Benefici di mangiare 4 spicchi d’aglio al giorno

· 4 aprile 2016
Per ottenere tutti i benefici dell'aglio, conviene tritarlo e lasciarlo riposare prima di cuocerlo; in questo modo, rilascerà l'allicina e non la perderà durante la cottura.

Numerose ricerche confermano i benefici che si ottengono mangiando diversi spicchi d’aglio tutti i giorni. Inoltre, si continuano a individuare sempre nuove proprietà.

Usato fin dall’antichità da vari popoli (anche da Ippocrate, considerato il padre della medicina), l’aglio fa molto bene alla salute. Recenti studi indicano che assumere 4 spicchi di aglio al giorno permette di evitare numerose malattie.

L’aglio: un alimento millenario

Anche se non ne conoscevano i componenti, i greci usavano l’aglio per le sue proprietà medicinali.

Appartiene alla famiglia Allium (come la cipolla e il porro) e contiene un composto chiamato allicina, che fa molto bene alla salute se assunto in modo frequente e che conferisce all’aglio quell’odore così caratteristico.

Leggete anche: Perché mangiare aglio, cipolla e limone tutti i giorni

L’aglio, inoltre, apporta manganese, vitamina B6, vitamina C, selenio e fibra. Non ha troppe calorie e contiene molte proteine.

Proprietà dell’aglio

spicchi d'aglio

Assumere tutti i giorni diversi spicchi d’aglio offre molteplici benefici:

Previene l’Alzheimer

Non solo l’Alzheimer, ma anche altre malattie degenerative, come la demenza. L’aglio, ingrediente base di molti piatti, contiene antiossidanti che contrastano l’azione distruttiva dei radicali liberi. Protegge il corpo da problemi ossidativi e aumenta la quantità degli enzimi che purificano il sangue.

Riduce il colesterolo

Chi presenta un elevato livello di colesterolo “cattivo” (LDL) oppure antecedenti cardiaci dovrebbe mangiare più aglio. L’aglio evita le malattie cardiovascolari, attacchi cerebrali, infarti e pressione arteriosa elevata.

Combatte le malattie virali

l'aglio consente di evitare facilmente raffreddore e mal di gola

Grazie all’aglio, è possibile evitare facilmente il raffreddore o il mal di gola. La durata dei sintomi si riduce del 70%. Se siete vulnerabili ai cambiamenti climatici e vi ammalate spesso durante l’inverno, allora non esitate ad assumere più aglio.

Disintossica il corpo

I metalli pesanti che si accumulano nell’organismo e che provengono dal cibo o dall’inquinamento ambientale possono essere eliminati più facilmente grazie allo zolfo… uno dei componenti dell’aglio! Gli studi condotti su un gruppo di operai di una fabbrica di batterie, quindi esposti al piombo, hanno rivelato che l’aglio diminuiva la quantità di questo metallo nell’organismo del 20%. Ciò significa meno mal di testa e meno assenze per malattie.

Migliora la salute delle ossa

l'aglio migliora la salute delle ossa

Nel caso delle donne in menopausa, l’aglio riduce il tipico problema delle ossa deboli. Colpisce la metabolizzazione degli estrogeni, il che potrebbe essere la dimostrazione scientifica di questa proprietà.

Migliora il rendimento

Fin dall’antichità, l’aglio viene usato per ridurre la stanchezza e aumentare le capacità di prestazione. Ad esempio, gli atleti olimpici dell’antica Grecia assumevano aglio prima delle gare. L’aglio contribuisce al buon rendimento sportivo e mentale.

Altri benefici

Oltre alle proprietà di cui abbiamo parlato, consumare aglio serve a:

  • Fluidificare il sangue
  • Prevenire il cancro allo stomaco, all’esofago e al colon
  • Migliorare la salute delle articolazioni (ad esempio, per chi ha problemi di artrite)
  • Decongestionare i polmoni
  • Evitare problemi ai reni o all’apparato urinario
  • Attivare il buon funzionamento del fegato
  • Combattere la stitichezza
  • Eliminare parassiti intestinali
  • Equilibrare i livelli di zucchero nel sangue
  • Trattare herpes ed eczema
  • Ridurre l’ansia e il nervosismo
  • Evitare l’aumento di acido urico che provoca gotta e reumatismi
  • Trattare le vene varicose

Aglio crudo o cotto?

4 spicchi d'aglio al giorno possono evitare numerose malattie

Alcuni studi scientifici affermano che per godere appieno dei benefici di questo alimento, è importante mangiarlo crudo. Tuttavia, altri studi rivelano che, se si cuoce l’aglio in un determinato modo, è comunque possibile preservarne le proprietà.

L’aglio presenta diversi composti. Alcuni agiscono senza cottura, altri hanno bisogno del calore per “attivarsi”. Ad esempio, per prevenire il cancro, si consiglia di mangiare degli spicchi d’aglio cotto.

Una tecnica che evita la perdita dei nutrienti durante la cottura prevede di tritarlo prima e di lasciarlo riposare per 45 minuti. Durante questo lasso di tempo, l’allicina si attiva e non si disperde durante la cottura. Così facendo, consumarlo crudo o cotto presenta gli stessi effetti.

Vi consigliamo di leggere anche: Rafforzare le difese con aglio e miele

4 spicchi d’aglio al giorno per essere più affascinanti

Secondo una ricerca condotta da un team scozzese dell’Università di Stirling, le donne considerano più affascinanti gli uomini che mangiano aglio. Perché? Ha a che vedere con l’aroma secreto tramite la pelle.

Per portare a termine questo studio, gli scienziati hanno suddiviso gli uomini volontari in tre gruppi: il primo gruppo aveva mangiato aglio crudo, il secondo compresse a base di aglio e il terzo non aveva mangiato aglio.

Dopo aver praticato un po’ di sport, ai volontari è stato chiesto di asciugare il sudore con un asciugamano. Un gruppo di donne aveva il compito di giudicare il fascino, la mascolinità e la simpatia degli uomini attraverso il loro sudore.

In base ai risultati, i volontari che avevano consumato degli spicchi d’aglio crudo presentavano un odore più gradevole, mascolino e attraente. Le componenti dell’aglio si disperdono dalle ascelle e influenzano positivamente i rapporti intimi.

L’azione antibatterica dell’aglio fa in modo che le ascelle rilascino un aroma più dolce in quanto riducono la quantità di microrganismi responsabili del tipico cattivo odore, soprattutto dopo l’attività fisica.

  • Rivlin, R. S. (2001). Recent Advances on the Nutritional Effects Associated with the Use of Garlic as a Supplement: HistoricalHistorical Perspective on the Use of Garlic. The Journal of Nutrition. http://doi.org/10.2307/1940703
  • Amagase, H. (2006). Significance of Garlic and Its Constituents in Cancer and Cardiovascular Disease Garlic and Cardiovascular Disease : A Critical Review 1. The Journal of Nutrition. http://doi.org/https://doi.org/136/3/810S [pii]
  • Borek, C. (2001). Recent Advances on the Nutritional Effects Associated with the Use of Garlic as a Supplement Antioxidant Health Effects of Aged Garlic Extract. The Journal of Nutrition. http://doi.org/10.1107/S0108767396003479
Guarda anche