Perdita della voce: quali sono le cause?

9 aprile 2017
Quando capita spesso di restare senza voce, bisogna andare dal medico; è anche utile imparare ad usare la voce con l'aiuto di un foniatra.

Siete tra quelle persone che restano regolarmente afone e non sapete perché? Niente paura, non siete i soli.

Alcuni di noi hanno una maggiore tendenza a soffrire di questo disturbo, anche se non sempre si tratta di una debolezza fisica.

Qualunque sia il motivo alla base di questo problema, si tratta senza dubbio di una complicazione sul piano lavorativo e nelle relazioni personali.

È importante sapere perché succede per riuscire a trovare la soluzione adatta.

Fattori che incidono sulla perdita della voce

Il lavoro

Per alcune professioni la voce è lo strumento principale.

Tra le persone più soggette ad andare incontro a disturbi della voce troviamo:

  • Insegnanti.
  • Comunicatori.
  • Cantanti.
  • Teleoperatori.
  • Camerieri.

Se questo è il vostro caso, vi consigliamo di fare ricorso a rimedi naturali che vi aiutino a far fronte ad un eccessivo sforzo della voce.

Ancora meglio sarebbe ricorrere ad un foniatra che vi insegni le tecniche per utilizzare l’apparato fonatorio nel modo più sano.

Volete saperne di più? Leggete: rimedi e consigli per la disfonia

Inquinamento acustico

  • Spesso, appena chiusa la porta di casa, ci troviamo immersi nel rumore del traffico.
  • Quando siamo seduti in una caffetteria o al ristorante succede lo stesso. La musica a tutto volume ci obbliga ad alzare il tono di voce per farci sentire dagli altri.

Al punto che spesso si comincia ad avvertire mal di gola, solo per avere fatto due chiacchiere con un amico.

Inquinamento ambientale

Purtroppo la qualità dell’aria che respiriamo in città è ogni giorno peggiore.

L’esempio più drammatico ci viene dato da alcune metropoli in cui si è costretti ad indossare la mascherina per camminare in strada.

L’aria condizionata, inoltre, può causare gravi fastidi poiché secca la mucosa che protegge le vie respiratorie.

Altri motivi per cui si resta senza voce

Fumo

Già sapete che le sigarette danneggiano i polmoni, ma sapevate che possono provocare anche il cancro alle corde vocali?

Non stiamo parlando di una conseguenza del fumo poco frequente, tutt’altro.

Si tratta, per fortuna, di una malattia non troppo aggressiva che, se diagnosticata in tempo, è solitamente curabile.

L’afonia o la disfonia in chi fuma può essere un buon motivo per fare un controllo medico, soprattutto se è ricorrente.

Noduli e polipi

Per quanto diversi, in entrambi i casi si tratta di formazioni che possono comparire sulle corde vocali.

Potremmo paragonarli ai calli che si formano sotto i piedi quando si calzano scarpe non adatte per un lungo periodo.

Succede lo stesso quando usiamo male la voce per un tempo prolungato o il lavoro ci obbliga a parlare senza sosta: l’apparato fonatorio si lesiona.

I polipi e i noduli sono una delle conseguenze.

I noduli possono ridursi adottando migliori abitudini nel canto o nel parlato. Altrimenti si ricorre alla chirurgia.

I polipi vengono solitamente asportati dal chirurgo.

Laringite acuta

È il disturbo più leggero. Si tratta di un’infiammazione della laringe, che scompare con i farmaci o da sola.

Alcune persone, tuttavia, ne soffrono con molta frequenza.

L’ideale sarebbe cercare terapie alternative per ottimizzare il suo funzionamento, senza sottoporre la laringe a stress eccessivo.

Se restate senza voce per questo motivo, non dovete preoccuparvi, c’è sempre un modo per migliorare la situazione.

Leggete anche: Mal di gola e intestino: c’è una relazione?

Reflusso gastroesofageo

È il classico bruciore di stomaco. Come ci indica lo sgradevole sapore che lascia in bocca, contiene sostanze acide e irritanti. 

Per questo motivo possono lesionare a poco a poco gli organi con cui entrano in contatto.

Il primo modo per affrontarlo è quello di consumare alimenti più leggeri e facili da digerire. In questo modo, oltre a ridurre i fastidiosi sintomi, vi prenderete anche cura della gola.

Tenendo conto di quanto detto, in ogni caso è sempre meglio chiedere il parere del medico. Una volta individuata la causa del problema, potrete agire di conseguenza.

Tuttavia, di fronte ad un abbassamento della voce, anche una serie di sedute con il foniatra non fa mai male.

In questo modo potrete recuperare la vostra voce e dimenticare la frustrazione di non riuscire a comunicare come si deve.

Guarda anche