Giornata mondiale del donatore di sangue

La Giornata mondiale del donatore di sangue viene celebrata ogni 14 giugno di ogni anno, istituita dall'Organizzazione Mondiale della Sanità. L'argomento di quest'anno è stato "Sangue sicuro per tutti".
Giornata mondiale del donatore di sangue

Ultimo aggiornamento: 01 settembre, 2021

Ogni 14 giugno il mondo intero celebra la Giornata mondiale del donatore di sangue. L’Organizzazione Mondiale della Sanità (OMS) ha fissato la data in onore dello scienziato Landsteiner per sensibilizzare l’importanza della donazione.

Landsteiner era un biologo austriaco nato il 14 giugno 1868. Divenne famoso in campo scientifico quando scoprì come classificare i gruppi sanguigni in base al sistema ABO. Grazie a questa scoperta, ha ricevuto il premio Nobel nel 1930.

Viene sempre scelto un motto per la Giornata mondiale del donatore di sangue, e per il 2020 è stato scelto: “Sangue sicuro per tutti”. Lo scopo è sensibilizzare in merito alle misure di sicurezza necessarie per estrarre, immagazzinare e trasfondere il sangue umano.

Bisogna ricordare che non è possibile produrre artificialmente il sangue. L’unico modo per somministrarlo a qualcuno che ne ha bisogno è attraverso la donazione.

Giornata mondiale del donatore di sangue: cosa significa donare in sicurezza?

La Giornata mondiale del donatore di sangue sottolinea non solo la solidarietà di chi dona, ma anche il lavoro delle banche del sangue che amministrano i tessuti e conservano i campioni.

La sicurezza del sangue, per fare in modo che i pazienti riceventi non vengano infettati da nessuna malattia, è l’aspetto fondamentale di questo processo.

Il sangue sicuro è quello che non contiene microrganismi patogeni o sostanze tossiche. Ciò include virus, batteri, funghi e parassiti.

Diversi decenni fa, la trasmissione di agenti patogeni nel sangue donato era un grave problema. Ci sono stati casi di epatite C e infezioni da Chagas a causa della mancanza di sicurezza nelle trasfusioni.

Fortunatamente con il tempo sono stati migliorati i sistemi di controllo e rilevazione delle patologie nel sangue donato. Oggi le malattie vengono testate subito, non appena ricevuta la donazione di tessuti. Vengono eseguiti test per l’epatite, il virus dell’immunodeficienza umana, la sifilide, il Chagas e la brucellosi.

Se il sangue risulta positivo a una malattia, viene scartato. Al tempo stesso, il protocollo prevede di avvisare il donatore in modo che riceva la consulenza e il trattamento corrispondenti.

Batteri che circolano nel flusso sanguigno.
La presenza di batteri nel sangue donato fa sì che venga scartato immediatamente.

Il sangue sicuro è anche quello che non viene commercializzato

La Giornata mondiale del donatore di sangue ci ricorda la natura volontaria della donazione. Nessuno può obbligarci a donare, né dovremmo ricevere un incentivo finanziario per farlo. La commercializzazione della donazione di sangue è vietata in quasi tutti i paesi.

Pertanto, la sicurezza dipende anche dalle politiche pubbliche attuate per proteggere la privacy dei donatori e la loro integrità. L’atto deve rimanere volontario e altruistico, senza essere soggetto a condizioni di pagamento.

Questo è difficile nel contesto economico globale. La maggior parte delle donazioni di sangue avviene nei paesi ad alto reddito, lasciando al resto della popolazione una minore disponibilità di tessuto e favorendo la commercializzazione e il mercato nero del sangue.

Chi può donare?

Sebbene la donazione sia incoraggiata per tutta la popolazione, ci sono alcune restrizioni che si applicano anche per prendersi cura della salute di coloro che donano. Inoltre, al fine di garantire la qualità del tessuto, ci sono gruppi di persone da cui non si ricevono donazioni, come il personale sanitario, in quanto potrebbero soffrire di una malattia a causa della loro professione.

Per quanto riguarda il peso, si richiede che il donatore pesi più di 50 chilogrammi. E per quanto riguarda l’età, è riservato alle persone tra i 18 e i 65 anni, per motivi legali e per i possibili effetti negativi, che, sebbene minimi, tendono a manifestarsi agli estremi di età.

Nel corso di un anno, si suggerisce che la stessa persona doni non più di 3-4 volte. Questo si basa sul tempo di sostituzione dei globuli rossi, che varia da 90 giorni a 3 mesi. Distanziare le donazioni in questo modo dà al midollo osseo abbastanza tempo per riprendersi.

In generale, un professionista sanitario conduce il colloquio iniziale per determinare la fattibilità della donazione. Se i requisiti vengono soddisfatti, il donatore viene ammesso.

Paziente che dona sangue.
Nelle trasfusioni deve essere assicurata la sicurezza del donatore e di chi riceverà il sangue donato.

Per saperne di più: Trasfusione di plasma: in cosa consiste?

Giornata mondiale del donatore di sangue: la consapevolezza di salvare delle vite

Anche se può sembrare un piccolo gesto, donare salva molte vite. Grazie alle banche del sangue è possibile aumentare le probabilità di sopravvivenza dei pazienti durante gli interventi chirurgici complicati e curare malattie ematologiche congenite.

La Giornata mondiale del donatore di sangue ha a che fare con la solidarietà e il riconoscimento di coloro che, senza interesse, si preoccupano della salute degli altri.

Possiamo diventare donatori e aiutare nella nostra area geografica. Le banche del sangue presenti sul territorio sapranno rispondere esaustivamente alle vostre domande.

Potrebbe interessarti ...
Donazione di sangue: miti e verità
Vivere più saniLeggi in Vivere più sani
Donazione di sangue: miti e verità

Conoscere la verità sulla donazione di sangue è fondamentale per lasciarsi alle spalle ogni paura e motivarsi a compiere questa nobile azione.



  • Cuadros-Aguilera, Pol. “Salus Populi, principio de no lucro y deber cívico de donar sangre.” Revista de bioética y derecho 40 (2017): 115-124.
  • Cabana, Araceli Faraldo, María Pérez Galán, and Sara Asensio Arredondo. “Motivaciones para donar sangre entre el personal sanitario.” RECIEN: Revista Electrónica Científica de Enfermería 14 (2017): 2.
  • Hernández, MA Puig. “La donación de sangre. Historia y crítica de su regulación.” Revista de Derecho UNED 23 (2018): 801-805.
  • Aguirre, Sofía, Agustín Bazzani, and Mauro Casciati. “La problemática de la donación de sangre voluntaria no remunerada.” Evidência: Actualización en la Práctica Ambulatoria 16.1 (2013): 2-4.