Perché le zanzare pungono solo alcune persone?

7 Ottobre 2020
Sebbene la credenza popolare affermi che le zanzare pungono solo le persone dal sangue dolce, in questo articolo vi spieghiamo, basandoci su alcuni studi, quali sono i fattori che incidono sul comportamento delle zanzara.

Vi siete mai chiesti perché le zanzare pungono sempre alcune persone? Ve lo spieghiamo in questo articolo.

Come avrete notato esistono persone che diventano il bersaglio prediletto delle zanzare essendone praticamente assediate. Al contrario, altre persone potrebbero trovarsi nello stesso luogo e subire solo qualche puntura o nessuna.

Apparentemente, ciò è dovuto ad alcuni segnali emanati dal corpo come l’odore, il sudore e persino l’alito dopo aver mangiato determinati cibi.

In questo articolo scoprirete alcune informazioni interessanti sul perché le zanzare pungono solo alcune persone!

Qual è il comportamento delle zanzare?

Questi particolarissimi insetti che si nutrono del sangue delle persone e dei mammiferi, adottano un strategia precisa quando si tratta di pungere; per lo meno per quanto sappiamo.

Per prima cosa, è importante sapere che sferrano il loro attacchi principalmente all’alba e al tramonto. Questi sono i momenti della giornata in cui la luce del sole non produce troppo calore.

Secondo quanto riporta questo articolo sul National Center for Biotechnology Information, a mordere sono le femmine, in quanto necessitano delle proteine del sangue per deporre le uova.

Ragione per cui se ne alimentano, almeno nel periodo della deposizione delle uova. Al contrario, la zanzara maschio, si alimenta di nettare, linfa e dei succhi della frutta.

Repellente per zanzare
Sono le zanzare femmine a mordere, in quanto necessitano delle proteine ​​del nostro sangue per deporre le loro uova.

Leggete anche: I migliori repellenti per le zanzare

Perché le zanzare pungono solo alcune persone?

Questa è una delle domande che si fanno in tanti, soprattutto le vittime preferite delle zanzare. La credenza popolare afferma che tali insetti preferiscono le persone dal sangue dolce.

Altre ipotesi, invece, sostengono che possa essere legato agli odori che emana la nostra pelle, non necessariamente dolci o gradevoli.

Ad esempio, in uno stesso ambiente possono esserci persone che sono state morse più volte dalle zanzare e altre che non presentano una sola puntura. Sebbene le evidenze non siano del tutto conclusive, uno studio pubblicato sulla rivista Plos One suggerisce che:

La motivazione per cui le zanzare mostrerebbeo una preferenza per un certo tipo di persone rispetto ad altre, risiederebbe nel potere atrattivo di alcune sostanze chimiche prodotte dal corpo ed espulse attraverso il sudore.

Lo studio citato è stato condotto su gruppi di donne gemelle identiche e non identiche, e i risultati hanno mostrato che il diverso odore del corpo, che varia da persona a persona, potrebbe essere il fattore chiave in tal senso.

Anche altre teorie all’interno dello stesso studio, prendono in considerazione l’odore corporeo, ma questa volta tenendo conto dell’anidride carbonica, contenuta nell’alito e che viene eliminata con l’espirazione. Pertanto, persino l’alimentazione inciderebbe sulle preferenze delle zanzare.

Perché le zanzare pungono: l’importanza del calore

Oltre alla vista e all’olfatto, un’altra modalità che utilizzano le zanzare per trovare le loro vittime è attraverso il calore che queste emanano.

Secondo quanto riporta questa ricerca pubblicata su Current Biology, le zanzare adottano una strategia molto precisa per localizzare la loro preda e, una volta impiegati i sensi della vista e dell’olfatto, utilizzano la temperatura.

In tal senso, man mano che si avvicinano, il calore della pelle le aiuta a identificare il luogo per l’atterraggio sicuro. Tutto dipende dalla distanza alla quale si trovano dal bersaglio. Il calore del corpo è pertanto ciò che spinge la zanzara a mordere.

Puntura di zanzara
Fattori quali la temperatura e l’odore del corpo influiscono sulle preferenze delle zanzare in fatto di prede.

Può interessarvi anche: 7 odori corporei che indicano un problema di salute

Quando è necessario rivolgersi al medico?

La maggior parte delle punture di zanzara scompare da sola in pochi giorni, ma è importante verificare che non peggiorino nel tempo, in quanto questi insetti sono portatori di batteri e di svariate malattie.

Secondo quanto affermano gli esperti della Mayo Clinic, alcuni dei sintomi più gravi possono essere:

  • Gonfiore e arrossamento della zona interessata.
  • Febbre bassa
  • Orticaria.
  • Linfonodi ingrossati.

Consultate il vostro medico se presentate uno qualsiasi di questi sintomi o se manifestate altri segni quali dolore diffuso, febbre alta o mal di testa.

Come evitare le punture di zanzara?

Per concludere, sebbene le punture di zanzara siano spesso inevitabili, questi suggerimenti supportati dai Centers for Disease Control and Prevention potrebbero aiutarvi in tal senso.

  • Svuotare qualsiasi recipiente in cui si possa accumulare acqua (vasi, giocattoli, piante).
  • Non usare profumi né saponi dall’aroma troppo forte (nemmeno lacca per i capelli).
  • Mantenere una corretta igiene per evitare gli odori e una sudorazione eccessiva.
  • Indossare vestiti che coprano la pelle.
  • Lasciare spenta la luce della camera da letto.
  • Non aprire le finestre al tramonto.
  • Installare zanzariere per il letto, per le finestre e per le porte.
  • Applicare repellenti in crema o spray.

Siete anche voi dei bersagli per le zanzare? Fate tesoro di questi consigli per evitarne i fastidiosissimi morsi. Inoltre, se venite punti, fate attenzione a eventuali complicazioni. In tal caso, consultate quanto prima il vostro medico.

  • Fernández-Grandon, G. M., Gezan, S. A., Armour, J. A. L., Pickett, J. A., & Logan, J. G. (2015). Heritability of attractiveness to mosquitoes. PLoS ONE. https://doi.org/10.1371/journal.pone.0122716
  • Van Breugel, F., Riffell, J., Fairhall, A., & Dickinson, M. H. (2015). Mosquitoes use vision to associate odor plumes with thermal targets. Current Biology. https://doi.org/10.1016/j.cub.2015.06.046
  • Mosquito bites. Clínica Mayo. (2018). Recuperado el 17 de marzo de 2020.