Diventare papà: come cambia la vita

· 10 novembre 2018
La gravidanza e l'arrivo dei figli non si ripercuotono solo sulla donna. Anche l'uomo vede cambiare la propria vita. Diventare papà rappresenta spesso una svolta a 180 gradi.

La conferma di una gravidanza sconvolge la vita, la mente e il corpo della donna. Ma si ripercuote anche sull’uomo. Diventare papà comporta una serie di cambiamenti che influenzano la mente, le relazioni, lo stile di vita e persino l’anatomia.

Naturalmente, questi cambiamenti saranno più evidenti negli uomini impegnati ed entusiasti del nuovo ruolo di padre. Coloro i quali vivono con distacco i figli difficilmente vedranno cambiare la propria vita.

Continuate a leggere per scoprire come cambia la vita quando si sta per diventare papà!

Diventare papà: cosa cambia?

Sebbene i cambiamenti sperimentati dalle donne durante la gravidanza siano più evidenti e tra i più studiati, anche gli uomini che esplorano la paternità affrontano nuove situazioni, sia fisiche che emotive.

1. Cambiano i livelli ormonali

Anche la chimica ormonale dell’uomo viene influenzata quando viene confermata la notizia della gravidanza. Ciò è stato dimostrato da uno studio condotto su 225 coppie di genitori australiani.

Quando la propria compagna è incinta, il testosterone, l’ormone maschile per eccellenza, si abbassa. Raggiunge il livello più basso tre settimane prima del parto, arrivando anche al 33% in meno rispetto ai livelli normali.

A sua volta, quando si diventa papà, la prolattina aumenta fino al 2o%. Questo ormone aiuta a sviluppare nuovi istinti, come affinare l’orecchio quando il bambino piange e diminuire l’istinto sessuale durante i mesi di gravidanza.

Può interessarvi anche: Valigia per il parto: 6 cose essenziali da portare con voi

2. Vivere una gravidanza empatica

Quando si diventa papà

Ad alcuni neopapà può accadere di sperimentare la cosiddetta sindrome di Couvade o gravidanza empatica. I futuri padri ingrassano come se la gravidanza li riguardasse in prima persona, dicono persino di provare sintomi come nausea, vertigini fino alle famose “voglie”.

Questa sindrome fa la sua comparsa più o meno al terzo mese di gravidanza o in prossimità del parto. Responsabile di questa situazione è ancora una volta la prolattina, che aumenta a livelli senza precedenti nell’uomo.

3. Aumento dello stress

Insieme alla gioia, arriva anche lo stress. L’uomo è immerso nei suoi pensieri: si preoccupa di non essere in grado di sostenere economicamente ed emotivamente la compagna e il bambino. È sopraffatto dalla sensazione di non essere all’altezza delle aspettative della compagna, il che può influenzare anche la relazione o la produttività sul lavoro, e quindi generare più stress.

La psicologa argentina Laura Gutman ciò si deve al proprio processo di adattamento alla nuova situazione. L’uomo passa dall’avere una relazione bilaterale con la compagna a essere l’unico sostegno di madre e figlio.

Lo stress per la responsabilità imminente e l’egocentrismo che ne derivano possono essere interpretati come una mancanza di impegno. Ma d’altra parte, raramente si sostiene o si chiede a un uomo quali siano davvero le sue emozioni durante la gravidanza.

4. Cambiano le priorità

Molti genitori, uomini e donne, amano credere che l’arrivo del bambino non impedirà loro di godersi il proprio stile di vita, frequentare gli amici e continuare con le proprie attività. Diventare papà, però, cambierà decisamente le proprie priorità.

I futuri genitori saranno occupati nella gestione della gravidanza. Le difficoltà tipiche della gestazione manterranno la coppia lontana da molti eventi e molte attività e in misura ancora maggiore accadrà in seguito, con le esigenze del futuro nascituro.

Diventare papà implica assumersi senza timore tutte queste rinunce, in quanto fanno parte del processo genitoriale. È normale allontanarsi dagli amici o dalle attività condivise prima della paternità. Ma quando anche gli amici saranno diventati padri, sarà più facile ritrovarsi.

Leggete anche: 4 errori che una neo-mamma deve evitare

5. Apprendere nuove abilità

Padre e figlio

Diventate papà significa anche imparare a massaggiare i piedi gonfi della propria moglie incinta; partecipare all’arredamento della stanza del bambino; prepararsi a sostenere la donna durante il parto o a partecipare alla cura del neonato.

L’uomo che entra in sintonia con la gravidanza e la paternità risveglia una nuova sensibilità e creatività che gli permettono di essere coinvolto e di adattarsi al nuovo ruolo e di aspettare con piacere l’arrivo del bebè.

Condividere le cure esigenti del neonato, oltre a coltivare l’attaccamento con il bambino, aiuta l’uomo a superare le tensioni che la gravidanza può aver generato.

6. Il cervello cambia

Quando l’uomo è coinvolto nella cura del proprio bambino, si attiva l’ossitocina, ormone dell’amore. Gli ormoni aiutano a rafforzare il legame di attaccamento che unisce un padre al figlio.

Quando i livelli di questo ormone aumentano, il cervello dell’uomo cambia. I legami affettivi si fanno più intensi quando c’è un forte coinvolgimento nel processo di accudimento del figlio, fino al punto di essere registrati in alcune aree cerebrali. Così ha dimostrato uno studio pubblicato nel 2010 dalla rivista Hormones and Behavior.

Lo stress che colpisce gli uomini durante la gravidanza trova una cura nell’accudimento del neonato. L’ossitocina offre agli uomini la sensazione di benessere di cui hanno bisogno per essere felici della loro nuova responsabilità.

Consigli finali per le future madri

Nelle nostre società profondamente sessiste, gli uomini sono stati educati a non connettersi con il proprio universo emotivo. Quando ricevono la notizia che diventeranno genitori, spesso rimangono pietrificati. Succede a molti; non tutti sono pronti a diventare papà.

Ad altri capita invece che sia proprio la donna a non dare loro la possibilità di essere coinvolti nella genitorialità. Nei casi più estremi, l’uomo si sente così sopraffatto dalle responsabilità e dai cambiamenti che spesso fugge dalla coppia e dalla paternità.

Se sentite che il partner si è allontanato durante la gravidanza e che è sopraffatto dalla nuova situazione, aprite i canali di comunicazione. Parlate ogni giorno dei vostri sentimenti. Fatelo partecipare ai preparativi, invitatelo ad accompagnarvi ai controlli medici. Godetevi insieme la dolce attesa.

Vivrete entrambi una profonda trasformazione. L’adattamento è complesso, ma l’amore vi aiuterà a unirvi nell’esperienza più affascinante della vostra vita.

 

 

 

 

Guarda anche