I rischi di una gravidanza a 40 anni

· 4 Aprile 2019
Una gravidanza è sempre una benedizione, e lo è ancora di più a quarant'anni. Tuttavia, a quest'età si presentano diversi rischi, sia per la madre che per il bambino, che è essenziale conoscere.

Alcune donne sperimentano la gioia di una gravidanza a 40 anni. Sebbene a quest’età le probabilità di rimanere incinta siano basse, è importante conoscere tutti i rischi di una gravidanza a 40 anni.

Le donne tendono a pianificare le loro gravidanze in una fascia di età che va dai venti ai trenta anni. Tuttavia, per ragioni di lavoro, economiche o personali, il ritardo della maternità è una scelta sempre diffusa. Vediamo insieme i rischi di una gravidanza a 40 anni.

I rischi di una gravidanza a 40 anni

Aumento della comparsa di anomalie genetiche

Gravidanza rischi

Quando le donne invecchiano, i loro ovuli non hanno più la possibilità di dividersi facilmente. Se si resta incinta a quarant’anni, dunque, i problemi genetici sono più ricorrenti nei bambini. La più comune è la sindrome di Down.

Questa condizione è causata da un errore nella divisione cellulare che inizia nella formazione dell’ovulo o dello spermatozoo. Di conseguenza, l’embrione acquisisce una terza copia del cromosoma 21. Questa sindrome provoca ritardo mentale e gravi malattie cardiache.

Quando si ha meno di quarant’anni, la percentuale di incidenza di queste condizioni è inferiore a una su mille donne. Per coloro che hanno superato i quaranta, il rischio sale a un caso ogni centocinque nascite.

Vi consigliamo di leggere: Incinta a 45 anni: possibile in modo naturale?

Preeclampsia

È una complicanza medica associata all’ipertensione e alti livelli di proteine ​​nelle urine. Il rischio aumenta dopo la ventesima settimana di gravidanza. La donna presenta un’infiammazione al viso e alle mani, che danneggia il suo sistema nervoso e provoca convulsioni e incidenti cerebrovascolari.

Alta pressione sanguigna

L’ipertensione colpisce il bambino. Il più delle volte, questo problema si verifica alla fine del secondo trimestre di gravidanza. Se la sintomatologia è ricorrente, può portare al parto assistito.

I rischi durante la gravidanza

Infertilità

Donna infertile

In alcuni casi, l’infertilità è la conseguenza di problemi fisici, ormonali (di ovulazione), cambiamenti improvvisi e drastici nello stile di vita e fattori ambientali.

Tuttavia, il problema più frequente è l’insufficienza ovarica prematura in cui la funzione delle ovaie viene sradicata prima dell’inizio naturale della menopausa. Un altro motivo è la sindrome dell’ovaio policistico che ostacola il rilascio di ovuli maturi.

Altre condizioni che contribuiscono alla sterilità sono tumore all’utero, endometriosi e chiusura delle tube di Falloppio.

Diabete gestazionale

Il diabete gestazionale è definito come un’alterazione metabolica durante la gravidanza. Le conseguenze più gravi sono le infezioni delle vie urinarie, l’aumento di peso e il parto prematuro.

Danni alla placenta

Come già accennato, le donne di età superiore ai 40 anni sono più inclini allo sviluppo del diabete gestazionale e all’aumento della pressione sanguigna. Oltre a questi fattori, i rischi di una gravidanza a 40 anni includono anche una percentuale più alta di danni alla placenta. Inoltre, è più probabile che si manifesti sanguinamento anomalo durante il parto (o anche prima).

Leggete anche: Paura del parto cesareo: come superarla

I rischi durante il parto

Parto prematuro

Parto prematuro

Con il parto prematuro, il rischio principale è la morte del bambino. Non bisogna escludere o sottovalutare le conseguenze che un parto prematuro potrebbe avere se il neonato sopravvive, ad esempio, sordità, cecità o paralisi cerebrale.

Taglio cesareo o parto strumentale

Nel caso della tarda maternità, la seconda fase della gravidanza è prolungata, pertanto, il parto vaginale potrebbe richiedere l’uso di strumenti aggressivi (ventose o pinze) che potrebbero tradursi in un taglio cesareo.

Aborto

L’aborto è caratterizzato dalla morte e dall’espulsione spontanea del feto prima dei cinque mesi. Secondo uno studio della Clinica Tambre, da 20 a 24 anni il rischio è dell’11%; da 25 a 29 anni, il rischio aumenta al 12%; e da 30 a 34 anni, il rischio sale al 15%.

Tuttavia, superati i 35 anni, il rischio aumenta considerevolmente fino al 25%. In una gravidanza a 40 anni, il rischio è tra il 25 e il 35%.

Ricordate che le complicazioni che possono svilupparsi durante una gravidanza a 40 anni non si presentano in tutti i casi.

Non si sa mai con certezza quali possono essere i rischi per il proprio bambino. Essere una madre non è mai facile, ma vale la pena provare quando la donna è pronta e soprattutto desidera mettere al mondo una nuova vita.