Avvelenamento da metanolo: cause ed effetti

Sebbene i casi di avvelenamento da metanolo siano rari, sono molto gravi. Possono portare alla morte della persona intossicata se non si interviene in tempo.
Avvelenamento da metanolo: cause ed effetti
Leonardo Biolatto

Scritto e verificato da il dottore Leonardo Biolatto.

Ultimo aggiornamento: 27 settembre, 2022

Il metanolo è un tipo di alcol incolore, volatile, a temperatura ambiente. È anche noto come alcol di legno o alcol bruciato. Il suo utilizzo è comune nell’industria, nei laboratori, ma anche in casa, poiché si trova in numerosi prodotti per la pulizia, antigelo, pitture e vernici.

L’avvelenamento può verificarsi accidentalmente per inalazione durante l’uso di questi prodotti. Tuttavia, in Europa, la modalità di avvelenamento più comune è quella volontaria per suicidio.

Inoltre, vi è un uso fraudolento di questa sostanza come sostituto dell’etanolo nelle bevande alcoliche prodotte clandestinamente. Il risultato è l’intossicazione di più persone contemporaneamente, portando a un focolaio al pronto soccorso.

I casi di intossicazione da metanolo sono molto rari. Tuttavia, portano un’elevata mortalità, tra il 26 e il 50%. D’altra parte, nei casi in cui non provoca la morte, lascia un gran numero di sequele neurologiche e visive, inclusa la cecità.

Per tutti questi motivi, di seguito ti diremo tutto ciò che bisogna sapere sull’avvelenamento da metanolo, i suoi sintomi e cosa fare nel caso in cui tu, un amico o un familiare siate avvelenati da questa sostanza.

Cos’è il metanolo e dove si trova?

Tossicità da metanolo
Il metanolo viene chiamato anche glicole etilenico e alcol isopropilico.

Come abbiamo detto, il metanolo è un tipo di alcol incolore, volatile, infiammabile e non potabile. È tossico per il nostro corpo, a differenza dell’etanolo, che si trova nelle bevande alcoliche. Si ottiene dalla distillazione del legno, anche se può essere sintetizzato dal monossido di carbonio o dal metano.

Viene utilizzato per realizzare, tra gli altri:

  • Antigelo: nel liquido lavavetri delle auto e nelle tubazioni del metano.
  • Solventi: vengono utilizzati nell’industria per produrre inchiostri, resine, adesivi e coloranti. Inoltre, come solvente per la produzione di farmaci per il colesterolo, antibiotici, vitamine e ormoni.
  • Combustibile per la produzione di energia.
  • Cibo: il metanolo si trova naturalmente in molti alimenti come frutta e verdura. Il metanolo aiuta a regolare l’attività genetica umana e facilita il metabolismo del cibo. Ma le dosi di questi alimenti sono molto piccole e non sono affatto tossiche.
  • Il metanolo serve a denaturare l’etanolo. Viene utilizzato per impedire alle persone di bere prodotti con etanolo, come collutori e miscele di carburante.
  • Durante la produzione di bevande alcoliche o distillazione, può essere prodotto metanolo. Nelle bevande alcoliche autorizzate, il metanolo è al di sotto della dose tossica, ma questo non è il caso in quelle prodotte clandestinamente.
  • Aspartame: è un dolcificante artificiale che, una volta digerito nel corpo, viene convertito in fenilalanina, acido aspartico e metanolo. Tuttavia, le quantità prodotte dalla digestione dell’aspartame sono inferiori alla probabile esposizione di frutta e verdura.

La dose tossica di metanolo si aggira intorno ai 100 mg/Kg, che equivarrebbe a circa 30 millilitri di metanolo puro. Il livello tossico nel sangue è di 0,2 g/L. Sebbene abbiamo visto che alcuni alimenti contengono metanolo, questi sono lontani dal raggiungere la dose tossica.

Perché il metanolo non è potabile?

Quando il metanolo viene ingerito, viene assorbito nell’intestino e raggiunge il sangue. Di per sé, il metanolo non è tossico, anche se può deprimere il sistema nervoso, provocando vertigini o sonnolenza. Tuttavia, quando il metanolo passa attraverso il fegato si scompone in acido formico, che è una sostanza molto tossica.

Cosa fa l’acido formico nel nostro corpo?

Il nostro sangue ha un livello di acidità o pH che deve essere mantenuto stabile in modo che le cellule del nostro corpo possano funzionare correttamente. Il range di questa acidità deve essere di circa 7,35-7,45. Se è inferiore a 7,35, significa che il pH è basso, cioè il sangue è più acido del normale.

Quindi, se abbiamo acido formico nel sangue, il pH scende facendo sì che le cellule smettano di funzionare correttamente e muoiano. Questo processo è chiamato acidosi metabolica e, se non trattato, può essere fatale.

Quali sintomi presenta?

L’esordio dei sintomi varia tra 40 minuti e 72 ore, sebbene i sintomi di solito compaiano nelle prime 12 o 24 ore. Tuttavia, prima di questo momento, la persona può soffrire di una sorta di ubriachezza a causa del metanolo stesso.

Alcuni alimenti che possono causare intossicazione alimentare

I sintomi e i segni di avvelenamento di solito colpiscono:

  • Sistema nervoso centrale: in caso di intossicazione lieve o moderata si verifica mal di testa, vertigini, letargia, incoordinazione nei movimenti o semplicemente uno stato di ebbrezza simile a quello dell’intossicazione da alcol. Tuttavia, nei casi più gravi possono verificarsi convulsioni, coma ed edema cerebrale.
  • Occhi: ci sono disturbi della vista che si presentano come visione offuscata, fotofobia e pupille dilatate. Allo stesso modo, la perdita irreversibile della vista e la cecità possono svilupparsi a causa dell’atrofia del nervo ottico dovuta alla tossicità diretta che l’acido formico ha sugli occhi.
  • Apparato gastrointestinale: per la sua azione irritante si manifestano nausea, vomito e mal di stomaco. Anche se, se l’avvelenamento non viene trattato, può colpire il pancreas causandone l’infiammazione e il fegato.
  • Altre manifestazioni: per compensare l’acidità del sangue, il corpo cerca di eliminare l’acido espellendo CO2, che produce prodotti acidi. Cioè, inizi a respirare molto rapidamente e appare la difficoltà di respirazione.

Cosa fare in caso di avvelenamento da metanolo?

Se pensi di aver ingerito o inalato metanolo , bisogna andare immediatamente al pronto soccorso. Lo stesso se un familiare o un amico ha assunto metanolo per farsi del male. In ospedale, se non sono trascorse più di due o tre ore dall’ingestione, si può eseguire una lavanda gastrica per evitare che il metanolo venga assorbito.

Tuttavia, può darsi che non ci rendiamo conto di essere stati intossicati, poiché il metanolo non produce sintomi se non dopo 1 o 2 giorni. Anche se in queste situazioni bisognerebbe recarsi subito anche al pronto soccorso, non si farà più la lavanda gastrica, ma altri trattamenti:

  • Misure generali: stabilizzare la persona colpita somministrandogli bicarbonato in modo che possa aumentare il pH e diminuire l’acidità, idratarla e fornire supporto respiratorio, acido folinico (per evitare sequele oculari) e vitamine.
  • Evitare la conversione dell’acido formico in metanolo nel fegato: l’etanolo utilizza lo stesso enzima del metanolo per metabolizzare nel fegato e ha un’affinità molto più elevata. Pertanto, per evitare che il metanolo utilizzi questo enzima e produca acido formico, viene iniettato etanolo. Si può anche usare un farmaco chiamato Fomepizol che inibisce questo enzima, ma è molto difficile da ottenere e molto costoso.
  • Emodialisi: Pulisce il sangue del paziente da metanolo e acido formico.

Tutti questi trattamenti devono essere eseguiti rapidamente per evitare sequele, in particolare la cecità, nonché la morte della persona intossicata.

Potrebbe interessarti ...
Avvelenamento da piombo: quali sono le conseguenze?
Vivere più sani
Leggi in Vivere più sani
Avvelenamento da piombo: quali sono le conseguenze?

L'avvelenamento da piombo, o saturnismo, è una condizione clinica piuttosto rara, ma che può causare gravi complicazioni se non trattata.