Eliminare i punti neri con il bicarbonato di sodio

4 Marzo 2019
Brufoli e punti neri si formano perché sporco e batteri rimangono sotto la superficie della pelle. In questo articolo vi mostriamo 4 maschere con bicarbonato di sodio, facili da applicare e molto economiche.

Il bicarbonato di sodio è un ottimo aiuto per esfoliare la pelle del viso, eliminare i punti neri e lasciarla morbida e priva di impurità. Aiuta anche a neutralizzare i livelli di pH contenuti nel trucco e in altri elementi. Quando il pH cambia, possono comparire batteri, grasso e punti neri.

Prendete nota delle seguenti maschere con bicarbonato di sodio per eliminare i punti neri. Scoprirete che sono opzioni facili e molto delicate con il viso.

Perché usare il bicarbonato di sodio per eliminare i punti neri?

Il bicarbonato di sodio è un ingrediente naturale che riduce la possibilità di causare effetti negativi. Di solito, gli unici effetti collaterali si verificano se si eccede con l’applicazione.

L’effetto effervescente del bicarbonato di sodio deterge delicatamente la pelle, letteralmente strappando lo sporco dai pori. È quindi l’ingrediente naturale adatto se i pori sono saturi di tossine.

Leggete anche: Rimuovere i punti neri con 5 maschere facciali

1. Bicarbonato di sodio e acqua

Bicarbonato di sodio

La prima delle maschere con bicarbonato di sodio per eliminare i punti neri è l’opzione più semplice. Applicatela ogni sera dopo aver rimosso il trucco.

Ingredienti

  • 1 cucchiaino di bicarbonato di sodio (15 g)
  • 2 cucchiai di acqua (30 ml)

Come si prepara

  • Rimuovete il trucco e lavate quindi il viso con acqua tiepida per aprire i pori.
  • Combinate il bicarbonato e l’acqua per formare una pasta.
  • Applicate sulla zona T e lasciate riposare per 5 minuti.
  • Massaggiate per 2 minuti e risciacquate infine con acqua fredda.

2. Maschera con succo di limone e zucchero di canna

Bicarbonato di sodio e cannella

Se per un lungo periodo non avete utilizzato nulla per eliminare i punti neri e sono diventati molto evidenti, provate questo esfoliante.

Lo zucchero facilita l’eliminazione dello sporco più profondo e ammorbidisce la pelle senza irritarla. A sua volta, il limone ha un effetto astringente e antibatterico che riduce le infezioni.

Ingredienti

  • 2 cucchiai di bicarbonato di sodio (30 g)
  • 2 cucchiai di zucchero di canna (30 g)
  • ½ tazza di succo di limone (125 ml)

Come si prepara

  • Mescolate il bicarbonato, lo zucchero semolato e il succo di limone.
  • Applicate quindi questa maschera sul viso pulito.
  • Realizzate un delicato massaggio con la punta delle dita, prestando particolare attenzione al naso e al mento.
  • Lasciate agire la maschera per 15 minuti e rimuovetela poi con abbondante acqua.

3. Bicarbonato con rosmarino

Bicarbonato trattamento

L’acqua di rosmarino ammorbidisce e idrata la pelle mentre chiude i pori. Questo è ottimo perché più piccoli sono i pori, minori sono le probabilità che le tossine si accumulino.

L’acqua di rosmarino combatte l’infiammazione ed è indicata per la pelle delicata, poiché deterge delicatamente.

Ingredienti

  • 2 cucchiai di acqua tiepida di rosmarino (30 ml)
  • 2 cucchiai di bicarbonato di sodio (30 g)

Come si prepara

  • Lavatevi il viso con il vostro solito detergente per il viso o con acqua e sapone.
  • Mescolate quindi l’acqua di rosmarino e il bicarbonato di sodio.
  • Applicate la pasta risultante sull’area in cui desiderate eliminare i punti neri.
  • Lasciate riposare per 15 minuti.
  • Risciacquate infine con acqua tiepida e asciugate con un asciugamano di cotone.

Applicate la solita crema idratante e ripetete l’applicazione della maschera 3 volte a settimana.

Date un’occhiata a questo articolo: 5 consigli per una pelle perfetta

4. Bicarbonato e latte

Bicarbonato di sodio olio di cocco

Il bicarbonato di sodio contiene acidi che neutralizzano l’alcalinità della pelle. L’acido lattico del latte sbianca la pelle ed esfolia.

Ingredienti

  • 1 cucchiaio di bicarbonato di sodio (15 g)
  • 1 cucchiaio di latte intero (15 ml)

Come si prepara

  • Mescolate il bicarbonato e il latte per formare una pasta.
  • Applicate sulla pelle pulita e lasciate agire per 1 minuto.
  • Rimuovete quindi con acqua tiepida e movimenti circolari.
  • Applicate tre volte a settimana.

Errori da non commettere durante l’applicazione

Il bicarbonato di sodio è un elemento neutro. Tuttavia, si possono presentare situazioni che devono essere monitorate e prese in considerazione. Ricordate:

Evitate di applicare queste maschere sulle aree della pelle dove si presentano irritazioni o ferite. Sebbene la maggior parte degli ingredienti di solito non causi alcun problema, le ferite possono peggiorare.

L’opzione migliore è aspettare che le lesioni guariscano e che l’irritazione scompaia. Normalmente, questo richiede da due a cinque giorni. Se notate che la pelle non migliora, fatevi visitare da un dermatologo.

Non esagerate con l’applicazione di queste maschere per eliminare i punti neri. Applicandole più volte di quanto indicato, possono causare irritazioni.

Anche se il problema è grave, scegliete una delle opzioni che vi abbiamo dato e rispettate i tempi. La prassi normale con qualsiasi prodotto di bellezza è iniziare a vedere i risultati dopo la terza settimana di utilizzo.

Smettete di applicare la maschera se genera reazioni indesiderate. Anche se non avete mai avuto allergie a nessuno degli ingredienti usati in queste maschere, smettete di usarli se notate qualche problema.

Fattori ambientali e altri prodotti di bellezza possono far sì che la pelle reagisca negativamente in qualsiasi momento a ingredienti che non hanno mai dato problemi prima.

  • Mostardeiro, S. C. T. de S., & Pedro, E. N. R. (2011). O cuidado de enfermagem em situações de alteração da imagem facial. Rev Gaucha Enferm. https://doi.org/10.1590/S1983-14472011000200012
  • Cedeño, J. B. (2015). La Cara , sus Proporciones Estéticas. Clínica Central “Cira Garcia.” https://doi.org/10.1016/j.gca.2006.06.585
  • Cerutti, M., & Neumayer, F. (2004). Introducción a la obtención de aceites esenciales de limón. Universidad Del Centro Educativo Latinoamericano.
  • Sayar, R. (1988). Nutrientes del huevo, composición química, buenas prácticas.