certamente è molto emozionante iniziare una relazione in cui ci sia questa unione così intima, così dipendente, in cui il “tutto o niente” caratterizza ogni aspetto.

Tuttavia, dobbiamo avere ben chiaro che costruire una relazione in cui ci dimentichiamo completamente di essere venuti al mondo già come persona completa, limiterà la nostra crescita personale.

Una persona, uomo o donna che sia, che non si preoccupa della sua crescita personale, finirà per provare le seguenti sensazioni:

  • Frustrazione per non sentirsi realizzato.
  • La felicità vera e propria sarà breve. Durerà fino al momento in cui ci renderemo conto che chi decide, chi rappresenta sempre l’unica priorità, è l’altra persona.
  • Quando arriva la frustrazione, si cercheranno dei colpevoli. Ci sentiremo male con noi stessi e, alla fine, probabilmente tutto l’amore che provavamo all’inizio si trasformerà in disagio e repulsione.

Vi consigliamo di leggere: Il bello di essere donna dopo i 40 anni

Sono una persona completa, orgogliosa di se stessa e capace di dare felicità

persone-complete

Se c’è una cosa a cui tutti dovremmo aspirare, è quella di avere un rapporto di coppia maturo e cosciente. Tenete presente che se vi prefissate l’obiettivo di trovare la vostra metà, date per scontato di non essere persone complete.

Non abbiate fretta, lasciate che vi trovino

Non c’è alcuna fretta di trovare l’amore. In pimo luogo, dovreste concentrarvi su voi stessi, nel diventare una persona che merita di essere trovata, una persona matura e soddisfatta di se stessa.

  • Non abbiate paura di stare da soli. La solitudine ci fa capire la nostra vera essenza, la nostra autentica identità. 
  • Godetevi ciò che siete, le relazioni sociali, la vostra famiglia, la vostra indipendenza. Conquistate i vostri sogni e le vostre aspirazioni personali.
  • Prima o poi, probabilmente quando meno ve lo aspettate, troverete qualcuno. E qualcuno troverà voi. Non forzate la situazione, non andate dietro a qualcuno che non vi merita o che non ha interesse nei vostri confronti. Prendetevi cura in ogni momento della vostra autostima.
  • Lasciate che la storia segua il suo corso. Cercate di entrare in contatto con questa persona che, come voi, si sente completa, matura e felice di ciò che è.

Leggete anche: Solo voi sapete ciò che avete superato e ciò che avete “lasciato andare”

Trovate una persona completa che condivida i vostri valori

Ci sono persone che sono ossessionate dall’idea di trovare qualcuno che condivida gli stessi gusti, gli stessi hobby, ecc. Avere le stesse passioni non è la ricetta magica della felicità.

In una relazione di coppia stabile e felice, entrambi i componenti condividono gli stessi valori,ma rispettano le differenze. Ciò che è importante è godersi il tempo insieme, formando una squadra e imparando l’uno dall’altro.

Trovate una persona completa che non soffra di alcuna mancanza, altrimenti sarete obbligati a soddisfare le sue ansie, a curare le sue ferite, a renderla una persona completa mentre mettete da parte la vostra identità. Ciò che voi stessi siete.

Non ne vale la pena. La vita è troppo breve per trascorrerla soffrendo. Concedetevi di essere felici ogni giorno della vostra vita nel modo più semplice possibile, sentendovi bene con voi stessi e mantenendo al vostro fianco qualcuno che sa ciò che meritate.

Qualcuno che renderà la nostra vita ancora più meravigliosa.

Guarda anche