Nuovo trattamento sostitutivo alla chemioterapia

8 dicembre 2016
A differenza della chemioterapia, l'immunoterapia è un trattamento che permette al corpo stesso di lottare contro il tumore. Inoltre, è molto meno aggressiva per il paziente

Oggigiorno la chemioterapia è conosciuta come l’unica cura possibile contro la maggior parte delle malattie oncologiche.

Ma, come già saprete, gli effetti collaterali sono molto aggressivi e, in molti casi, possono arrecare gravi danni permanenti ai pazienti che lottando contro tumore.

Tuttavia, attualmente pare sia l’opzione che offre più possibilità di distruggere le cellule cancerogene.

Questo, però, non significa che qualcosa non possa cambiare; gli studiosi, infatti, ci informano che vi è una speranza nel futuro della lotta al cancro ed ha un nome: immunoterapia.

Oncologi di prestigio ci dicono che, in un futuro prossimo, il nostro organismo sarà in grado di rafforzare il sistema immunitario affinché possa identificare efficacemente le cellule maligne e le possa distruggere.

Sicuramente quest’idea potrebbe suonare un po’ fantascientifica, ma verità è che l’immunoterapia non è magia, bensì medicina a tutti gli effetti; un’alternativa fattibile che può sostituire trattamenti molto aggressivi quali la chemioterapia.

A seguire vi daremo maggiori informazioni.

L’immunoterapia è più efficace e meno aggressiva della chemioterapia

La prima cosa da fare per iniziare un trattamento antitumorale è affidarsi ad un buon medico e seguire sempre alla lettera ciò che ha stabilito per voi.

A prescindere dal fatto che l’immunoterapia stia dando ottimi risultati, ancora è un trattamento in fase di sperimentazione; pertanto non tutti i pazienti possono beneficiarne e ad oggi la chemioterapia continua ad essere l’opzione più adeguata e necessaria.

Vi consigliamo di leggere anche: I sintomi del cancro al polmone: imparate a riconoscerli

Ciò nonostante, ed è qui che si inizia a vedere un barlume di speranza, molti pazienti affetti da malattie aggressive, come ad esempio un cancro al fegato, hanno constatato grandi miglioramenti grazie all’immunoterapia.

In quest’articolo vi spiegheremo molto di più affinché possiate capire bene come funziona questo trattamento. corpo-umano-e-cellule-cancerogene

Cos’è l’immunoterapia?

L’immunoterapia ha uno scopo concreto: aiutare le difese immunitarie del corpo a localizzare ed eliminare il tumore. 

Può raggiungere quest’obiettivo in diversi modi:

  • Neutralizzando una proteina che si trova sulla superficie delle cellule cancerogene.
  • Fare in modo che i linfociti agiscano per neutralizzare e distruggere i tumori.
  • Allo stesso tempo gli scienziati stanno anche lavorando per estrarre i globuli bianchi dei pazienti e selezionare quelli con maggiore attività antitumorale. Una volta selezionati, si coltivano, si attivano e si impiantano di nuovo nel paziente. In questo modo, si ottengono cellule più potenti in grado di combattere i tumori.
  • Si sta lavorando molto anche sui cosiddetti vaccini terapeutici; una volta che ad un paziente viene diagnosticato un tumore, il sistema immunitario viene avvisato riguardo ad un pericolo contro il quale deve reagire. Per dare questo “avviso” e a sua volta fare in modo che l’organismo reagisca, vengono estratte le cellule cancerogene maneggiate con cura per capire come debba agire. Questi tipi di vaccini sono già stati utilizzati negli Stati Uniti per trattare il cancro alla prostata.

L’immunoterapia è più efficace della chemioterapia?

In futuro probabilmente sì, ma non ora. Attualmente l’immunoterapia è in fase di sperimentazione e si applica solo ai pazienti in condizioni gravi e che presentano, dunque, un tumore molto aggressivo.

Leggete anche: Come prevenire ed individuare le cisti al seno

  • Oggigiorno i risultati sono incoraggianti.
  • A differenza della chemioterapia, l’immunoterapia non è aggressiva.
  • I trattamenti sono personalizzati e, prima di tutto, si cerca di fare in modo che sia l’organismo a reagire al cancro.
cellule-cancerogene-e-cellule-buone

L’immunoterapia oggi

Attualmente ad alcuni pazienti vengono somministrati dei farmaci quando non rimane altra soluzione, poiché la chemioterapia non ha avuto effetti.

  • Gli studiosi ci dicono che è impossibile fornire un approccio basato esclusivamente sull’immunoterapia, in quanto è ancora in fase sperimentale.
  • Si spera che fra 10 anni si terminino tutti gli studi e si inizino a mettere in commercio i vaccini. Allo stesso modo, si stima che in poco tempo verranno commercializzati anche due tipi di trattamenti:
  1. I farmaci di prima generazione: quelli che stimolano il sistema immunitario e il loro scopo è far in modo che i linfociti siano sempre attivi.
  2. I farmaci di seconda generazione: rendono le difese più efficaci e forti contro le cellule tumorali.

L’immunoterapia sarà dunque l’unico trattamento contro il cancro?

La risposta è no! In un futuro prossimo ci saranno diversi tipi di trattamenti molto più efficaci per combattere il cancro. 

Quindi non avremo solo l’immunoterapia, ma anche altri approcci multidisciplinari per dare risposte alle particolari necessità di ogni paziente:

  • La chirurgia, per esempio, continuerà ad essere necessaria e ovviamente le tecniche per praticarla miglioreranno.
  • Si potrà disporre dell’immunoterapia che aiuterà a prevenire e a trattare il cancro in modo più efficace rispetto alla chemioterapia.
  • Tuttavia, molti medici dicono che in alcuni casi la chemioterapia continuerà ad essere necessaria così come la radioterapia.

Leggete anche: Tutto quello che c’è da sapere sul cancro al colon nelle donne

cellule-cancerogene-sui-tessuti

Noi aspetteremo ulteriori informazioni per potervi dare altre notizie incoraggianti. Infine, ricordatevi che la scienza farà passi da gigante e riuscirà a sconfiggere il cancro grazie a nuovi trattamenti e cure. 

Senza dubbio speriamo che sia così. 

Guarda anche