Fibroma uterino: 7 segnali d’allarme

· 15 luglio 2017
Il fibroma o mioma uterino non per forza è pericoloso, ma conviene andare dal ginecologo per una diagnosi dettagliata qualora si presentassero i sintomi qui descritti

Il fibroma uterino, o mioma, è un’escrescenza che si sviluppa all’interno dell’utero, ma può crescere anche fuori.

Solitamente di natura benigna, nella maggior parte dei casi  il fibroma uterino non è associato ad un aumento della probabilità di soffrire di cancro.

Tuttavia, se i fibromi crescono molto rapidamente, devono essere monitorati dal ginecologo. Per quanto riguarda i miomi, esistono diversi segnali d’allarme che suggeriscono che qualcosa non sta andando come dovrebbe.

Cos’è un fibroma?

I fibromi si sviluppano quando una cellula dell’utero cresce in maniera incontrollata. Possono essere talmente piccoli da non essere visibili e raramente causano fastidio.

Il problema sorge quando il fibroma cresce in maniera tale da distorcere e spostare l’utero verso la cassa toracica. In questo caso, si prova una sensazione di malessere, che con il passare del tempo si intensifica.

I segnali d’allarme solitamente si manifestano quando:

  • Si sono sviluppati diversi fibromi nell’organismo.
  • I fibromi si trovano in zone particolarmente sensibili.

Perciò, maggiore è la massa, più intensi saranno i sintomi. A seguire vi illustreremo alcuni sintomi da tenere in considerazione.

1. Problemi alla vescica

Problemi alla vescica a causa di un fibroma

Il primo segnale d’allarme non sempre è legato alla presenza di fibromi. Tuttavia, quando il fibroma si trova sulla parete esterna dell’utero, vicino alla vescica, può premere e ridurre il volume della stessa.

Il sintomo più frequente è un crescente stimolo ad urinare. Il fibroma potrebbe addirittura ostacolare la minzione anche quando la vescica è piena, una cosa non solo fastidiosa, ma anche pericolosa.

Se andate in bagno più frequentemente del solito, ma non riuscite a svuotare la vescica, allora conviene che vi sottoponiate ad un controllo medico.

Leggete anche: Cibi da evitare in caso di vescica iperattiva

2. Pressione rettale

Così come i fibromi possono fare pressione sulla vescica, può succedere la stessa cosa anche per la parte posteriore. In questo caso, la pressione sul retto provoca la costante sensazione di avere lo stomaco pieno.

Inoltre, questa pressione ostacola il passaggio degli alimenti, perciò l’evacuazione è più difficoltosa ed è probabile che si formino emorroidi.

Altre condizioni possono provocare sintomi simili, perciò l’ideale è consultare il ginecologo, specialmente se in famiglia ci sono precedenti di fibromi.

3. Malessere o dolore pelvico

Dolore pelvico

È piuttosto comune che i fibromi di grandi dimensioni causino una sensazione di malessere e dolore nella regione pelvica.

  • Per alcune donne è molto fastidioso, soprattutto quando si chinano o si sdraiano.
  • Altre donne, invece, manifestano questo sintomo come una sensazione di pesantezza.
  • Una percentuale minore di donne può provare un dolore acuto e intenso nella regione pelvica.

Questo capita quando il fibroma degenera, in un periodo di tempo che va da due settimane ad un mese.

I sottoprodotti dei fibromi possono infettare il flusso sanguigno e i tessuti locali, provocando la febbre.

4. Mal di schiena

Il mal di schiena è un altro segnale d’allarme dei fibromi.

Quando il fibroma si trova sulla parete posteriore esterna dell’utero, fa pressione contro i nervi della colonna vertebrale e i muscoli della schiena.

In questo caso, si possono manifestare seri problemi alla schiena che limiteranno lo svolgimento delle normali attività quotidiane. Inoltre, questo sintomo può presentarsi in associazione a quelli precedentemente descritti.

5. Dolore durante i rapporti sessuali

Rapporti sessuali dolorosi a causa del fibroma uterino

Alcune donne possono lamentare questo sintomo, il quale dipende dalle dimensione e dall’ubicazione del fibroma.

Durante i rapporti sessuali si prova dolore o fastidio, che può intensificarsi in base alla posizione e al momento del mese.

La cosa più importante è mantenere sempre una buona comunicazione con il partner per fargli capire che non è lui il problema.

6. Flusso mestruale abbondante

Uno dei segnali d’allarme più conosciuti dei fibromi è un flusso mestruale abbondante. Causa grande disagio perché in poco tempo il ciclo è abbondante.

Il problema è che le perdite non sono solo abbondanti, ma anche dolorose. Possono scatenare crampi o profondi dolori difficili da eliminare.

Se il vostro flusso mestruale aumenta in termini di quantità o dolore, allora rivolgetevi immediatamente al vostro medico.

Le donne con un ciclo mestruale abbondante sono propense a sviluppare anemia, perciò si sentono stanche, deboli e soffrono di mal di testa.

Vi invitiamo a leggere anche: 6 rimedi naturali per combattere i crampi notturni

7. Ciclo mestruale lungo o perdite tra un ciclo e l’altro

I fibromi non solo possono alterare la quantità del flusso mestruale, ma ne influenzano anche la durata.

In questo senso, le mestruazioni possono durare più di sette giorni o possono verificarsi delle perdite tra un ciclo e l’altro. Questo sintomo può essere accompagnato anche da crampi e dolore intenso.

Tutti questi sintomi sono potenziali segnali d’allarme per quanto riguarda i fibromi per cui bisogna prestare attenzione per evitare che complichino la vita di tutti i giorni.

L’ideale è sottoporsi ad una visita ginecologica almeno una volta l’anno. Tuttavia, se doveste presentare uno o più sintomi, allora consultatelo immediatamente.

Guarda anche