La sindrome della sedia vuota

20 marzo 2016
Sebbene di solito si relazioni con la morte, di certo questa sindrome può manifestarsi in vita come frutto di un abbandono o della solitudine

La sindrome della sedia vuota si riferisce al sentimento che si prova di fronte alla perdita di una persona speciale. Può essere un familiare, un amico, un fratello, ecc.

Potrebbe confondersi con la tristezza che scaturisce dal perdere qualcuno, ma si chiama sindrome proprio per differenziarla, in quanto aumenta d’intensità nei momenti in cui si dovrebbe festeggiare un evento con allegria e grandi feste.

Leggete anche: 4 consigli per sconfiggere lo sconforto e la tristezza

La sindrome della sedia vuota suole manifestarsi in periodi particolari come il Natale, un compleanno o altre feste “speciali”.

Osservate questa sedia in mezzo a tante altre che sono occupate e sentite un vuoto enorme, un’angoscia che vi porta a soffrire di questa terribile sindrome.

La sedia vuota è un silenzioso testimone

La sedia vuota non smette di essere la manifestazione di questa persona che prima c’era, ma ora non più. Soprattutto quando siamo circondati da molte persone, ci rendiamo conto che manca qualcuno.

donna che piange sulla sedia

Questo sentimento così forte ha molto a che vedere con un processo di afflizione in cui qualche volta vi sarete incontrati anche voi.

Davanti alla perdita di qualcuno, si passano periodi in cui bisogna abituarsi a vivere senza quella persona, sperimentando un’epoca di dolore intenso.

Leggete anche: 6 consigli per superare un lutto

L’afflizione potrebbe prolungarsi fino a quando non si prova a combattere questa perdita, riuscendo a vivere di nuovo la vita senza questa sensazione di vuoto che si sente nel momento recente alla perdita.

È importante sottolineare che la sindrome della sedia vuota può sperimentarsi anche quando la persona in questione non è morta. Questo significa che può sfociare in altre situazioni come la solitudine. 

Quando qualcuno vi abbandona o va lontano, potete anche sperimentare questa sindrome che non necessariamente deve essere legata alla morte, anche se probabilmente quest’ultima è il motivo più abituale.

Quando vi sentite soli sperimentando davvero la solitudine, non importa quanta gente ci sia intorno a voi: vi sentirete soli a prescindere da tutto.

Tutto si può sperimentare, ma anche vincere

Anche se vedete tutto con gli occhi della tristezza, soprattutto nelle feste più importanti come il Natale, ci sono alcuni modi per allontanare questa sindrome. È ovvio che si possa provare, ma è altrettanto ovvio che si possa superare.

donna che volteggia nell'aria

Per prima cosa, dovete mettere in pratica le indicazioni che vi daremo a seguire e che vi potranno servire in più di un’occasione.

Non vi isolate ed evitate di stare in silenzio

Quando soffriamo questa sindrome, non abbiamo voglia di parlare, allontanandoci dalle persone che più amiamo. Tutto questo per patire in solitudine.

Leggete anche: Preferisco una dignitosa solitudine ad una falsa compagnia

Questo atteggiamento non vi fa bene. Sforzatevi di interagire, anche se la cosa non vi entusiasma molto. Parlate anche se non avete voglia di farlo e cercate aiuto se ne avete bisogno. In questi momenti, avete bisogno di qualcuno che vi ascolti e che vi dia attenzioni.

Cambiate il significato della sedia vuota

Le cose assumono sempre il significato che si vuole attribuire. Se la sedia vuota è sinonimo di tristezza e perdita, allora perché non darle un altro significato?

Reinterpretate, sforzatevi di eliminare la caratteristica negativa di cui avete dotato questa sedia. Fate in modo che sia vostra amica e non vostra nemica.

Se è necessario, chiedete aiuto

Siamo sicuri che potete superare tutto e che, se non risolverete il problema da soli, nessuno lo farà per voi. Tuttavia, a volte c’è bisogno di una scossa e di un po’ di aiuto extra che vi faccia andare avanti.

Non cercate mai di alleviare questo dolore interiore con i farmaci e, se lo fate, che sia solo tramite prescrizione medica.Comunque, cercate sempre di curarlo con altri metodi. 

Perché non vi rivolgete ad uno psicologo? Gli psicologi sono esperti e grandi professionisti della mente. Vi aiuteranno meglio di chiunque altro. Non abbiate paura!

Leggete anche: Il dolore emotivo è quello più difficile da curare

uomo con farfalle

È importante accettare in un modo o nell’altro, l’idea che prima o poi le persone che fanno parte della vostra vita, se ne andranno.

Alcune moriranno, altre spariranno abbandonandoci e facendoci del male, ma bisogna accettare tutto questo.

Non permettete che una sedia vuota elimini dal vostro viso la felicità che una volta vi faceva stare bene.

È ovvio che queste situazioni porteranno a soffrire: siamo umani ed abbiamo dei sentimenti. Tuttavia, dovete capire che sono cose che accadono inevitabilmente e che possono sfuggire di mano.

Guarda anche