La ricerca individua un nuovo sintomo legato all'insorgenza del Parkinson

La malattia di Parkinson presenta segnali motori e non motori. Tra questi ultimi, un nuovo sintomo sembra essere confermato dalla ricerca scientifica.
La ricerca individua un nuovo sintomo legato all'insorgenza del Parkinson
Leonardo Biolatto

Scritto e verificato da il dottore Leonardo Biolatto.

Ultimo aggiornamento: 26 gennaio, 2023

Potrebbe sembrare che non ci siano nuovi sintomi del Parkinson al vaglio della ricerca medica, ma in realtà molte ricerche puntano al passato. In altre parole, si sta lavorando per identificare eventuali segni precoci che possano preannunciare la malattia o predire un’evoluzione silente. Trovare un nuovo sintomo legato al morbo di Parkinson che anticipi il quadro clinico che già conosciamo sarebbe molto utile. I medici potrebbero quindi tenere conto dei fattori di rischio e attuare misure preventive per rallentare l’insorgenza di tremore, deterioramento cognitivo e disturbi del linguaggio.

Una recente ricerca pubblicata sulla prestigiosa rivista Neurology sembra aver colpito nel segno. Gli scienziati hanno scoperto che la perdita di peso può precedere il declino cognitivo e persino prevederlo.

Di cosa si è occupata la ricerca?

Lo studio scientifico ha raccolto dati relativi a 358 partecipanti. Si trattava di pazienti con diagnosi recente di malattia di Parkinson che hanno ricevuto un follow-up intensivo per 8 anni per monitorare vari aspetti della loro evoluzione.

Trascorso questo tempo e analizzati i dati a ritroso, i ricercatori hanno avuto una sorpresa. I soggetti che avevano perso peso in modo significativo nel primo anno dopo la diagnosi progredivano più rapidamente verso una riduzione delle funzioni cognitive.

Il limite è stato fissato al 3%. In altre parole, un paziente di 70 chilogrammi, ad esempio, che ha perso più di 2,1 chilogrammi nel primo anno, ha manifestato problemi cognitivi prima del resto del gruppo.

Al contrario, coloro che hanno guadagnato peso subito dopo la diagnosi hanno ritardato i sintomi cognitivi della malattia di Parkinson. Anche in questo caso il parametro di analisi era il 3% (l’aver guadagnato come minimo quei chilogrammi).

Questo nuovo sintomo legato al Parkinson sembra essere specifico per i segni cognitivi, ma non per quelli motori. Nella ricerca, indipendentemente dal peso guadagnato o perso, i pazienti hanno avuto la stessa evoluzione nei tremori, nella postura e nelle difficoltà di deambulazione.

Tremore nel morbo di Parkinson.
Sebbene i tremori siano il sintomo più familiare, il Parkinson colpisce anche altre aree della vita.

Cosa significano i risultati?

La scoperta di un nuovo sintomo precoce della malattia di Parkinson è rilevante per la pratica clinica. Altri ricercatori avevano già avvertito che lo stato nutrizionale di questi pazienti non può essere trascurato nella strategia terapeutica.

Sebbene l’alimentazione sia importante in qualsiasi malattia cronica, il suo ruolo nelle malattie neurodegenerative è sempre più compreso e analizzato. Dalle teorie che postulano una cattiva alimentazione come agente causale del declino cognitivo, a quelle più conservatrici che stabiliscono come le variazioni di peso siano multifattoriali in un paziente con Alzheimer o Parkinson.

Fino alla metà dei pazienti con malattia di Parkinson presenta significative variazioni di peso durante lo sviluppo della patologia. Come mai? Qualcosa si spiega con i cambiamenti nello stile di vita, la difficoltà a mangiare, la depressione che sopprime la fame e persino i farmaci usati per il trattamento.

Tuttavia, non tutti i meccanismi intrinseci del processo di perdita o aumento di peso nelle malattie neurodegenerative sono chiari. Nutrire correttamente il paziente potrebbe fare la differenza. Almeno, questo è uno dei punti chiave dei risultati pubblicati su Neurology.

Altre ricerche hanno trovato una relazione tra peso e sintomi motori

Nel documento pubblicato su Neurology, il nuovo sintomo associato al Parkinson è collegato al deterioramento cognitivo, ma vi sono alcune prove che anche i sintomi motori possono essere influenzati. È quanto hanno ipotizzato gli scienziati statunitensi in una ricerca del 2016.

Secondo gli autori, i pazienti con variazioni dell’indice di massa corporea (BMI) hanno mostrato differenze nei test di valutazione motoria utilizzati per la malattia di Parkinson. Ciò significa che l’impatto di una cattiva alimentazione è globale per le persone affette da questa patologia.

Cosa devono fare i medici di fronte a questo nuovo sintomo legato al morbo di Parkinson?

Individuare la perdita di peso come nuovo sintomo predittivo del deterioramento cognitivo nel Parkinson significa incoraggiare i medici a monitorare questa variabile durante le visite. In altre parole, pesare regolarmente i pazienti per riconoscere in tempo il problema.

“Questi risultati evidenziano la potenziale importanza del controllo del peso nelle prime fasi della malattia di Parkinson”.

– Jin-Sun Jun, uno degli autori dello studio pubblicato su Neurology –

Questo dovrebbe cambiare i protocolli? La verità è che i neurologi che visitano i pazienti affetti dalla malattia già li pesano. L’alimentazione è una preoccupazione comune perché, come abbiamo già detto, la metà delle persone colpite perde chili nel primo anno dopo la diagnosi.

Ciò che potrebbe cambiare è l’approccio preliminare. I pazienti con alcuni segni preoccupanti, che non hanno ancora una diagnosi confermata di Parkinson, dovrebbero essere pesati. Forse, un BMI che scende bruscamente giustifica la necessità di avviare il processo per la diagnosi della malattia.

Quindi la scoperta diventa rilevante non solo per i neurologi, ma anche per i clinici. Purtroppo molte patologie neurodegenerative vengono diagnosticate tardivamente. Un segno precoce e ben definito cambierebbe il gioco a favore della diagnosi precoce.

Peso di un paziente con Parkinson.
La pesatura dei pazienti con sospetta malattia di Parkinson diventerà cruciale in sede di visita medica.

Ridurre la latenza diagnostica

Il nuovo sintomo identificato nel Parkinson è incoraggiante. Una diagnosi tardiva ritarda gli approcci e peggiora la qualità di vita dei pazienti.

Si calcola che trascorrano 10 anni dalla comparsa dei primi sintomi incipienti fino a quando un neurologo certifichi la patologia. Questo decennio è la latenza diagnostica ed è molto difficile ridurla.

Come mai? Poiché i sintomi iniziali sono lievi, vengono confusi con problemi banali e la persona tende a non sottoporsi a controllo.

Avete perso peso in modo inspiegabile? Avete frequenti tremori che vi impediscono di svolgere alcune attività quotidiane? Soffrite di “vuoti mentali” che vi impediscono di ricordare? Parlatene con il vostro medico di fiducia.

Le nuove scoperte scientifiche servono a migliorare la qualità della vita. E l’individuazione precoce di una malattia fa parte di questo processo.

Potrebbe interessarti ...

Tipi di demenza diversi dall’Alzheimer
Vivere più sani
Leggi in Vivere più sani
Tipi di demenza diversi dall’Alzheimer

Anche se l'Alzheimer e il Parkinson sono le più conosciute, ci sono altri tipi di demenza ugualmente devastanti e che è bene conoscere.



  • Bril, Andrea, et al. “A multifactorial study on nutritional status, binge eating and physical activity as main factors directly influencing body weight in Parkinson’s disease.” npj Parkinson’s Disease 3.1 (2017): 1-5.
  • Enrique, Parra Medina Luis, et al. “Latencia diagnóstica en la enfermedad de Parkinson y su relación con los síntomas prodrómicos motores y no motores.” eNeurobiología 10.25 (2019): 1.
  • Kim, Ryul, et al. “Association of Early Weight Change With Cognitive Decline in Patients With Parkinson Disease.” Neurology (2022).
  • Wills, Anne-Marie A., et al. “Association between change in body mass index, unified Parkinson’s disease rating scale scores, and survival among persons with Parkinson disease: secondary analysis of longitudinal data from NINDS exploratory trials in Parkinson disease long-term study 1.” JAMA neurology 73.3 (2016): 321-328.

Il contenuto di questa pubblicazione è solo a scopo informativo. In nessun caso possono servire a facilitare o sostituire diagnosi, trattamenti o raccomandazioni di un professionista. Se avete dei dubbi, consultate il vostro specialista di fiducia e chiedete la sua approvazione prima di iniziare qualsiasi procedura.