L’acne cistica: cause e sintomi del problema

16 Novembre 2020
L'acne cistica è un particolare manifestazione acneica responsabile di una grave sintomatologia. Provoca cicatrici più estese e molto visibili che minano l'autostima della persona.

L’acne cistica è una variante cronica dell’acne. Presenta comedoni, noduli cistici, fistole e ascessi che provocano cicatrici deformanti. Colpisce principalmente gli uomini.

Di solito si manifesta tra i 15 e i 25 anni di età e può derivare dall’acne vulgaris. Interessa soprattutto il viso, il collo, il torace e le spalle. In questo articolo vi spieghiamo di cosa si tratta e quali sono le caratteristiche principali.

Cos’è l’acne cistica?

L’acne è una malattia infiammatoria della pelle molto comune tra gli adolescenti e i giovani. È di fatto la causa per la quale più spesso ci si sottopone a una visita dermatologica. 

Nello specifico, si tratta di un disturbo dei follicoli pilosebacei dall’eziologia multifattoriale. In particolare, si tratta della combinazione di fattori quali maggiore produzione di sebo, infiammazione secondaria e maggiore sensibilità agli androgeni.

Struttura degli androgeni.

Le lesioni dell’acne prendono il nome di comedoni che possono evolversi e provocare papule e pustole. Possono persino formarsi dei noduli e delle cisti. Sulla base di ciò, esiste un’ampia classificazione dell’acne.

  • Età: acne neonatale, infantile, preadolescente, adolescente e adulta.
  • Lesione predominante: comedonica, papulo-pustolosa o nodulo-cistica.
  • Gravità: lieve, moderata o severa.
  • Manifestazioni speciali, in cui rientra l’acne cistica (o conglobata).

Quest’ultima è considerata una forma particolare perché più grave. L’acne cistica tende a lasciare estese cicatrici. Inoltre le lesioni vanno oltre i punti in cui normalmente si manifesta l’acne, infatti può colpire anche i glutei, l’addome, le ascelle, eccetera. In sostanza, potremmo definirla come il tipo di acne più grave e cronico.

Potrebbe interessarvi: Rimedi casalinghi per eliminare i brufoli

Sintomi dell’acne cistica

Il quadro clinico è caratterizzato soprattutto da:

  • Comedoni, papule e pustole.
  • Noduli infiammati e ascessi.
  • Dolore. La maggior parte delle lesioni cutanee sono fortemente infiammate, per questo fanno molto male.
  • Ulcere.
  • Secrezione purulenta (maleodorante).
  • Danno e deformazioni cutanee.
  • Cicatrici irregolari che possono trasformarsi in ipertrofiche e cheloidi.

A volte l’acne cistica è accompagnata da alterazione dei valori ematici. Per esempio, possono insorgere anemia e leucocitosi. Le lesioni possono essere sterili o infettate da alcuni microrganismi. I batteri più comuni sono i Propionibacterium acnes.

I sintomi fisici sono evidenti, ma bisogna considerare anche le ripercussioni psicologiche. L’acne cistica è responsabile di diversi problemi di autostima. Inoltre, l’individuo potrebbe sentirsi debole e insicuro.

Potrebbe interessarvi: Stimolare l’autostima nei bambini: 4 strategie

Cause

Cause della acne cistica.

Le cause dell’acne cistica sono diverse. Al contrario di quanto si potrebbe pensare, non è dimostrato che la dieta influisca direttamente sulla sua comparsa. I fattori scatenanti sono principalmente:

  • Maggiore produzione di sebo, la cui composizione risulta alterata. Inoltre, le ghiandole sebacee sono più grandi.
  • Anomalie della cheratinizzazione, motivo per cui si formano i comedoni. Questo significa che uno squilibro della produzione di sebo irrita le pareti dei follicoli. Le cellule cheratinizzanti si desquamano e non possono essere eliminate. Si forma così un accumulo di cellule e sebo che forma il comedone.
  • La presenza del Propionibacterium acnes, batterio che si nutre di sebo che, dunque, prolifera più facilmente.
  • Processo infiammatorio. Si ritiene che sia dovuto all’erosione del follicolo e del batterio.
  • Androgeni, ormoni responsabili della maggiore produzione di sebo. Si ritiene che in presenza di elevati livelli di androgeni le pareti dei follicoli sono più delicate.
Si è anche osservato che ci sono alcuni fattori che peggiorano la patologia: l’esposizione ai raggi solari o allo stress, per esempio.

L’acne cistica: conclusioni

L’acne cistica provoca lesioni cutanee molto dolorose che hanno un notevole impatto sul paziente. Le sue conseguenze non sono solo di natura fisica, colpiscono anche l’autostima e l’equilibrio mentale.

Per questo motivo è importante individuare il problema e intervenire in tempo. Nell’acne cistica (o conglobata) questo aspetto assume ancora più importanza, poiché consentirà di limitare l’incidenza delle cicatrici e trattare l’infiammazione.

  • Norris-Squirrell, F., & Pereira, M. (2017). Abordaje terapéutico de acné conglobata Acne conglobata therapeutic approach. Revista Mexicana Dermatologica, 61(4), 308–311.
  • Acné conglobata: : Causas, Síntomas y Mejores Tratamientos para cada tipo – Unisima.com. (n.d.). Retrieved May 11, 2019, from https://unisima.com/belleza/acne-conglobata/
  • Grant, R. N. R. (1951). The History of Acne. Journal of the Royal Society of Medicine, 44(8), 647–652. https://doi.org/10.1177/003591575104400802
  • Gollnick, H. P. M., Finlay, A. Y., & Shear, N. (2008). Can we define acne as a chronic disease? If so, how and when? American Journal of Clinical Dermatology, 9(5), 279–284. https://doi.org/10.2165/00128071-200809050-00001
  • Holland, D. B., & Jeremy, A. H. T. (2005). The role of inflammation in the pathogenesis of acne and acne scarring. Seminars in Cutaneous Medicine and Surgery, 24(2), 79–83. https://doi.org/10.1016/j.sder.2005.03.004