Come prevenire le malattie cardiache nelle donne

10 agosto 2014
Nelle donne i sintomi di infarto sono molto meno chiari che negli uomini, per questo dovrete stare sempre attente. È fondamentale ridurre lo stress e gestire le emozioni.

È stato stimato che una delle principali cause della mortalità delle donne sono le malattie cardiache. Sebbene queste possano colpire allo stesso modo entrambi i sessi, le donne hanno delle caratteristiche particolari che è bene tenere in conto, visto che possono aiutare a prevenirle. Vi piacerebbe saperne di più?

Le malattie cardiache non sono solo un problema degli uomini. Anzi, secondo molti studi la loro incidenza nelle donne sta crescendo sempre di più, tanto che si può stimare che, nei paesi occidentali, ogni 90 secondi una donna abbia un infarto. Che cosa possiamo fare? Che cambiamenti è bene mettere in pratica nel nostro stile di vita per prevenire queste malattie?

Le malattie cardiache che colpiscono di più le donne

Arteriosclerosi

arteriosclerosi

  • Senza dubbio è la malattia più comune nelle donne. È causata da un accumulo di tessuto e di colesterolo che pian piano ostruisce le arterie, incaricate di trasportare il sangue verso il cuore. Con il tempo non solo queste diventano rigide, ma si riduce lo spazio per il passaggio del sangue, che arriva in quantità sempre minore, finché il cuore non soffre un’ischemia. Se il sangue non arriva al cuore, si produrrà un infarto. Dobbiamo tenerlo in conto.

Quali sintomi hanno le donne?

  • Il problema delle donne è che, alle volte, le malattie cardiache vengono confuse con altri problemi. Sensazione di stanchezza, mal di schiena o di collo, dolore allo stomaco, sensazione di fiacchezza… Mentre gli uomini possono sentire un dolore improvviso al braccio sinistro, le malattie cardiache nelle donne hanno dei sintomi molto più generici: nausea, grande spossatezza, ecc.
  • Un altro indizio importante sono le vene del collo. Se oltre ad avere le caviglie gonfie notate gonfiore anche nelle vene del collo, recatevi subito dal medico.

Sindrome del cuore infranto o cardiomiopatia da stress

cuore spezzato

  • È senza dubbio una delle malattie cardiache più caratteristiche nelle donne. È associata a un livello di stress emozionale molto acuto. Capita spesso che le donne, nella vita di tutti i giorni, siano piene di responsabilità e impegni: il lavoro, la casa, i bambini o magari la cura di un familiare malato. Tutto ciò fa sì che lo stress abbia su di loro un’incidenza maggiore.
  • Quando si è affetti da cardiomiopatia, ciò che accade è che il ventricolo sinistro del cuore viene sovrastimolato e si gonfia, provocando una piccola disfunzione. Non si tratta di un problema mortale e nemmeno grave quando un infarto, ma bisogna tenerlo sotto controllo per comprendere in tempo che cosa sta succedendo e trattare il problema. In genere ha una buona prognosi.

Quali sintomi ha nelle donne?

  • I sintomi sono molto simili all’infarto cardiaco, quindi bisogna fare attenzione allo stato psicofisico generale. Sentite una grande stanchezza e non sapete perché? Avete le nausee e vi fa male lo stomaco e la parte superiore dell’addome? Se è così, e inoltre state attraversando un periodo di forte stress, recatevi dal medico.

Qual è la relazione tra le malattie cardiache e la menopausa?

menopausa

Hanno una relazione molto stretta. Bisogna pensare che gli estrogeni nelle donne hanno una funzionalità eccellente, poiché le proteggono contro le malattie cardiache. Tuttavia, quando arriva la menopausa e i livelli di estrogeni si abbassano, accade quanto segue:

  • Ci sono dei cambiamenti nelle pareti dei vasi sanguigni, che si induriscono, si formano delle placche arteriosclerotiche e compaiono dei coaguli sanguigni
  • Ci sono dei cambiamenti nei livelli di colesterolo e il cosiddetto “colesterolo cattivo” (LDL) si alza
  • Si verifica un aumento di una sostanza chiamata fibrinogeno, che provoca che il sangue si coaguli e causa infarti ed emorragie cerebrali

L’infarto nelle donne è diverso

salute donna

Come vi abbiamo indicato poco fa, l’arrivo della menopausa provoca dei cambiamenti nelle donne che le rendono più vulnerabili alle malattie cardiache. L’abbassamento del livello di estrogeni è un fattore determinante in questi cambiamenti.

La probabilità di sviluppare una malattia cardiaca nelle donne si innalza, quindi, durante la menopausa. Ma la cosa più grave è che, secondo gli studi, le donne hanno una ripresa peggiore rispetto agli uomini dopo aver sofferto di un attacco di cuore, perché in generale ci mettono più tempo a riconoscere i sintomi e ad andare dal dottore. La stanchezza viene associata ad altri fattori e il dolore muscolare o di stomaco ad altre malattie, e non ci si rende conto che in realtà è il cuore a chiedere aiuto.

Prevenire le malattie cardiache nelle donne

È indispensabile prendersi cura della propria salute emozionale e tenere sotto controllo lo stress. Nelle donne, questi fattori sono la causa di numerose malattie cardiache.

Cambiamenti necessari nella propria routine

  • Mangiate frutta e verdura ogni giorno: cercate di consumare cinque porzioni di frutta o verdura ogni giorno, più un succo di arancia o limone. Evitate le verdure in scatola, perché hanno molto sale. Vi raccomandiamo di cucinare le verdure al vapore e condirle con olio di oliva.
  • Limitate il consumo di sale.
  • Preferite i cereali integrali, in particolare il riso, il grano, la segale, ecc.
  • Frutta secca: gli esperti raccomandano di consumarla regolarmente, perché aiuta la salute cardiovascolare. Che ne dite di mangiare sempre tre noci a colazione?
  • Mangiate più pesce ed evitate la carne rossa: le sardine, le sgombro, il tonno o il salmone sono ricchi di salutari Omega 3. Vi conviene quindi ridurre il consumo di carne rossa e aumentare quello di questi tipi di pesce.
  • Evitate il tabacco, l’alcol e le bibite zuccherate.
  • Fate sempre cinque pasti al giorno, con una buona colazione e una cena leggera, ed evitate di mangiucchiare tra i pasti.
  • Tenete sotto controllo la pressione arteriosa.
  • Tenete sotto controllo i livelli di zucchero nel sangue.
  • Fate un’ora di esercizio al giorno.
  • Evitate di prendere peso.
  • Fate dei controlli periodici.
  • E soprattutto prendetevi cura della vostra vita emozionale, riducendo lo stress e l’ansia.
Guarda anche