6 oggetti di uso quotidiano da disinfettare con cura

11 ottobre 2016
Affinché molti oggetti di uso quotidiano non diventino un pericolo per la nostra salute, ad esempio a causa del possibile accumulo di batteri, è consigliabile disinfettarli o cambiarli con frequenza.

In casa siamo abituati ad usare ogni giorno diversi oggetti e prodotti che completano e facilitano la nostra routine di igiene personale e, in generale, i compiti che dobbiamo svolgere tutti i giorni.

Tuttavia, anche se non ce ne rendiamo conto, molti di questi oggetti di uso quotidiano non sono, a ben vedere, così utili come credevamo, anzi causano alcuni problemi di salute.

Anche se all’inizio sono prodotti inoffensivi e a prima vista non provocano nessun effetto negativo, a lungo andare potrebbero dare luogo a infezioni o causare altri problemi.

Si tratta di oggetti che tendono a sporcarsi con facilità oppure realizzati in materiali tossici che possono provocare allergie cutanee.

A seguire vedremo insieme quali sono i sei oggetti di uso quotidiano più comuni: conoscerli non solo significa essere più consapevoli dei rischi che comportano, ma soprattutto poter prendere le dovute precauzioni, per usarli sempre in modo corretto.

6 oggetti di uso quotidiano che possono causare problemi di salute

1. Spugna da bagno

spugna

Le spugne da bagno che di solito usiamo per lavarci sono fatte apposta per rendere più comoda la pulizia della pelle ed eliminare le cellule morte.

Nonostante ciò, però, a causa del materiale con cui sono fabbricate, rappresentano un habitat ideale per lo sviluppo di batteri, muffa e altri tipi di funghi.

La cosa peggiore, poi, è usarle continuamente senza mai disinfettarle, senza riflettere sul fatto che potrebbero causare infezioni o problemi cutanei.

La migliore soluzione è comprare della luffa o altre spugne vegetali che, grazie al loro alto contenuto di enzimi, inibiscono lo sviluppo e la proliferazione di batteri.

Conviene anche sostituirle con regolarità e disinfettarle di tanto in tanto immergendole in una soluzione antibatterica a base di aceto bianco.

Leggete anche: Sei modi per pulire il bagno con l’aceto bianco

2. Frullatore

Il frullatore è un elettrodomestico molto comodo e indispensabile in cucina, ma può anche essere pericoloso se non viene conservato e pulito nel modo corretto.

L’imballaggio e gli accessori -di solito di plastica- che accompagnano questo elettrodomestico, si trovano tra i primi posti nella classifica degli oggetti che presentano una maggiore concentrazione di batteri, germi e muffe, come ad esempio la salmonella e la E. coli.

Per questo motivo , dopo aver utilizzato il frullatore, dobbiamo aver cura di smontare tutti i componenti e lavarli accuratamente, incluso quelli di plastica.

3. Gel antibatterici ed igienizzanti

gel-antibatterico-igenizzante

Anche se si tratta di prodotti studiati appositamente per eliminare i batteri che si depositano sulle nostre mani, è stato dimostrato che possono essere dannosi, dal momento che eliminano anche i microorganismi buoni.

I saponi e i gel antibatterici ed igienizzanti sono relazionati con un maggior rischio di tosse, irritazioni alla gola e allergia.

A questo bisogna aggiungere il fatto che questi prodotti contengono triclosano, una sostanza che favorisce lo sviluppo di problemi muscolari, il rischio di malattie cardiache e l’interruzione dell’attività degli ormoni riproduttivi.

4. Bastoncini di ovatta o cotonati

I bastoncini di ovatta continuano ad essere lo strumento prediletto per eliminare l’eccesso di cerume che si accumula nelle nostre orecchie.

Anche se è ormai noto a tutti che si tratta di una cattiva abitudine, molte persone continuano ad utilizzarli.

Il problema è che questi bastoncini, invece di eliminare l’eccesso di cerume, lo spingono verso la parte interna dell’orecchio. Così facendo, si può arrivare a bloccare il canale uditivo.

Strofinando troppo la pelle dell’orecchio, inoltre, si induce l’organismo a rilasciare una sostanza chiamata istamina, che può causare irritazione e infiammazione.

Quando vogliamo pulire le orecchie, quindi, dobbiamo scegliere un altro metodo: gocce, soluzione salina, acqua ossigenata oppure olio d’oliva possono essere valide alternative.

5. Set da manicure e pedicure

set-manicure-pedicure

Molti degli accessori che usiamo per tagliare e mantenere in ordine le unghie di mani e piedi sono veri e propri focolai di batteri e altri microorganismi della pelle.

Questa situazione peggiora quanto questi stessi strumenti vengono utilizzati da più di una persona, senza eseguire una buona pulizia ed un’accurata disinfezione degli stessi tra un uso e l’altro.

Siccome, ad ogni utilizzo, questi accessori entrano in contatto con la pelle e le unghie, è facile e frequente che vengano contaminati da diversi agenti patogeni.

È pertanto opportuno sterilizzarli dopo ogni uso, usando prodotti antibatterici per disinfettarli a dovere.

Nel caso di pietre pomici, bastoncini in legno d’arancio e limette, bisognerebbe sostituirli, come minimo, una volta al mese.

Leggete anche questo articolo: Dieci oggetti d’uso personale che non dovreste mai prestare

6. Utensili in silicone

Gli utensili in silicone sono diventati i grandi protagonisti delle nostre cucine, poiché sono molto pratici e non graffiano il fondo di pentole e tegami.

Tuttavia, il materiale di cui sono fatti si deteriora ogni volta che li usiamo e perdono, poco a poco, quel sottile strato protettivo che li rende così facili da pulire.

Con il passare del tempo, possiamo notare la perdita di brillantezza del silicone e addirittura la comparsa di piccole macchie di umidità o di muffa.

Sui manici di tali utensili, inoltre, possono accumularsi batteri pericolosi come l’E. coli e altri microorganismi.

La cosa migliore e più sana da fare è, senza dubbio, utilizzare accessori di materiale diverso o, in alternativa, disinfettare accuratamente questi utensili dopo ogni uso.

Appare chiaro che questi oggetti di uso quotidiano, quando non vengono prese le dovute precauzioni, possono rivelarsi fonte di problemi, invece che renderci la vita più semplice.

Non dimentichiamoci, quindi, di tenere in mente questi consigli e metterli in pratica fin da ora per tenere lontani i batteri e scongiurare ogni pericolo.

Guarda anche