Il male da una prospettiva filosofica

Il male è un concetto complesso che è stato affrontato dai filosofi dai tempi antichi fino ai giorni nostri. Di seguito vedremo le posizioni più rilevanti su questo argomento.
Il male da una prospettiva filosofica

Ultimo aggiornamento: 22 luglio, 2022

Il male è uno di quei concetti che sappiamo identificare molto bene nella pratica, ma definirlo in teoria può essere difficile. Se ci venisse chiesto di distinguere tra le azioni moralmente buone e quelle cattive, lo faremmo sicuramente senza troppe difficoltà, sulla base di valori e principi.

Ma se ci venisse chiesto di definire il male in teoria, ci imbatteremmo in alcune difficoltà. È un concetto complesso, la cui natura e le cui dimensioni sono difficili da definire.

Quindi, la nozione di male ha una lunga storia di discussioni filosofiche. Alcuni aspetti di questo fenomeno sono ancora oggi oggetto di dibattito. Detto questo, diamo un’occhiata ad alcune delle teorie filosofiche più importanti sul male.

Cos’è il male?

Prima è importante sottolineare che esistono almeno due concetti di male: uno ampio e uno ristretto. Vediamo in cosa consiste ciascuno.

Concetto ampio

Il concetto ampio di male comprende ogni eventualità che danneggi gli esseri umani o causi loro sofferenza. In questo senso, il disagio derivato da un mal di denti è tanto grave quanto un inganno, per esempio.

Il male in senso lato è stato diviso in due categorie: naturale e morale. La prima include tutti gli stati di cose che non derivano dall’intenzione o dalla negligenza degli agenti morali. Pertanto, gli incidenti naturali e le malattie rientrano tra i mali naturali.

Invece, i mali morali derivano dalle intenzioni o dalla negligenza degli agenti. Pertanto, includono quelle azioni umane che danneggiano l’altro, come l’inganno o l’omicidio.

In particolare, questa nozione tende ad essere utilizzata in contesti teologici e discussioni sul problema del male, riflettendo la difficoltà di spiegare la natura del male in un mondo creato da un Dio onnipotente e onnisciente e gentile.

Concetto di religione.
La religione ha una spiegazione teologica del male, ma la filosofia è molto più ampia riguardo a questo concetto.

Concetto ristretto

Da parte sua, il concetto ristretto di male include solo quelle azioni, personaggi o eventi ritenuti spregevoli dal punto di vista morale.

In questo senso, il male è attribuito solo agli agenti morali (gli esseri umani) e alle loro azioni. È spesso utilizzato nei contesti politici e legali contemporanei.

Teorie filosofiche del male

Sin dai tempi antichi, rinomati filosofi hanno teorizzato sul male. Ecco alcune teorie a riguardo.

Il male come prodotto dell’ignoranza

Uno dei primi filosofi ad analizzare il male fu Socrate, che attribuì il male all’ignoranza. Vale a dire, nessuno agirebbe consapevolmente, ma perché non sa cosa è bene e come fare le cose secondo esso.

In questo senso, il malvagio non agirebbe come tale se avesse una vera conoscenza del suo errore. Se sapesse che vivere secondo il bene è il modo migliore per farlo, allora non sceglierebbe di fare il male.

Dio e il male

Le teorie filosofiche del male sono iniziate con i tentativi di risolvere il problema del male. Cioè, quando si cerca di riconciliare l’esistenza del male (in senso lato) con un Dio o creatore onnipotente, onnisciente e buono.

Una teoria che fornisce una soluzione al problema del male è il dualismo manicheo. Secondo questa visione, l’universo è il prodotto di una battaglia in corso tra due principi primi uguali ed eterni: Dio e il Principe delle Tenebre.

Da questi primi principi sorgono sostanze buone e cattive, che sarebbero in una continua battaglia per la supremazia.

Dal canto loro, i primi filosofi cristiani, come sant’Agostino, optarono per il neoplatonismo. Hanno difeso che il male non esiste come sostanza o proprietà, ma piuttosto come privazione di sostanza, forma e bontà.

Ad esempio, il male della malattia consiste nella privazione della salute. Il male del peccato consiste nella privazione della virtù.

In questi casi Dio non crea il male, poiché tutta la sua creazione è buona. Dunque, il male è assenza di essere o mancanza di bene.

Il male: una qualità naturale dell’essere umano?

Gli esseri umani hanno sempre avuto un’inclinazione al male. In effetti, come società, siamo diventati affascinati e in qualche modo curiosi dei malvagi.

Ora, questa attrazione o propensione al male ha sollevato la questione se il male sia connaturale all’essere umano o sia una qualità appresa.

A questo proposito, autori come Niccolò Machiavelli o Thomas Hobbes affermano che gli esseri umani sono malvagi per natura. Il suo egoismo e l’istinto di sopravvivenza lo portano a soddisfare i propri desideri a scapito dei suoi coetanei. Diventano quindi necessari la legge e lo Stato, enti che consentono di regolare i comportamenti delle persone per il bene comune.

Kant afferma che c’è un male radicale nella natura umana. Il che implica che tutti gli esseri umani hanno una propensione a subordinare la legge morale all’interesse personale; e questa propensione è radicale o radicata nella natura umana.

Per Kant, compito della persona gentile sarebbe, secondo il suo imperativo categorico, dare l’esempio con azioni moralmente corrette. Rousseau pone invece una posizione contraria, difendendo che gli esseri umani sono buoni per natura ed è la società che li corrompe.

La banalità del male

Nel 20° secolo, Hannah Arendt offre una nozione di male associata ai gruppi sociali e allo Stato stesso. Le sue riflessioni emergono come un tentativo di comprendere e valutare gli orrori dei campi di sterminio nazisti.

Arendt sostiene che il male non è naturale per gli esseri umani né è una categoria metafisica. Sarebbe prodotto dalle persone e si manifesterebbe solo quando trova per esso uno spazio istituzionale e strutturale.

Secondo Arendt, una caratteristica distintiva del male radicale è che non viene fatto per ragioni umanamente comprensibili, come l’egoismo. Viene semplicemente eseguito per rafforzare il controllo totalitario e l’idea che tutto è possibile.

Soldati in guerra nel concetto di male.
Le guerre ci mettono davanti a degli estremi critici riguardanti il male che portano i filosofi a considerare nuove prospettive su questo argomento.

Componenti di un’azione malvagia

Molti filosofi contemporanei considerano la nozione di male legata al concetto di azione malvagia. In questo senso, difendono che una persona malvagia è una persona che compie azioni cattive o scorrette.

Ma cos’è che caratterizza le cattive azioni? Alcuni teorici hanno proposto i seguenti componenti:

  • Presenza di danno: le cattive azioni devono causare o consentire danni significativi ad almeno una vittima.
  • Motivazione – Si pensa che anche le azioni malvagie richiedano una certa intenzionalità o motivazione per fare il male. Se non c’è tale intenzione, allora non dovrebbe essere considerata un atto malvagio.
  • Affetto: è stato anche affermato che per fare il male bisogna provare un certo modo o provare determinate emozioni quando si agisce. Ad esempio, Laurence Thomas crede che i trasgressori si divertano a causare danni o provino odio verso le loro vittime.
  • Responsabilità: si presume che un’azione cattiva sia collegata a un agente moralmente responsabile. Cioè, sebbene gli incidenti naturali possano causare molti danni, questi fenomeni non possono compiere cattive azioni perché non sono agenti morali.

Secondo ciò, le cattive azioni vengono eseguite dagli esseri umani intenzionalmente e producono sofferenza nella vittima e un certo piacere nel trasgressore.

Ma questa prospettiva dell’azione malvagia può essere messa in discussione. Ad esempio, se provassimo a far esplodere una bomba in una stanza piena di persone innocenti, ma la polizia sventasse il tentativo, l’azione sarebbe comunque malvagia anche se non ha causato danni?

Il male è un concetto complesso

Come abbiamo potuto vedere, il concetto di male non è facile da definire. Sebbene molti filosofi si siano dedicati a riflettere su questo argomento, continuano a essere discusse le condizioni necessarie e sufficienti che definiscono un’azione cattiva o una persona malvagia.

Potrebbe interessarti ...
Individualismo: origini e significato di un pensiero moderno
Vivere più sani
Leggi in Vivere più sani
Individualismo: origini e significato di un pensiero moderno

L'individualismo è una posizione filosofica che difende la superiorità dell'individuo sulla collettività. Scopriamo le sue caratteristiche.