Clea Shearer sconfigge il cancro: come è stato individuato e curato precocemente?

Nel 2021, la star di Netflix ha ignorato un sospetto che un anno dopo ha trasformato la sua vita. Ora, Clea Shearer è guarita e concentrata sulla promozione della prevenzione del cancro.
Clea Shearer sconfigge il cancro: come è stato individuato e curato precocemente?
Leonardo Biolatto

Revisionato e approvato da il dottore Leonardo Biolatto.

Ultimo aggiornamento: 27 dicembre, 2022

Clea Shearer inizia una nuova transizione nella sua vita e una parte fondamentale di questa fase è sensibilizzare le donne riguardo alla diagnosi e al trattamento tempestivo del cancro al seno. La star di Netflix è una sopravvissuta alla malattia, rilevata un anno dopo aver percepito un segnale che all’epoca ignorava.

Sono passati 7 mesi da quando la conduttrice di The home edit ha informato il pubblico della sua malattia e ha iniziato la battaglia per liberarsi dal cancro al seno. Il percorso ha incluso operazioni, farmaci oncologici e radiazioni.

Nonostante la certezza del carcinoma fosse una notizia devastante, la conduttrice ha deciso di prendere il controllo e salvarsi la vita:

Instagram di Clea Shearer: “se non me ne fossi fatta completamente carico, mi troverei in una situazione completamente diversa”.

Il sospetto di Clea Shearer si è materializzato in una diagnosi

Nell’estate del 2021, il corpo aveva mandato a Clea un primo segnale, ma la conduttrice della piattaforma di streaming non si era allarmata. Riteneva che il nodulo al seno non fosse motivo di eccessiva preoccupazione; inoltre, non c’erano altre indicazioni che qualcosa non andasse bene nella sua salute.

A fine febbraio 2022, un autoesame del seno ha fatto scattare l’allarme nella conduttrice quarantenne. Non era più un nodulo, ma due, simili a una pietra. Per escludere ogni sospetto, ne ha parlato con il medico e il percorso di diagnosi è immediatamente cominciato.

In linea di principio, si sarebbe sottoposta a una mammografia, ma valeva la pena completare con un’ecografia. Il referto dell’ecografia riportava immagini preoccupanti, portando così ad una tripla biopsia urgente. È successo tutto lo stesso giorno: l’8 marzo, data in cui gli esami hanno confermato la diagnosi di cancro.

Tumore al seno: la forma che colpisce di più le donne

La crescita incontrollata delle cellule del seno provoca il cancro al seno. Lo spiega così l‘American Cancer Society, riferendosi al tumore palpabile e visibile attraverso una radiografia.

Ci sono diversi tipi di tumori maligni nel seno e vari stadi. I carcinomi duttali in situ (DCIS) e invasivi sono i tipi più comuni.

Allo stesso modo, ci sono quelli meno frequenti, come l’angiosarcoma e i fibroadenomi giganti. Il primo si presenta con noduli indolori di colore violaceo e il secondo è un tumore a rischio necrotizzante e ulcerante, come riportato dal Venezuelan Journal of Oncology e dal Chilean Journal of Radiology.

La bibliografia relativa alla patologia sottolinea che il cancro al seno occupa la seconda posizione di letalità tra le donne. Da parte sua, l’Organizzazione mondiale della sanità (OMS) sottolinea che, entro il 2020, il tasso di decessi associati a questa malattia è stato ridotto del 40% in alcuni paesi.

Resta ancora molto da fare!

In questo contesto, una campagna dell’OMS ha promosso l’individuazione precoce, la diagnosi tempestiva e la gestione completa del cancro al seno. Tutto al fine di ridurre il tasso annuo di decessi per questa causa.

Mammografia per cancro al seno.
La mammografia periodica, secondo le linee guida mediche, è un metodo efficace per la diagnosi precoce del cancro al seno.

Rilevamento

È proprio l’individuazione tempestiva che evita le conseguenze tragiche della malattia. Sebbene l’autoesame non abbia dimostrato l’efficacia nel ridurre la mortalità, è elencato come metodo diagnostico che è spesso responsabile del primo allarme.

Mammografia, ecografia e risonanza magnetica sono elencate dal Sinergia Medical Journal come altri metodi per una diagnosi precoce del cancro.

In contesti con risorse sufficienti, la Pan American Health Organization (PAHO) suggerisce di programmare lo screening con la mammografia ogni 2 anni. Quando le risorse limitano l’imaging, l’esame clinico è un’opzione. L’età iniziale per lo screening varia in base alle linee guida sanitarie di ciascun paese.

Fattori di rischio

Le masse nel seno tendono a essere considerate normali, poiché la maggior parte sono benigne e non si diffondono al di fuori del seno. Tuttavia, questi noduli aumentano le possibilità di sviluppare il cancro.

Tra le circostanze che aumentano il rischio ci sono l’età, la storia familiare, le mutazioni genetiche e altre patologie pregresse del seno, secondo le informazioni dei Centers for Disease Control and Prevention.

Il cancro al seno è più comune nelle donne, ma anche gli uomini lo possono contrarre.

Sintomi che non devono passare inosservati

La mancanza di storia familiare e la sua età hanno fatto pensare a Shearer che una diagnosi di cancro fosse impossibile. Ma dal rilevamento in poi, i sintomi erano più evidenti.

Le indicazioni della Mayo Clinic e della rivista ARBOR includono quanto segue tra i sintomi del cancro al seno:

  • Noduli ascellari.
  • Inversione del capezzolo.
  • Gonfiore del braccio.
  • Secrezioni dal capezzolo.
  • Ispessimenti o noduli al seno.
  • Rossore e buchi nella pelle del seno.
  • Croste e desquamazione dell’areola e della pelle del seno.

Tuttavia, i medici concordano sulla possibilità che la paziente confonda i segnali, tenendo conto dell’esistenza dei tumori benigni del seno prima della menopausa.

Autoesame del seno.
L’autoesame del seno consente di rilevare irregolarità che vengono successivamente approfondite dallo specialista.

Qual è stato il trattamento che Clea Shearer ha ricevuto per il cancro al seno?

Un mese dopo la diagnosi, Clea Shearer ha subito un intervento chirurgico di 9 ore durante il quale è stata eseguita una mastectomia bilaterale. Una settimana dopo, è finita nuovamente in sala operatoria per un altro intervento, perché la pelle ha cominciato a diventare necrotica.

Sono seguite venti settimane di chemioterapia con Adriamicina ® e Paclitaxel. Sono state integrate da 5 settimane di radioterapia e terapia ormonale, che insieme hanno innescato potenti effetti collaterali.

Il National Cancer Institute specifica che queste reazioni si verificano quando il trattamento colpisce organi e tessuti sani. In genere, le pazienti tendono a sperimentare quanto segue:

  • Dolore.
  • Stanchezza.
  • Anemia.
  • Alopecia.
  • Stipsi.
  • Mancanza di appetito.

Durante il trattamento, l’imprenditrice americana è stato infettata dal COVID-19.

Potrebbe interessarvi anche: Rischio di cancro del colon-retto e dieta

Dopo la malattia, Clea Shearer è pronta per la sua nuova vita

Clea Shearer “ha colto il campanello d’allarme” e ora è libera dal cancro. È stato un anno duro e l’artista è consapevole che la lotta non è finita, e che ora più che mai è necessario prestare attenzione alle allerte.

Vuole fare del suo caso un’esperienza utile che incoraggi le donne a dedicare più tempo alla salute. A questo proposito, ha lanciato il Clea Shearer Breast Cancer Research Fund, un’organizzazione che promuove la diagnosi precoce attraverso servizi accessibili.

Mentre pubblicizza la sua campagna, Shearer ha in programma di godersi la sua famiglia, i suoi amici e le nuove opportunità che la vita le offre.

Potrebbe interessarti ...
Chemioterapia per il cancro al seno: tipi e stadi
Vivere più sani
Leggi in Vivere più sani
Chemioterapia per il cancro al seno: tipi e stadi

La chemioterapia per il cancro al seno è usata raramente come unico trattamento. Di solito è combinato con la chirurgia e la radioterapia.




Il contenuto di questa pubblicazione è solo a scopo informativo. In nessun caso possono servire a facilitare o sostituire diagnosi, trattamenti o raccomandazioni di un professionista. Se avete dei dubbi, consultate il vostro specialista di fiducia e chiedete la sua approvazione prima di iniziare qualsiasi procedura.