La pelle: segnali che indicano un problema

5 Dicembre 2014
Le alterazioni della pelle potrebbero avere origine da problemi interni, per cui è importante consultare uno specialista. Tuttavia, potrebbero anche essere dovute a malattie cutanee comuni.

Si tratta dell’organo più grande del corpo. Della pelle a volte si dice essere lo specchio del benessere generale di una persona, poiché può indicare lo stato di salute degli altri organi.

Secondo i dermatologi, infatti, i cambiamenti nella pelle, dalla decolorazione alla comparsa di bolle, a volte possono essere i primi segnali di problemi di salute più seri all’interno del corpo. 

A seguire vi presentiamo 5 modi in cui la pelle vi dice che qualcosa non va bene.

1. La pelle: eruzioni e macchie

In generale, un’eruzione cutanea accompagnata da altri sintomi quali:

  • Febbre
  • Dolori nelle articolazioni
  • Dolori muscolari

potrebbero essere il segnale di un problema interno o di un’infezione.

Secondo l’Accademia Americana di Dermatologia (AAD), un’eruzione cutanea può comparire anche in seguito ad un’allergia o come reazione ad un farmaco. 

Un’eruzione cutanea nella parte posteriore del collo oppure intorno alle braccia, di solito, con un colore leggermente più scuro del normale tono della pelle della persona può indicare un maggiore rischio da parte del soggetto di sviluppare il diabete di tipo 2.

Secondo la Mayo Clinic, con minore frequenza, tali eruzioni potrebbero indicare la presenza di cancro in un organo interno, come lo stomaco oppure il fegato

2. Il color bronzo e altre decolorazioni

La pelle: ittero

Nelle persone affette da diabete, la pelle color “bronzo” può essere il segnale di un problema con l’assimilazione del ferro. Un colorito giallognolo, invece, può indicare un’insufficienza epatica. Persino la sclera (la parte bianca degli occhi) può colorarsi di giallo. 

Sempre secondo la AAD, un inscurimento, visibile soprattutto:

  • Nelle cicatrici e
  • Nelle pieghe della pelle
  • Sulle articolazioni,
  • Nei gomiti
  • Nelle ginocchia

potrebbe dipendere da una malattia ormonale, come la malattia di Addison, che colpisce le ghiandole surrenali.

Leggete anche: “Cause del dolore alle ginocchia”.

3. Nuovi nei o protuberanze

Le persone che notano cambiamenti di questo tipo nella propria pelle devono sempre rivolgersi al medico.

Potrebbe trattarsi di cancro alla pelle, nonché il sintomo di una malattia interna o una sindrome genetica, d’accordo con il AAD. Per esempio, protuberanze gialle su braccia, gambe o glutei potrebbero essere una conseguenza di elevati livelli di trigliceridi.

Questo indica che il diabete non viene tenuto sotto controllo.

4. Cambiamenti nelle unghie

Onicomicosi

I cambiamenti nel colore o nella forma delle unghie spesso sono il segno di un problema di deficit di alcuni organi.

Per esempio, i cambiamenti nelle unghie che assomigliano ad infezioni da funghi possono essere in realtà il risultato di una psoriasi nelle unghie, nonostante di solito tale condizione colpisca la pelle.

 Le persone che, oltre a tali cambiamenti nelle unghie, presentano dolore alle articolazioni potrebbero essere affetti da una forma di artrite nota come artrite psoriasica. Anche i problemi al fegato e ai reni, inoltre, possono causare cambiamenti nel colore delle unghie.

Potrebbe interessarvi anche: “Malattie delle unghie”.

5. Cambiamenti nella secchezza e durezza

I problemi di pressione arteriosa alta e ai reni a volte causano un ispessimento della pelle. D’altra parte, la pelle molto secca ed il prurito potrebbero dipendere da problemi ormonali come l’ipotiroidismo.

 Le persone affette dalla malattia autoimmune conosciuta come sclerosi sistemica possono soffrire anche di un’infiammazione e di indurimento della pelle. 

Secondo la AAD, nei casi più gravi questo potrebbe dare origine ad un indurimento degli organi interni, come i polmoni o il cuore. D’altra parte, invece, la pelle molto molle e morbida è il sintomo di una malattia rara del tessuto connettivo.

Potrebbe indicare un cancro al sangue come un linfoma o un mieloma multiplo, che potrebbe estendersi agli organi interni.

Tuttavia, è importante sottolineare che non dovete subito allarmarvi. Dovete tenere in considerazione che i sintomi descritti possono dipendere da un semplice disturbo cutaneo di lieve entità ed è possibile che essi non abbiano nessun collegamento con gli organi interni.

Quello che dovete fare in presenza di problemi alla pelle è rivolgervi ad uno specialista.

La cosa più importante è non saltare a conclusioni precipitose o allarmarsi senza esservi prima assicurati della natura del problema.