8 motivi per cui il primo amore non si scorda mai

Oltre al primo bacio, il primo amore ci apre un mondo di possibilità e ci aiuta a scoprire aspetti della vita che ci accompagneranno sempre

Anche se ci sono tantissime cose nuove da sperimentare nella vita, ci sono momenti così memorabili che, semplicemente, non si possono dimenticare.

Il nostro primo amore, ad esempio.

È vero che l’amore è sempre speciale, ma il primo è un’esperienza unica, impossibile da dimenticare. Nel bene o nel male, la prima cotta risveglia in noi sentimenti nuovi.


Quel rapporto, reale, bello o brutto che sia, è accompagnato da sensazioni di stupore, curiosità ed emozione verso ciò che non si conosce.

Magari non dura tanto, ma ci accompagnerà sempre e ci farà provare un miscuglio di emozioni diverse difficili da spiegare per il resto dei nostri giorni.

Perché il primo amore non si scorda mai? Ecco alcuni motivi:

Il primo amore è potente

fidanzatini-sullaltalena

La prima volta che ci innamoriamo possiamo sentire la parte migliore del mondo. Ci rendiamo conto che ci preoccupiamo per l’altra persona molto più di quanto avremmo mai potuto immaginare.

Nonostante il nostro concetto dell’amore, la prima volta che lo proviamo, scopriamo un mondo di infinite possibilità di romanticismo ed emozione, ma anche di paura.

Non assomiglia per niente a quello che ci hanno raccontato, dunque lo conserviamo nei ricordi della nostra mente in modo permanente.

Anche il primo cuore spezzato è potente

L’unica cosa che si vive con la stessa intensità del primo amore è la prima rottura. Nella maggior parte dei casi, un sentimento di angoscia si accompagna ai ricordi di quello che un tempo era il nostro partner.

Non è insolito, dunque, che il primo disamore sia il più doloroso per chiunque. Non ha importanza se la storia è finita male o in modo amichevole. Se pensate alla vostra prima delusione d’amore, è probabile che ancora vi faccia soffrire.

La fine del primo rapporto amoroso è difficile perché bisogna abbandonare i sentimenti che prima sembravano quasi magici.

La quantità di sforzo e di dolore che la separazione comporta ci segna per tutta la vita.

Leggete anche: 4 motivi per interrompere una relazione

Il primo amore è innocente

Innamorarsi per la prima volta è un atto di totale innocenza che cresce a poco a poco senza che nemmeno ce ne rendiamo conto. Non è qualcosa che abbiamo programmato, ma semplicemente accade, ecco perché diventa ancora più speciale.

Dopo che ci siamo innamorati per la prima volta, siamo più consapevoli di ciò che cerchiamo nei rapporti futuri.

Questo significa sentire una certa pressione che ci spinga a trovare quella persona che ci faccia provare le stesse sensazioni che abbiamo provato la prima volta.

In genere è per questo che agiamo o pensiamo in un determinato modo, per trovare questo genere di connessione.

Il primo amore è accompagnato da altre prime volte

serata-tra-innamorati

Quando ci innamoriamo per la prima volta, quella persona speciale è per noi fonte di ispirazione e motivazione per sperimentare cose nuove. In qualche modo è parzialmente responsabile di alcuni traguardi che raggiungiamo nel nostro percorso di crescita personale.

Quella persona diventa testimone di certi nostri cambiamenti e in qualche modo è il nostro primo sostegno positivo.

Per alcune persone, inoltre, il primo amore può anche portare ad altre prime volte, magari fisiche, in compagnia delle reazioni chimiche ed emotive che ne derivano.

Due esempi molto chiari sono il primo bacio o la prima esperienza sessuale. Senza dubbio, sono prime volte che rimangono impresse nella memoria, nei nostri ricordi più profondi, anche se si è trattato di momenti sgradevoli o brutti.

Il primo amore è anche il primo “noi”

Anche se abbiamo già provato cosa significhi fare parte di un gruppo o di una coppia, con il primo amore ci sentiamo per la prima volta una parte davvero importante di un “noi”.

La prima volta che prendiamo una decisione in base al significato che questa avrà per la coppia e non solo per noi è quando davvero sperimentiamo l’equità racchiusa dal “noi”.

Non è strano che questa prima esperienza ci insegni l’importanza di rinunciare ad alcune delle nostre preferenze per un rapporto di coppia più equo.

Il primo amore rappresenta la giovinezza

Con il passare degli anni, pensare al primo amore non vuol dire solo ricordare la prima persona di cui ci siamo innamorati. La maggior parte delle volte racchiude il momento che stavamo vivendo al tempo.

Può portare a galla bei ricordi della nostra giovinezza, farci tornare a quel periodo in cui tutto sembrava più semplice.

Il primo amore rappresenta la possibilità

coppia-che-si-ama

Oltre ad essere simbolo della giovinezza, il primo amore può anche ricordarci gli istanti di possibilità che sembravano infiniti. Quei momenti in cui la nostra vita era un mondo pieno di cose nuove ed eccitanti.

Pensare alla nostra prima relazione rievoca tutto ciò che sarebbe potuto accadere se avessimo preso decisioni diverse in momenti fondamentali della nostra vita.

Vi invitiamo a leggere anche: Per essere felici bisogna prendere decisioni: 5 modi per riuscirci

Il primo amore ci cambia

L’effetto positivo che una persona ha sull’altra segna spesso crescita e sviluppo personale. Questo dipende dalle nuove esperienze e dal fatto di affrontare le proprie paure man mano che la prima relazione cresce.

Il primo amore ci aiuta a formarci come persone e ad andare avanti nel mondo. È la prima volta che permettiamo a qualcuno di avere un impatto significativo sulla nostra persona ed è per questo che non possiamo dimenticarlo.