Caffè tostato: è consigliabile o meno berlo e perché?

Con una presenza non trascurabile di zucchero nella sua composizione, questo tipo di caffè ha un gusto particolare ed è più economico. Questo lo rende meno sano?
Caffè tostato: è consigliabile o meno berlo e perché?
Maria Patricia Pinero Corredor

Revisionato e approvato da la nutrizionista Maria Patricia Pinero Corredor.

Ultimo aggiornamento: 20 giugno, 2024

Il caffè è una delle bevande più consumate al mondo. Si presenta in molte varianti, a seconda dei chicchi, dei processi di preparazione, dei livelli di tostatura e delle preparazioni. Tra tutte queste forme c’è il caffè tostato, popolare per il suo prezzo più basso e per la sua capacità di conservarsi nel tempo.

Tuttavia, va notato che questo costo inferiore è dovuto all’aggiunta di zucchero. Ma quanto influisce sulla nostra salute lo zucchero extra nel caffè tostato?

Forse non lo sapevate, ma la maggior parte dei Paesi ne vieta la commercializzazione perché considerato nocivo.

Come si prepara il caffè torrefatto?

Café torrefacto o caffè freddo sono altri modi di chiamare il torrado.

La sua caratteristica principale è che viene tostato con lo zucchero: il dolcificante scelto per la lavorazione può essere lo sciroppo di glucosio o il saccarosio erappresenta il 15-20% del prodotto finale.

Di per sé è considerato di bassa qualità, in quanto la miscela con lo zucchero maschera il sapore dei chicchi forse bruciati. La produzione di questa variante risale alla fine del XIX secolo in America centrale.

I minatori di Cuba e del Messico aggiungevano zucchero ai chicchi di caffè per evitare che si deteriorassero a causa dell’umidità e del calore. L’imprenditore e inventore spagnolo José Gómez Tejedor si recò sul posto. Conosce la tecnica e la riporta in patria.

L’industriale brevettò il prodotto nel 1901 con il suo marchio La Estrella – oggi di proprietà di Nestlé® – e divenne rapidamente popolare, non solo per il suo prezzo più basso, ma anche perché preserva l’aroma del caffè dopo la tostatura.

In cosa si differenzia dal caffè tostato?

Il caffè tostato, che è il metodo tradizionale di preparazione, deriva dalla lavorazione di chicchi di caffè naturali al 100%, senza additivi.

I chicchi passano attraverso una tostatrice che raggiunge temperature tra i 180 e i 240 gradi Celsius, preservando i sapori e gli aromi originali. Nel caffè tostato, invece, lo zucchero viene aggiunto verso la fine del processo di tostatura.

Lo zucchero aggiunto caramella e forma una pellicola intorno ai chicchi, checonferisce ai chicchi un aspetto scuro e lucido.

Café torrado español.
Allo stesso tempo, modifica il gusto e migliora le proprietà di conservazione.Chicchi dicaffè tostati secondo la tecnica spagnola. Immagine di:

Dan Bollinger / Wikimedia Commons.

Perché si produce ancora il caffè tostato?

Anche se oggi è una tecnica che potrebbe essere relegata, esiste ancora per diversi motivi:

  • Ritarda l’ossidazione: la pellicola di zucchero impedisce la penetrazione dell’ossigeno e dell’umidità ambientale nel chicco. Pertanto, il processo di contatto con l’aria viene posticipato, favorendo la conservazione.
  • Migliora la distribuzione: una più lunga conservazione del prodotto ne consente il trasporto in luoghi lontani. Alcuni decenni fa, con mezzi di imballaggio e spedizione più precari, questa era una strategia elementare.
  • Riduce il prezzo: mascherare i chicchi difettosi e riempire il contenuto di zucchero permette di produrre di più a un costo inferiore. La crisi del dopoguerra in Spagna, a metà del XX secolo, ha aumentato la popolarità del caffè tostato.

In quali Paesi viene consumato il caffè tostato?

Il caffè tostato è diffuso solo in alcuni Paesi del mondo.

Nella maggior parte di essi, non è nemmeno conosciuto o l’incorporazione dello zucchero nella sua produzione è limitata per legge. Tornando all’aspetto storico, vale la pena ricordare che l’azienda di Gómez Tejedor aveva sede nella città di Badajoz.

Questo ha reso possibile una rapida espansione in tutta la Spagna e il Portogallo;a sua volta, il prodotto tostato si è diffuso in tutta l’America Latina e, attualmente, è ancora molto presente in Argentina, Uruguay, Paraguay, Costa Rica e Messico.

In alcuni Paesi del Sud-Est asiatico, come Singapore e Vietnam, viene prodotto con burro e zucchero.

Come riconoscerlo?

Il caffè tostato può derivare da chicchi di Arabica, Robusta o da una miscela di entrambi.

Il dolcificante copre i difetti di dimensione, forma e gusto.

A causa della pellicola di zucchero che si formerà, i produttori tendono a privilegiare i chicchi di robusta, noti per la loro qualità inferiore. Alla vista, il caffè tostato si distingue per una tonalità molto scura e un’elevata lucentezza.

Il gusto, invece, è più amaro e denso. Alcune varianti commerciali spesso combinano una percentuale di tostatura e una di torrefazione.

Sono noti come caffè miscelati e le loro proporzioni vanno dal 70% di tostatura e 30% di tostatura al 50% e 50% di tostatura.È sempre consigliabile controllare l’etichetta.

Se lo acquistate in grani, potete immergerne un campione in acqua calda.

È tostato se rimane inalterato, ma se inizia a rilasciare zucchero, è torrefatto.

Quali effetti ha il caffè tostato sulla salute?

Sebbene non ci siano abbastanza studi che specifichino gli effetti di questa variante sulla salute,è chiaro che l’aggiunta di zucchero non la favorisce.

Il caffè tostato è un caffè di qualità inferiore.

Inoltre, la sua produzione si basa su una selezione meno rigorosa dei chicchi di caffè.

La caffeina è la stessa

I chicchi di Robusta hanno più caffeina di quelli di Arabica e sono quelli utilizzati per produrre la tostatura.

Ma in termini pratici, stiamo parlando della stessa sostanza e la sua azione sull’organismo sarà simile, sia che si tratti di caffè tostato o torrefatto. Finché si rispettano le dosi consigliate, che si aggirano intorno ai 250 mg di caffeina al giorno (2-3 tazze), gli effetti di un eccesso non dovrebbero farsi sentire.

Anche per la maggior parte degli adulti sani, fino a 400 mg al giorno (4 tazze) è considerato sicuro. L’assunzione moderata di caffè ha diversi benefici:

  • Migliora la memoria.
  • Combatte la stitichezza.
  • Previene alcune malattie.
  • Migliora le prestazioni sportive.

Ma l’eccesso di caffè, sia di tostatura che di sovra tostatura, presenta degli svantaggi.

Possono essere favoriti episodi di ansia, tachicardia, disidratazione, insonnia e aumento della pressione sanguigna.

Il problema dello zucchero aggiunto

L’aspetto più malsano del caffè tostato è l’inclusione dello zucchero.

Molte persone non sanno che stanno ingerendo fino al 15% del prodotto costituito da dolcificante. Se, inoltre, si aggiungono uno o due cucchiai all’infuso, il limite raccomandato di carboidrati semplici viene facilmente superato in un giorno. Ciò è associato a una maggiore prevalenza di sovrappeso e obesità.

Secondo uno studio pubblicato nel 2023, l’aggiunta di zucchero al caffè ne contrasta i potenziali benefici in un piano di controllo del peso. Inoltre, il caffè torrefatto presenta una maggiore concentrazione di 5-idrossimetilfurfurale (HMF) rispetto al caffè tostato. Questo perché lo zucchero è coinvolto nella reazione di Maillard della tostatura.

Il problema è che questa sostanza è associata a danni renali e a un aumento del rischio di cancro negli esperimenti sugli animali.

Contiene acrilammide

L’acrilammide si forma quando alcuni alimenti vengono cotti a temperature superiori a 120 gradi Celsius. Secondo una recente revisione della letteratura, l’asparagina e il saccarosio presenti nel caffè sono precursori essenziali per la sua formazione.

Secondo l International Cancer Research Center, l’acrilammide è un possibile cancerogeno.

Anche se il legame diretto non è del tutto provato, si sospetta che possa causare tumori nell’uomo.

Più bruciori di stomaco con la tostatura

La tostatura può provocare un aumento della dispepsia e della produzione di acido nello stomaco. Questo fenomeno è comune alle varietà che presentano una percentuale maggiore di robusta rispetto all’arabica.

È anche colpa della tostatura, che modifica la quantità finale di acidi clorogenici.

Più carattere antiossidante, grazie allo zucchero

Contrariamente a quanto abbiamo detto, il processo di tostatura potrebbe in realtà essere benefico per certi versi. Secondo un rapporto scientifico pubblicato nel 2013, l’aggiunta di zucchero aumenterebbe la disponibilità di sostanze antiossidanti nei cereali.

Tuttavia, questo non è l’unico fattore coinvolto, ma anche il modo in cui il caffè viene tostato e l’origine del caffè.

Quindi, è meglio la tostatura o la torrefazione?

In generale, gli effetti positivi e negativi della caffeina non sembrano variare troppo tra le diverse presentazioni.

Tuttavia, gli zuccheri aggiunti e la minore qualità della tostatura sono sufficienti a scoraggiarne il consumo. Il superamento dei valori giornalieri raccomandati per gli zuccheri comporta una serie di problemi di salute a lungo termine. Aumenta il rischio di obesità, diabete di tipo 2, sindrome metabolica e malattie cardiovascolari.

Rispetto al caffè tostato, il caffè torrefatto è il perdente. Sebbene sia stato una soluzione commerciale per un certo periodo, oggi la sua commercializzazione sembra essere legata solo alla redditività. Se potete scegliere, preferite una tostatura naturale a una tostatura.


Tutte le fonti citate sono state esaminate a fondo dal nostro team per garantirne la qualità, l'affidabilità, l'attualità e la validità. La bibliografia di questo articolo è stata considerata affidabile e di precisione accademica o scientifica.



Questo testo è fornito solo a scopo informativo e non sostituisce la consultazione con un professionista. In caso di dubbi, consulta il tuo specialista.