Come si è messo in forma Novak Djokovic per il Roland Garros?

Il Roland Garros è uno dei quattro Grandi Slam del tennis. Per questo motivo, tutti i tennisti cercano di brillare sui loro campi. Vi raccontiamo la strategia di Novak Djokovic per arrivare a Parigi in forma.
Come si è messo in forma Novak Djokovic per il Roland Garros?

Ultimo aggiornamento: 17 luglio, 2022

Anche se si avvicinano gli ultimi anni della sua carriera professionale, Novak Djokovic è una star in ogni torneo a cui partecipa. Il Roland Garros non fa eccezione e il serbo cercherà lì la sua terza conquista dopo un inizio d’anno irregolare.

Al livello più alto di qualsiasi sport, un paio di mesi prima possono essere un handicap troppo difficile da invertire. Se parliamo del numero uno, forse anche di più.

Nonostante non abbia gareggiato troppo nel primo quarto per motivi non sportivi, Novak Djokovic è riuscito a gestire i suoi tempi e a prepararsi magnificamente per il Roland Garros.

Le gare di Djokovic prima del Roland Garros

Alcuni esperti, come il commentatore televisivo Mats Wilander, hanno affermato che la preparazione di Novak Djokovic per il Roland Garros è stata “perfetta”. Come racconta l’ex giocatore svedese, Nole ha avuto una settimana di riposo tra la sua consacrazione al Master di Roma e la sua esibizione nella capitale francese.

Prima di vincere in Italia, Djokovic era tornato all’attività tennistica dopo quasi 2 mesi nella sua città natale, Belgrado. Il ritorno non è stato del tutto felice, visto che i locali sono caduti nel match decisivo del torneo contro il russo Andrey Rublev.

Tra Roma e Belgrado, ha raggiunto le semifinali al Madrid Masters. Nella capitale spagnola è caduto in un vero match contro Carlos Alcaraz.

Al di là dei risultati, tutti questi incontri sono serviti a Djokovic per “mettere in moto” il Roland Garros, uno dei traguardi più importanti della sua annata sportiva.

Palla da tennis.
Il calendario annuale del tennis professionistico vive un momento di grande attività durante l’estate europea, quindi Novak si sta mettendo in forma per le competizioni vicine tra loro.

Leggete anche: Gli eventi sportivi imperdibili dell’estate europea

Novak Djokovic al Roland Garros 2022

Per l’edizione di quest’anno del Grande Slam sulla terra battuta, il numero uno al mondo confessa di arrivare con fiducia e in ottima forma fisica. Nei primi mesi dell’anno, tra la puntata degli Australian Open e le successive settimane di inattività per la sua assenza da vari tornei, ha giocato a malapena una manciata di partite in 3 mesi.

Tuttavia, adesso la situazione è cambiata. Il torneo di Belgrado di inizio aprile lo ha aiutato a guarire dal punto di vista fisico, secondo le sue stesse parole. Poi, a Madrid, ha iniziato a migliorare la sua forma tennistica. Infine, ha lasciato tutti a bocca aperta durante la sua grande prestazione a Roma.

D’altra parte, mentalmente, Djokovic affronta anche il Roland Garros con buone sensazioni. Negli ultimi 3 tornei ha vinto 1 titolo, 1 finale e 1 semifinale. Inoltre era al livello dei grandi protagonisti del circuito attuale, che sono molto più giovani di lui (cosa non da poco). Stiamo parlando di Rublev, Alcaraz, Stefanos Tsitsipas e Casper Ruud.

Come si allena Novak Djokovic?

Il serbo ha già superato i 35 anni. Ciò richiede una certa cura per il tuo corpo e ti costringe a pianificare le tue routine in modo intelligente insieme al team di professionisti che ti accompagnano.

Per farlo, secondo quanto pubblicamente noto, si basa su routine ginniche che gli consentono di rafforzare sia la parte superiore che quella inferiore del corpo, con particolare attenzione alle spalle e alle gambe. A questo aggiunge sessioni di yoga, cyclette, esercizi funzionali e stretching; tutto per rimanere agile e flessibile ed evitare infortuni.

Infine, ovviamente, questo si completa con il lavoro in pista e una strategia ben organizzata per quanto riguarda la routine mangiare/riposare. Un atleta professionista non può mai trascurare questi due fattori se vuole ottenere la migliore prestazione possibile.

Terra rossa per il Roland Garros.
Nel tennis, ogni campo di gioco ha bisogno di una preparazione speciale. È molto difficile per un tennista d’élite essere efficiente su tutti i piani.

Il numero uno, per tutto al Roland Garros

Il Roland Garros è sempre speciale e questa edizione sarà una sfida in più per Novak Djokovic. Questo perché il serbo è a 1 Grande Slam dall’eguagliare Rafael Nadal come il tennista di maggior successo in questi tornei, considerato il più importante del circuito.

Il suo rivale spagnolo è il miglior candidato ogni volta che mette piede in Francia. Le sue 13 consacrazioni sulla pista di Philippe-Chatrier parlano da sole e ci ricordano la sua importanza in questo evento.

Insomma, l’appuntamento in terra francese ha molto da offrire. Novak Djokovic ha già fatto la sua parte e arriva in gran forma al tanto atteso Roland Garros.

Potrebbe interessarti ...
Metodo Pintus: il segreto del successo del Real Madrid
Vivere più sani
Leggi in Vivere più sani
Metodo Pintus: il segreto del successo del Real Madrid

Antonio Pintus è preparatore fisico, fisioterapista e ricercatore di scienze dello sport del Real Madrid. Che cos'è il metodo Pintus?