Dolore al fianco destro: 10 possibili cause

27 Dicembre 2019
Sapevate che il dolore al fianco destro può nascondere una varietà di problemi di salute? Ad ogni modo, la prima cosa da fare è evitare l'automedicazione e consultare il medico per un controllo.

Il dolore al fianco destro è un sintomo che può manifestarsi per diverse cause. Mentre alcune non sono affatto serie, altre potrebbero richiedere delle cure mediche immediate. Pertanto, è importante consultare il medico in modo da poter avere una diagnosi accurata.

Non bisogna dimenticare che in questa zona del corpo ci sono organi vitali coinvolti nella digestione e nella minzione. Pertanto, non andrebbe escluso che il dolore possa essere legato un’alterazione di questi ultimi. Ad ogni modo, quando si manifesta, è meglio prestare attenzione ad altri sintomi come febbre, diarrea o dolore grave e prolungato.

In tal caso, si dovrà cercare un aiuto professionale il prima possibile. Per nessun motivo si dovrebbe ricorrere all’auto-medicazione o provare terapie non sono approvate dal medico. Dato che potrebbero peggiorare il problema. Ma quali sono le cause più comuni del dolore al fianco destro?

Possibili cause del dolore al fianco destro

Secondo le informazioni pubblicate sull’American Academy of Family Physicians, il dolore addominale può rappresentare un ampio spettro di condizioni, che vanno dalle malattie benigne alle emergenze chirurgiche. In tal senso, e secondo la stessa entità, la posizione del dolore è un utile punto di partenza per guidare un’ulteriore valutazione.

Considerando quanto sopra, va tenuto presente che il dolore al fianco destro può rappresentare diversi problemi associati agli organi di questa regione. Pertanto, una volta valutato il dolore, il medico suggerirà ulteriori esami diagnostici. Ma diamo un ripasso:

1. Traumi ossei

Dolore al fianco destro

Una delle cause principali è del dolore al fianco destro è un trauma alla cassa toracica e alle costole. Gli urti in questa zona sono molto dolorosi, soprattutto quando la cassa toracica si dilata per permetterci di respirare. Purtroppo, la risoluzione del dolore in questa zona è lenta.

2. Polmonite

È una possibile causa anche se più rara. Il dolore è acuto, pungente e aumenta quando si respira a fondo o se si tossisce. Questa patologia è accompagnata da sintomi quali: tosse, muco giallo, febbre, brividi e difficoltà nella respirazione.

3. Colecisti

In accordo cone le informazioni riportate dalla Clinica Mayo, il dolore nel fianco destro può indicare un problema alla colecisti, come i calcoli biliari. Un soggetto con i calcoli ha la carnagione giallognola e febbre. Il dolore si concentra nella parte superiore destra o centrale dell’addome e si irradia alla schiena.

Leggete anche: Come depurare il fegato e la cistifellea e prevenire i calcoli biliari

4. Meteorismo

Talvolta è la causa più comune, perché la digestione non si è svolta nel modo corretto. Il dolore al fianco destro, tuttavia, può essere dovuto anche alla stitichezza. Secondo l’articolo pubblicato dalla Clinica Mayo, il dolore dovuto ai gas tende a manifestarsi quando il gas rimane intrappolato o non ha libertà di movimento nell’apparato digerente.

5. Appendicite, tra le possibili cause del dolore al fianco destro

È un’infiammazione dell’appendice, la causa più comune del dolore nella parte inferiore destra dell’addome, così come riportato in una pubblicazione sul National Center for Biotechnology Information.

Questa patologia può manifestarsi in persone di qualsiasi età, ma è più frequente fra i 10 e i 30 anni. I sintomi possono cominciare con un mal di pancia, al centro o nella parte superiore dell’addome. Successivamente il dolore si sposta verso la zona inferiore del lato destro. Facendo pressione e poi togliendo la mano, si percepisce un dolore acuto.

Si può andare incontro a nausee, vomito, inappetenza, diarrea e in questo caso è necessario recarsi al pronto soccorso.

6. Pancreatite

Contrastare i calcoli alla cistifellea: cosa mangiare?

Il pancreas si trova sotto il fegato e dietro lo stomaco. Le malattie del pancreas, come il cancro al pancreas e la pancreatite, possono provocare dolore nella parte superiore destra.

7. Ernia addominale, tra le possibili cause del dolore al fianco destro

Le operazioni di ernia addominale sono frequenti e servono per evitare che si verifichi un’ernia strozzata. A seconda della sua posizione, l’ernia può generare dolore addominale nel fianco destro.

In presenza di un’ernia, si prova dolore quando si tocca l’area interessata. Può provocare con frequenza nausee o vomito.

8. Problemi ai reni

L’infezione della vescica o di qualsiasi parte del tratto urinario può estendersi ai reni, produrre infiammazione e dolore.

È caratterizzata da un dolore addominale sotto la parte destra dell’addome, che poi può estendersi verso la schiena.

9. Colon

Il colon ascendente si trova nel lato destro dell’addome, è la parte finale dell’apparato digerente. È probabile che si produca dolore per una qualsiasi infiammazione intestinale, ad esempio colite, sindrome del colon irritabile o morbo di Crohn.

10. Cisti ovariche

Le cisti sono delle piccole strutture, che si possono trovare in superficie o dentro un’ovaia. Sebbene nella maggior parte dei casi siano benigne, quando sono grandi o si rompono, possono causare dolore.

Vi consigliamo di leggere: Respirare in modo sbagliato può avere delle ripercussioni sulla salute?

Dolore al fianco destro: diagnosi

Fianco destro

Come abbiamo appena visto, sono molte le possibili cause per spiegare il dolore al lato destro del corpo. Per questo motivo, invece di tirare a indovinare, è fondamentale consultare un professionista. Secondo le informazioni pubblicate sull’International Journal of General Medicine, la diagnosi dovrebbe prendere in considerazione:

  • Da quanto tempo si avverte dolore.
  • Che sintomi lo accompagnano.
  • Ubicazione del dolore.
  • Durata e progressione del dolore.
  • Se il dolore è concentrato nella zona delle costole, è necessario sapere se si ha tosse, febbre o se si è subito un urto nell’area. Inoltre, è importante sapere se manca l’aria quando si respira o se vi sono lesioni cutanee.
  • Storia medica e chirurgica del paziente.

Analogamente, lo stesso studio indica anche che sono necessari esami quali:

  • Ispezione, auscultazione e percussione.
  • Test di irritazione peritoneale.
  • Esame rettale.
  • Speciali tecniche di esplorazione addominale.

Per ovvie ragioni, il trattamento di questo disturbo dipenderà in gran parte dalla causa. E sebbene alcuni casi si risolvano con modifiche delle abitudini di vita, altri possono richiedere farmaci o interventi chirurgici.

  • Cartwright, S. L., & Knudson, M. P. (2008, April 1). Evaluation of acute abdominal pain in adults. American Family Physician.
  • Villegas, Marina Manotas, M., Agudelo, Bertha Ines, M., & Vasquez, Catalina, M. (2000). Neumonía adquirida. Asociacion Espanola de Pediatria, 16–27. https://doi.org/2145-4590
  • Renal, F. (2010). Fisiologia Renal. In Fundamentos da Circulação Extracorpórea(pp. 99–113). https://doi.org/10.1016/j.quaint.2012.05.025
  • Cuervo, J. L. (2014). Apendicitis Aguda. Rev. Hosp. Niños252, 15–31. https://doi.org/www.center.salud.gob.mx/interior/gpc.html
  • Bruno, M. J. (2005, January). Chronic pancreatitis. Gastrointestinal Endoscopy Clinics of North America. https://doi.org/10.1016/j.giec.2004.07.008
  • García Marín, A., Sánchez Rodríguez, T., Camarero Mulas, C., & Turégano Fuentes, F. (2011). Dolor abdominal. Abdomen agudo. Medicine10(90), 6069–6077. https://doi.org/10.1016/S0304-5412(11)70224-4
  • Dewar MJ, Chin JL. Chronic renal pain: An approach to investigation and management. Can Urol Assoc J. 2018;12(6 Suppl 3):S167–S170. doi:10.5489/cuaj.5327
  • Wilcox CM, Yadav D, Ye T, et al. Chronic pancreatitis pain pattern and severity are independent of abdominal imaging findings. Clin Gastroenterol Hepatol. 2015;13(3):552–e29. doi:10.1016/j.cgh.2014.10.015