Malattia di Lyme: attenzione alle zecche

2 Aprile 2019
Anche se la malattia di Lyme è maggiormente diffusa negli Stati Uniti, esiste comunque il rischio di contagio anche in altri continenti. Non sottovalutatela.

Conoscete la Malattia di Lyme e i suoi rischi? Durante le belle giornate, molte persone ne approfittano per godersi un po’ d’aria facendo una bella passeggiata in campagna, andando in campeggio o facendo un pic nic sull’erba per passare una giornata piacevole con familiari e amici.

Tuttavia, nonostante queste attività siano altamente consigliate per evitare lo stress e passare con gioia i nostri momenti liberi, esistono anche dei rischi associati a tali passatempi, come ad esempio la Malattia di Lyme, un tipo di infezione trasmessa dalle zecche.

Gli enti della salute, già da qualche tempo hanno cominciato a mettere in allerta sul rischio che rappresentano le zecche per la salute umana e su tutte le conseguenze della Malattia di Lyme. È molto importante informarsi su questa malattia e fare tutto il possibile per ridurre i rischi di infezione.

Cos’è la Malattia di Lyme?

punture di zecche

La Malattia di Lyme è una malattia infettiva causata da un germe chiamato spirocheta, che si trova principalmente nelle Ixodes scapularis (conosciute generalmente come “zecche dalle zampe nere” o ” zecche dei cervi”), che si trovano al nord-est e al centro-nord degli Stati Uniti.

Essendo portatrici di questo batterio, le zecche rappresentano un rischio per la salute umana e per quella degli animali, perché una sola puntura può propagare la malattia scatenando una serie di sintomi che danneggiano pesantemente la qualità di vita.

I principali casi di questa malattia si sono riscontrati ovviamente negli Stati Uniti. Tuttavia, è stato possibile osservare casi di infezione anche in altri continenti come Europa, Asia e Australia.

Leggete anche: I migliori repellenti per le zanzare

Sintomi del disturbo

Uno dei primi segni della malattia di Lyme è un eczema della pelle che può comparire tra i 3 e i 30 giorni dalla puntura della zecca. Fate sempre un controllo capillare.

In generale l’eczema compare nel luogo in cui si è verificata la puntura della zecca e comincia con un leggero arrossamento che poco a poco può crescere e arrivare a estendersi su tutta la pelle. Altri sintomi che possono comparire come conseguenza di questa malattia sono:

  • Febbre
  • Brividi
  • Mal di testa
  • Fatica
  • Dolore alle articolazioni e ai muscoli

Anche se succede solo in rari casi, questa malattia durante la sua prima fase può già danneggiare il cuore e il sistema nervoso, portando a conseguenze anche molto gravi.

Se dovesse succedere qualcosa del genere, la persona affetta dalla malattia potrebbe sperimentare anche altri sintomi come battiti lenti e irregolari, paralisi facciale di Bell, indolenzimento delle braccia e delle gambe e gonfiore delle meningi, membrane che circondano il cervello.

Che succede quando la malattia di Lyme avanza?

artrite mani malattia di lyme

Quando i primi sintomi della malattia di Lyme vengono ignorati e non vengono prestate le dovute cure, il batterio può estendersi in altre zone del corpo e, con il passare dei giorni, i sintomi potrebbero peggiorare.

In uno stadio più avanzato, le persone affette da questa malattia possono cominciare a soffrire di artrite  e di problemi al sistema nervoso. In caso di artrite, la zona più colpita sono di solito le ginocchia, più raramente vengono danneggiate altre articolazioni.

Poche volte la malattia arriva ad uno stadio più avanzato di questo, ma se ciò dovesse succedere, si potrebbero sperimentare i seguenti sintomi:

  • Problemi di concentrazione.
  • Cambiamenti dello stato d’animo.
  • Cambiamento nelle abitudini del sonno.
  • Perdita della memoria.
  • Debolezza muscolare.

Leggete anche: Come trattare l’artrite reumatoide

I soggetti a rischio

zecca sulla mano

Le persone che passano molto tempo all’area aperta, specialmente dove ci sono molti animali, rischiano maggiormente di soffrire di questa malattia. il motivo è semplice: in tali posti è molto probabile che ci siano delle zecche.

In generale, le zecche preferiscono annidarsi nella parte superiore di arbusti bassi.Questo avviene perché lì è più probabile che persone o animali vengano a contatto con loro.

Spesso le zecche si arrampicano sui vestiti prima di aderire alla pelle e, una volta attaccate alla pelle, non è facile accorgersi di esse perché di solito non provocano alcun fastidio e non si fanno notare.

Non tutte le zecche trasmettono la malattia di Lyme, ma tutte possono rappresentare un rischio per la salute. Per questo è molto importante cercare di mantenerle il più possibile alla larga. Allontaniamole sia dalla nostra casa che da quelle zone che normalmente frequentiamo per goderci un po’ di tempo all’aria aperta.

Qual è la cura per la malattia di Lyme?

Quando la malattia di Lyme viene diagnosticata, bisogna cominciare una cura a base di antibiotici che dura dai 14 ai 30 giorni.  Se la malattia non è ancora in uno stadio avanzato, il corpo risponde molto bene a questo tipo di trattamento. Così è fortemente probabile che i sintomi scompaiano in poco tempo.

Se invece la malattia si trova in uno stadio più avanzato, il trattamento con gli antibiotici dovrà essere probabilmente applicato per via endovenosa. Affidatevi sempre al consiglio del medico. 

  • Fraser, C. M., Casjens, S., Huang, W. M., Sutton, G. G., Clayton, R., Lathigra, R., ... & Gwinn, M. (1997). Genomic sequence of a Lyme disease spirochaete, Borrelia burgdorferi. Nature390(6660), 580.
  • Burgdorfer, W., Barbour, A. G., Hayes, S. F., Benach, J. L., Grunwaldt, E., & Davis, J. P. (1982). Lyme disease-a tick-borne spirochetosis?. Science216(4552), 1317-1319.
  • Steere, A. C., Bartenhagen, N. H., Craft, J. E., Hutchinson, G. J., Newman, J. H., Rahn, D. W., ... & Malawista, S. E. (1983). The early clinical manifestations of Lyme disease. Annals of internal medicine99(1), 76-82.
  • Feder Jr, H. M., Johnson, B. J., O'connell, S., Shapiro, E. D., Steere, A. C., Wormser, G. P., & Ad Hoc International Lyme Disease Group. (2007). A critical appraisal of “chronic Lyme disease”. New England Journal of Medicine357(14), 1422-1430.