9 validi motivi per smettere di fumare

25 aprile 2014

Di solito ai fumatori non piace quando gli si chiede se conoscono gli effetti del fumo sulla loro salute, anche se, in realtà, lo sanno fin troppo bene. Tuttavia, se siete fumatori incalliti o qualcuno attorno a voi lo è, forse vi interesserà conoscere questi validi motivi per cui è meglio smettere di fumare.

Se fumate, anche i vostri figli fumeranno

Non c’è da stupirsi che i figli dei fumatori abbiano una certa propensione per questo vizio. Quello che non si sa è che persino se smettete di fumare prima che nascano, potrebbero sviluppare questa cattiva abitudine. Uno studio recente, pubblicato sulla rivista Pediatrics, ha infatti dimostrato che i figli di fumatori ed ex fumatori hanno una probabilità che va dal 23% al 29% di diventare dipendenti dalle sigarette, mentre quelli dei non fumatori solo dell’8%.

È risultato  anche che persino le persone soggette al fumo passivo hanno avuto figli con una propensione al fumo 3,2 volte maggiore rispetto a quelli di chi non ha mai toccato una sigaretta. Gli esperti non sono sicuri del motivo per cui i figli imitino il vizio dei genitori, ma alcuni pensano che si tratti di genetica.

State inalando più nicotina di quanto credete

Grazie ad uno studio realizzato dalla Scuola di Salute Pubblica di Harvard, è stato riscontrato che i livelli di nicotina nelle sigarette sono aumentati dell’11% tra il 1997 e il 2005. Anche se cercate di controllarvi fumando solo durante i weekend o meno sigarette al giorno, è molto probabile che la quantità di nicotina assunta sia rimasta la stessa.

Alcuni fumatori, inoltre, tendono ad acquistare le cosiddette sigarette light, ritenendole meno dannose, ma in realtà sono molto più pericolose. Secondo un articolo pubblicato sul British Medical Journal, gli studiosi hanno riscontrato che le persone che scelgono questo tipo di prodotto fumano di più e più intensamente, riempiendo i propri polmoni con un materiale ancora più tossico di quello contenuto nelle sigarette tradizionali.

State contribuendo a peggiorare le condizioni di salute nel mondo

La vendita mondiale di tabacco è aumentata in modo tale che, secondo una notizia apparsa sul The Telegraph, i produttori americani di sigarette guadagnano di più all’estero che negli Stati Uniti. L’Organizzazione Mondiale della Salute dichiara che quasi l’80% dei mille milioni di fumatori vive in paesi poveri o in via di sviluppo, meno propensi a regolarizzare la vendita di sigarette.

Spendete circa 1.642 euro all’anno per il tabacco

Un pacchetto di sigarette costa in media dai 4 ai 5 euro. Secondo i calcoli della American Cancer Society, se fumate un pacchetto al giorno, alla fine dell’anno avrete speso circa 1.642 euro.

Vi indebolisce

Le sigarette provocano problemi al sistema cardiovascolare, riducendo l’afflusso di sangue agli organi interni, al cuore e a tutto il corpo. Le vostre forze saranno, quindi, molto ridotte. Sapevate che fumare potrebbe ridurre anche la vostra risposta muscolare? L’inalazione di monossido di carbonio impedisce che i vostri muscoli ricevano l’ossigeno necessario per produrre energia. Meno ossigeno ricevono i vostri muscoli, più si vedranno compromesse le vostre prestazioni quotidiane.

State fomentando la criminalità

Secondo i dati dell’Organizzazione Mondiale delle Sanitàbuona parte delle sigarette, che oscilla tra il 12 e il 33%, circola nel mercato nero. Ciò significa che i soldi che avete pagato per sigarette più economiche potrebbe essere ora nelle mani della criminalità organizzata, di funzionari governativi corrotti o persino di organizzazioni terroristiche. Il traffico illegale di tabacco è un affare da milioni di dollari che promuove delinquenza e corruzione.

Vi ammalerete con più facilità

La sigaretta paralizza i meccanismi di difesa del corpo. Le sostanze chimiche presenti nel fumo provocano infiammazioni e danni cellulari che indeboliscono il sistema immunitario.

Il corpo produce globuli bianchi per curare lesioni, infezioni e diversi tipi di cancro. Nei fumatori si riscontra un alto livello di globuli bianchi, perché quando si ha il vizio del fumo, il corpo lotta contro i danni provocati dal tabagismo, che possono sfociare in malattie gravi in diverse parti del corpo.

Come se non bastasse, il fumo altera il sistema di difesa dell’apparato respiratorio. Per questo motivo, i fumatori hanno la tendenza a contrarre più facilmente infezioni batteriche semplici, come quelle dello Staphylococcus aureus o Haemophilus influenzae.

Fumare equivale ad esporvi costantemente a una macchina a raggi X

Secondo i dati riportati dalla rivista Scientific American, fumare un pacchetto di sigarette al giorno per un anno equivarrebbe ad assumere una dose di radiazioni pari a 0.36 mSv. Ciò significa che, per assurdo, vi potreste sottoporre nello stesso giorno a 72 radiografie dentali o volare per 106 ore consecutive, con le stesse conseguenze.

Gli esperti affermano che non si dovrebbe assorbire più di 1 mSv di radiazioni oltre ai 3,1 mSv provenienti da fonti naturali come la terra o il sole. Se attraverso il tabagismo si assorbe lo 0.36 dei mSv giornalieri, non rimane molto spazio per le necessarie radiografie, come una mammografia (0,4 milisieverts).

State diffondendo una malattia

Avete mai sentito parlare del “fumo di terza mano”? A differenza di quello di “seconda mano” che si verifica quando i non fumatori hanno un contatto diretto con il fumo, con “fumo di terza mano” ci si riferisce agli agenti tossici che rimangono sulle superfici fino a molto tempo dopo che il fumatore ha abbandonato l’area.

Questi residui, con il tempo, impregnano le superfici di vestiti, tappeti e arredamento e sono immuni a tecniche di pulizia normali. Non basterà, quindi, cercare di arieggiare le varie parti della casa, utilizzare ventilatori o fumare solo in apposite stanze.

Alcuni studiosi hanno avanzato l’ipotesi che il “fumo di terza mano” provochi molti più danni al DNA di quanto si pensasse in precedenza. Secondo il Laboratorio Nazionale Lawrence Berkeley, le nitrosammine  del tabacco e alcune sostanze chimiche presenti nel “fumo di terza mano”, costituiscono alcuni tra i più potenti cancerogeni esistenti. Restano sulle superfici e quando si tratta di vestiti o tappeti, costituiscono un grave pericolo soprattutto per i bambini.

Immagine per gentile concessione di Emil_95.

Guarda anche