Oggetti tossici che possono trovarsi in casa

· 1 aprile 2018
Anche se non possiamo accertarci di aver eliminato tutti i materiali pericolosi dalle nostre case, possiamo fare il possibile per utilizzarli il meno possibile e ridurre la nostra esposizione a essi

Bisogna prestare attenzione ad alcuni oggetti tossici che possiamo trovare praticamente in ogni casa. A seguire ve ne presentiamo alcuni. Prendete nota e teneteli a mente.

Oggetti tossici presenti in casa

1. Oggetti in compensato

Perché i prodotti in compensato sono pericolosi?

I trucioli contenuti dal legno e dalla segatura di solito vengono incollati con resine di colla urea-formaldeide, che è un veleno che colpisce direttamente gli occhi e le vie respiratorie.

Inoltre, può causare problemi di salute anche agli animali.

Questo rischio aumenterà se i mobili sono vecchi, poiché quelli di nuova produzione seguono normative più moderne e non tutti impiegano questi prodotti.

Cosa potete fare?

  • Per sapere se i vostri mobili sono sicuri, dovrete verificare la certificazione del prodotto secondo le normative europee, i materiali con cui sono realizzati, etc.
  • Bisogna anche ricordare che devono appartenere a una classe di emissione non superiore alla E1.

2. Tappeti

Tappeti

I tappeti contengono diversi tipi di tinte e collanti. Questi prodotti liberano sostanze organiche volatili che possono provocare disturbi che vanno da mal di testa e allergie a senso di affaticamento.

La moquette è particolarmente nociva, perché a differenza dei tappeti, riveste l’intero pavimento ed è incollata a esso. Questo rende ancora più difficile eliminare gli acari della polvere, che possono causare allergie e asma.

Cosa potete fare?

  • Se il vostro tappeto è molto vecchio, potete comprarne uno realizzato con materiali naturali non trattati.
  • Si consiglia di evitare tappeti di grandi dimensioni, poiché la loro pulizia risulterà più complicata.

3. Stampanti laser

Tra gli oggetti tossici presenti in casa, le stampanti laser rilasciano nell’aria minuscole particelle che si formano a partire dall’inchiostro della stampa. Queste particelle penetrano nei polmoni e da esse possono derivare una serie di malattie polmonari e cardiovascolari.

Cosa potete fare?

La cosa migliore da fare è posizionare la stampante laser in una stanza ben ventilata.

4. Biberon

Biberon

Molti biberon sono formati da policarbonato di plastica. Questo tipo di plastica viene sintetizzata a partire da un prodotto chimico conosciuto col nome di bisfenolo A (BPA)

Si tratta di un materiale plastico dalla struttura simile a quella dell’estrogeno e nota come “distruttore ormonale”. Questa plastica, infatti, può causare gravi disturbi ormonali al neonato.

Cosa potete fare?

L’ideale è trovare un’alternativa fabbricata con materiali sicuri, e verificare previamente l’etichetta per esaminarne la composizione.

5. Materassi

Ebbene sì, tra gli oggetti tossici troviamo anche il materasso. Molti materassi presentano un elevato livello di diftenile-polibromato, un prodotto che genera problemi di salute.

  • Questi danni vanno da dolori cerebrali a una diminuzione della funzionalità riproduttiva, nonché problemi alla tiroide.
  • Questo materiale è particolarmente pericoloso per i più piccoli.

Cosa potete fare?

I vecchi materassi sono quelli che contengono queste sostanze. Se i vostri materassi sono molto vecchi, vi consigliamo di acquistarne dei nuovi realizzati con materiali naturali.

6. Contenitori di plastica

Contenitori per alimenti

I contenitori per alimenti di solito sono fatti di plastica. Questo vuol dire che sono realizzati in un materiale che a sua volta contiene numerose sostanze chimiche, come gli ftalati.

Queste sostanze possono colpire il il sistema endocrino e l’apparato riproduttivo, e possono provocare pressione alta e resistenza all’insulina.

Cosa potete fare?

  • Per quanto possibile, sostituite i contenitori di plastica con recipienti di vetro o di ceramica. Nel caso non ne disponiate, scegliete contenitori a base di polietilene o polipropilene.
  • Non dimenticate che non bisogna mai riscaldare al microonde gli alimenti posti all’interno di un recipiente fatto di plastica.

7. Ammorbidente

Gli ammorbidenti per il bucato lasciano i vestiti molto più morbidi, ma li ricoprono di un sottile strato di prodotti chimici tossici.

Questi prodotti possono irritare la pelle, causare problemi respiratori e mal di testa.

Cosa potete fare?

Anche se il loro uso è sicuro se adoperati in quantità moderate, è meglio evitare di usarli per lavare i vestiti dei bimbi. Ad ogni modo, potete scegliere un rimedio naturale per migliorare l’odore degli indumenti.

Guarda anche