Essere single è meglio?

3 dicembre 2017
Essere fidanzati non è sempre un vantaggio rispetto a essere single. Sono due opzioni ugualmente valide, ognuna con i suoi vantaggi e svantaggi

Da un punto di vista sociale, una persona di una certa età non sposata non è ben vista. Essere single in genere è una condizione che viene associata alla solitudine, alla tristezza o alla mancanza di certi requisiti culturali. Ma la verità è che spesso è molto meglio essere single.

Quali sono i benefici dell’essere single? Ve ne parleremo in questo articolo.

Essere single ha molti vantaggi

A differenza di quello che pensano in molti, essere single non è una maledizione. Tante persone prendono la decisione di non avere un partner e non se ne pentono. Secondo altri, invece, è sintomo di depressione o di scarsa autostima.

Se lo pensate anche voi, vi invitiamo a scoprire i benefici dell’essere single (a qualsiasi età):

Leggete anche: La scala dell’autostima di Rosenberg

1. Più esercizio fisico

Ragazzo che fa sport

I single hanno più tempo rispetto alle persone sposate (nella maggior parte dei casi), per questo possono dedicare parte della loro giornata all’attività fisica in palestra.

Chi è fidanzato preferisce passare il tempo libero a disposizione con il partner, per andare a cena insieme, al cinema o a fare una passeggiata.

Se siete single, potete approfittarne per prendervi cura del vostro corpo, mantenervi in forma, perdere peso, praticare lo sport che più vi piace.

Non è solo una questione estetica, ovvero essere belli per conquistare qualcuno, si tratta anche di mantenersi in salute e pieni di energie.

2. Salute migliore

In relazione al vantaggio precedente, essere single potrebbe essere sinonimo di buona salute. Attenzione, però, non è tutto rose e fiori, dipende dalle personali abitudini quotidiane.

In altre parole, dipende anche dal tempo e dalle cure dedicati al corpo.

Ovviamente ogni cosa ha un lato negativo. Le donne nubili o divorziate a 50 anni hanno più possibilità di soffrire di problemi cardiaci o circolatori. In molti casi non si preoccupano di preparare la cena e optano per piatti veloci (dicendo che tanto sono da sole), oltre a non sottoporsi regolarmente ai controlli medici.

3. Più magri

Ragazzo che ride

Se analizziamo e confrontiamo il corpo di un uomo prima e dopo essersi sposato, ci renderemo conto che da single era più magro.

Al contrario, una relazione seria o formale è associata più che altro a uno stile di vita sedentario e, quindi, è più facile prendere peso.

Bisogna anche tenere in considerazione che nei matrimoni felici diminuisce la preoccupazione di “essere in forma per attrarre l’altro” e molti smettono di prendersi cura di sé o di mangiare sano.

Questo si intensifica dopo l’arrivo dei figli. Le donne ingrassano nei primi dieci anni di matrimonio o di convivenza, ma questo dipende anche dalle abitudini che conducono.

Forse quando erano single, si curavano di più e facevano attenzione al cibo, ora, invece, devono preparare pasti sostanziosi per la famiglia a cui ovviamente prendono parte.

4. Trovano un lavoro migliore

Essere single può significare l’accaparrarsi di un posto di lavoro migliore, soprattutto per quanto riguarda le donne.

Molte aziende preferiscono assumere chi non ha troppe responsabilità a casa perché così è più produttivo ed efficace sul lavoro.

In questo senso, i single si assentano meno e arrivano tardi poche volte. Inoltre, avendo la possibilità di concentrarsi solo sul lavoro, possono ottenere promozioni in meno tempo.

5. Sono più socievoli

Gruppo di amici

I programmi del fine settimana (o dopo il lavoro) dei single comprendono festa, incontri con gli amici, eventi culturali, viaggi, ecc.

Chi è sposato, invece, riduce le sue uscite alle cene con il partner, alle passeggiate con i figli al parco, feste di compleanno di familiari.

Anche se fa freddo, piove o è un giorno infrasettimanale, il single è sempre pronto a uscire e divertirsi. Riesce a socializzare e a fare amicizia ovunque va.

Le persone sposate preferiscono condividere momenti con la famiglia e con i figli.

6. Dormono meglio

A meno che non escano tutta la notte, i single o chi vive da solo dormono molto meglio delle persone sposate.

Vi consigliamo di leggere anche: Dormire con i nostri animali: pro e contro

Non vi è nessun partner che russa, che ruba loro le lenzuola, che dà calci o accende l’aria condizionata nel bel mezzo della notte.

Le persone sposate e con figli, invece, devono tenere conto anche del fatto che i bambini possano svegliarsi nel cuore della notte perché hanno avuto un incubo o vogliono dormire con mamma e papà.

7. Sono economicamente indipendenti

Ragazzo disteso su un ponte

Un altro vantaggio dell’essere single è il fatto di non dover giustificare a nessuno spese o risparmi. Inoltre, chi non è sposato può concedersi più “capricci” perché non deve condividere lo stipendio con altri.

Forse è per questo che i single si vestono meglio, vanno in vacanza varie volte l’anno, cambiano macchina quando vogliono, ecc.

8. Non hanno paura della solitudine

I single che stanno bene con se stessi non hanno paura della solitudine e, cosa ben più importante, sanno trarre beneficio dai momenti che passano da soli a casa.

Approfittano del tempo da soli per leggere, dormire, cucinare, ascoltare musica o fare un bagno caldo senza preoccuparsi di niente e di nessuno.

9. Non si adattano

Uomo elegante

I single possono essere persone molto esigenti che non si adattano alle prime cose o persone che trovano. Questo può valere quando devono trovare lavoro, comprare casa o rapportarsi con qualcuno.

L’indipendenza e l’autonomia servono ai single per non lasciarsi ingannare e per sapere cosa vogliono in ogni momento.

Guarda anche