Come superare una rottura emotiva

Una rottura, di solito, è un evento traumatico. Ecco perché è importante seguire una serie di passaggi utili ad elaborare il lutto. State per scoprire tutto ciò che c'è da sapere su questo argomento.
Come superare una rottura emotiva

Ultimo aggiornamento: 04 giugno, 2021

Tutti avremo attraversato una qualche rottura emotiva. Tuttavia, vivere questa fase presuppone un momento molto duro e difficile che, nella maggior parte dei casi, comporta un profondo dolore e la convinzione che non saremo mai più felici. Eppure, con il passare del tempo, i sentimenti si placheranno e, dopo una fase di lutto, torneremo a essere felici e a stare bene.

Per arrivare a quel momento, stiamo per darvi una serie di linee guida che vi aiuteranno a superare questo momento difficile. 

Trucchi per superare una rottura emotiva

Dita con volti stilizzati e cuore spezzato

Accettate quanto accaduto

Accettare l’accaduto è la cosa più difficile quando si tratta di superare una rottura emotiva. All’inizio non vogliamo accettare l’accaduto, piangiamo e ci arrabbiamo. Tuttavia, la realtà è quella che è.

È normale che si provino una serie di sentimenti ed emozioni spiacevoli. Tuttavia, questo non significa che si debba fuggire da essi, ignorarli oppure reprimerli. Occorre osservarli e accettarli. Solo così potremo andare avanti.

Tirate fuori ciò che avete dentro

Non dovreste reprimere le vostre emozioni o nasconderle, poiché questo potrebbe risultare controproducente. La cosa ideale è che le esprimiate, nonostante ciascuna persona lo faccia in modo diverso. Alcune decidono di parlare con gli amici, altre ricorrono alla psicoterapia e altri cercano conforto nella propria famiglia.

Se state cercando di superare una rottura emotiva, cercate la formula che fa al caso vostro. In effetti, è importante che esprimiate ciò che provate, senza provare imbarazzo, e che esprimiate ciò che vi fa male con le lacrime o urlando.

Una volta passato lo shock iniziale, poi, il consiglio è tirare fuori tutto quel dolore in modo sano. Fate sport, dedicatevi ad attività creative (scrivete, disegnate), tutte cose assolutamente consigliate.

Focalizzatevi su ciò che vi motiva

Una volta realizzati i passi precedenti, è importante provare a tornare alla normale routine. Probabilmente farete fatica, ma dovrete obbligarvi a farlo, anziché rimanere a casa, pervasi dalla tristezza.

Piano piano vi abituerete a una nuova vita e questo vi aiuterà a superare questa esperienza difficile. Rifugiatevi inoltre in passatempi o hobby, attività che vi piacciono, oppure riprendete ciò che avevate messo da parte per il vostro partner.

Rimanete ottimisti

È normale che quando si attraversa una rottura emotiva, si creda che tutto ciò che ci circonda sia distrutto. Tuttavia, se osserviamo delle situazioni simili avvenute in passato, non ci rendiamo conto che la vita continua?

Non importa quanto sia dura questa batosta, né quanto ci costerà uscirne. Alla fine, tutto passa e tutto si risolve.

Con il tempo, impariamo da questa esperienza, ci rafforziamo grazie a essa e continuiamo la nostra vita. Perché niente finisce a causa di una rottura emotiva. Inoltre, in alcuni casi, presuppone nuovi inizi pieni di opportunità per conoscersi un po’ più a fondo e, magari, anche per conoscere una persona speciale che faccia al caso vostro.

Mangiate bene

Una sana colazione con frutta e cereali.

Dopo una rottura è normale affidarsi a pasti veloci, a base di dolci e alimenti ultra processati. Farlo può danneggiare notevolmente la salute, quindi cercate di alimentarsi in modo corretto. 

Fate in modo da consumare piatti sani ed equilibrati, che contengano tutti i gruppi di nutrienti necessari al buon funzionamento dell’organismo. In questo modo la vostra autostima aumenterà ed eviterete di prendere peso e vedervi peggiorati dal punto di vista fisico (situazione che vi farebbe stare ancora peggio con voi stessi).

Se necessario, chiedete aiuto

Venire a patti con le nostre emozioni non è mai semplice. A volte ci sopraffanno e ci sentiamo incapaci di tornare alla nostra routine perché la tristezza pervade tutte le nostre attività.  E neanche lo è quando riguarda qualcosa a cui abbiamo dato un’importanza smisurata.

In questi casi, è di vitale importanza rivolgersi a uno psicologo. Può sembrare una sciocchezza ma il professionista saprà guidarvi, ascoltarvi e dare voce a quei sentimenti che vi impediscono di avanzare verso un futuro migliore.

Non rimanete immobili, lasciandovi sopraffare dalla tristezza: dovete essere più forti che mai e prendervi cura del vostro benessere. In caso contrario finirete per sviluppare problemi più seri. Prendetevi cura di boi stessi.



  • Baumeister, R. F. (1997). Esteem threat, self-regulatory breakdown, and emotional distress as factors in self-defeating behavior. Review of General Psychology. https://doi.org/10.1037/1089-2680.1.2.145
  • Brueckner, K., & Moritz, S. (2009). Emotional valence and semantic relatedness differentially influence false recognition in mild cognitive impairment, Alzheimer’s disease, and healthy elderly. Journal of the International Neuropsychological Society. https://doi.org/10.1017/S135561770909047X
  • Fonzo, G. A., Ramsawh, H. J., Flagan, T. M., Simmons, A. N., Sullivan, S. G., Allard, C. B., … Stein, M. B. (2016). Early life stress and the anxious brain: Evidence for a neural mechanism linking childhood emotional maltreatment to anxiety in adulthood. Psychological Medicine. https://doi.org/10.1017/S0033291715002603