Morte fetale: ridurre il rischio dormendo sul fianco

Dormendo a pancia in su il peso del bambino sommato a quello dell'utero materno possono esercitare pressione sui vasi sanguigni e rendere più difficile il passaggio di sangue e ossigeno destinati al feto.

Il modo in cui si dorme durante la gestazione potrebbe ridurre il rischio di morte fetale. La gravidanza non è una fase durante la quale le donne di solito godono di un sonno rigenerante. La pancia in costante crescita e la continua necessità di urinare non consentono di riposare senza interruzioni.

Tuttavia, molte persone cercano di adottare la posizione più comoda possibile in modo tale che, almeno essa, non contribuisca ad aggravare il problema.

A quanto pare, però, durante il terzo trimestre di gravidanza dormire a pancia in su non è consigliabile in quanto può essere rischioso per il feto.

Secondo uno studio realizzato in Inghilterra e pubblicato sul Journal of Obstetrics and Gynaecology, dormire sulla schiena in questo periodo della gravidanza può raddoppiare il rischio di morte fetale.

Al contrario, i ricercatori hanno verificato che le madri che dormono sul fianco corrono un rischio minore che si verifichi tale conclusione fatale della gravidanza.

Studio sul rischio di morte fetale

Dormire in gravidanza

Raccogliendo i dati di 1000 donne durante il loro terzo trimestre di gravidanza, gli autori dello studio MiNess sono arrivati alla conclusione che la posizione sul fianco è la più sicura per il piccolo.

In particolare, gli esperti suggeriscono che dormire sul fianco a partire dalla ventisettesima settimana di gravidanza riduce del 3,7% i casi di morte fetale.

Dormire sulla schiena, inoltre, incrementa fino a 2,3 volte in più il rischio di morte fetale tardiva, ovvero quella successiva alla ventottesima settimana, rispetto alle madri che di solito dormono sul fianco.

Questo studio è il più esteso in questo campo degli ultimi decenni e conferma le scoperte di altri studi meno estesi realizzati previamente in Nuova Zelanda e Australia, secondo quanto riportano i dati della BBC.

La stessa catena afferma che, nel Regno Unito, luogo in cui è stato condotto lo studio, una gravidanza su 225 si conclude con morte fetale.

Leggete anche Rimanere incinta: quali sono i giorni fertili?

Perché dormendo sulla schiena il rischio aumenta?

Non è stato identificato un motivo che spieghi la relazione tra dormire sulla schiena e il maggior rischio di morte fetale.

Tuttavia, una delle ipotesi suggerisce che quando la donna dorme sulla schiena, il peso del bambino insieme a quello dell’utero esercita una pressione sui vasi sanguigni, cosa che può restringere la circolazione e l’ossigeno per il piccolo.

Sebbene tale ragione non sia stata confermata e siano necessari ulteriori studi, come misura preventiva i ricercatori consigliano di tenere sotto controllo la posizione in cui si dorme durante il terzo trimestre di gravidanza.

Non importa se il fianco scelto sia quello destro o quello sinistro. Si può ricorrere anche ad alcuni trucchetti per evitare di girarsi durante il sonno, come mettere un cuscino dietro la schiena.

Devo preoccuparmi se mi sveglio sulla schiena? Il mio piccolo è in pericolo?

Donna incinta

Gli esperti hanno chiarito che le donne in stato di gravidanza non devono preoccuparsi se si svegliano a pancia in su; la cosa più importante in questi casi è la posizione in cui ci si addormenta, in quanto è quella in cui si rimane più a lungo.

Alexander Heazell, direttore clinico del Tommy’s Stillbirth Research Centre nel St Mary’s Hospital (Manchester), è stato anche il direttore dello studio condotto nel Regno Unito.

Lo specialista consiglia che le donne, durante questa ultima fase della gravidanza, dormano sul fianco anche quando schiacciano un semplice pisolino pomeridiano.

Vi consigliamo di leggere: La gravidanza dopo i 35 anni

A tal proposito afferma: “Non voglio che le donne si sveglino a pancia in su e pensino: -Oh mio Dio, ho fatto qualcosa di terribile al mio piccolo-. La domanda che abbiamo formulato è stata specificamente in che posizione si sono addormentate. È la più importante, in quanto vi si passa la maggior parte del tempo. Inoltre non si può far nulla riguardo alla posizione in cui ci si sveglia, possiamo solo controllare quella in cui andiamo a dormire.”

La pubblicazione dello studio e i consigli del ricercatore coincidono con il lancio della campagna Sleep On Side, diretta dall’organizzazione benefica Tommy’s.

  • Essa ha come principale obiettivo quello di educare le gestanti sui possibili rischi di addormentarsi sulla schiena durante gli ultimi mesi di gravidanza.
  • L’organizzazione ha raccolto alcuni suggerimenti e trucchi per le donne che hanno difficoltà ad addormentarsi sul fianco.
Categorie: Curiosità Tags:
Guarda anche