9 oggetti di uso quotidiano da lavare tutti i giorni

22 luglio 2017
Dato che l'umidità favorisce la proliferazione di batteri e altri microrganismi, dovremmo pulire e disinfettare il WC tutti i giorni per evitare la comparsa di funghi e problemi

Tenere pulito e in ordine ogni angolo della casa è un’abitudine che, oltre a proteggere la nostra salute, ci permette di mantenere l’armonia nell’ambiente in cui viviamo ogni giorno.

Non è facile notarlo a prima vista, ma giorno dopo giorno si accumulano residui di polvere, batteri e particelle volatili che possono causare malattie.

Per questo è importante realizzare una pulizia generale e, soprattutto, sapere che ci sono certi elementi che vanno disinfettati tutti i giorni senza eccezione.

Dato che forse non tutti sanno di cosa stiamo parlando, vogliamo parlarvi dei 9 oggetti della casa da pulire tutti i giorni.

1. Strofinacci

Gli strofinacci da cucina sono tra gli oggetti che andrebbero lavati più spesso a causa dell’esposizione continua a resti di cibo e batteri.

  • Non sembrano sporchi, ma in realtà accumulano un gran numero di microrganismi che proliferano facilmente nel tessuto di cui sono fatti.
  • Di conseguenza, possono contaminare altre superfici e oggetti e, a contatto con il corpo, causare la comparsa di malattie.

Vi invitiamo a leggere anche: 6 oggetti di uso quotidiano da disinfettare con cura

2. Chiavi

Le chiavi sono tra gli oggetti più sporchi che abbiamo in casa e raramente ci preoccupiamo di disinfettarle.

Le chiavi entrano in contatto con le mani, le tasche e altre superfici che possono essere contaminate da virus e batteri.

Per evitare problemi di salute, dunque, l’ideale è lavarle tutti i giorni con un sapone disinfettante oppure con delle salviettine antisettiche.

3. Spugna per lavare i piatti

Pur essendo fatte apposta per pulire, le spugne sono tra gli oggetti più sporchi e contaminati di tutta la cucina.

Le spugne, infatti, accumulano resti di alimenti, sporcizia e acqua, il che crea un ambiente favorevole alla proliferazione di funghi e batteri.

Se non vengono disinfettate, aumenta il rischio di sviluppare malattie digestive e virali.

4. Lavandino

Alcuni pensano che il lavandino non si sporchi facilmente perché credono si pulisca automaticamente con i resti di sapone usato per lavarsi le mani.

Tuttavia, è un’idea completamente sbagliata, dato che i batteri e i funghi proliferano con più facilità su una superficie umida.

Le cellule di pelle morta, la sporcizia e altri residui sono gli alimenti preferiti di questi microrganismi.

Vi invitiamo a leggere anche: 5 consigli per la pulizia dei rubinetti

5. Moka o caffettiera

Le pareti della caffettiera di solito rappresentano un ambiente ideale per la crescita di batteri, funghi e altri microrganismi che possono compromettere la nostra salute.

È necessario pulire la moka ogni giorno e, per farlo, smontarla in ogni sua parte per rimuovere del tutto i resti di caffè.

6. Taglieri

I taglieri di legno che si usano in cucina per tagliare gli alimenti sono una fonte di microbi e batteri.

Dato che sono esposti ai resti di alimenti e all’umidità, è normale che i microrganismi si sviluppino facilmente sulla loro superficie.

Per fortuna, sono oggetti che si possono disinfettare in maniera naturale, sfruttando ad esempio le proprietà antibatteriche del limone o dell’aceto di vino bianco.

7. Pennelli da trucco

L’uso continuo di pennelli e spugnette da trucco è un buon motivo per lavare questi oggetti tutti i giorni, visto che entrano in contatto con la pelle.

Non si vede ad occhio nudo, ma questi oggetti accumulano una grande quantità di cellule morte e batteri che, con il tempo, possono compromettere la buona salute della pelle.

8. WC

Per ovvi motivi, il WC andrebbe lavato tutti i giorni perché è uno degli oggetti della casa che più accumula batteri e muffa.

La superficie umida del WC facilita la sopravvivenza dei microrganismi, soprattutto se non viene disinfettate regolarmente.

Questo non solo aumenta il rischio di malattie, entrando in contatto con il corpo, ma genera anche odori forti e sgradevoli.

Volete saperne di più? Leggete anche: Come pulire il bagno in modo ecologico

9. Piastrelle del bagno

Le piastrelle del bagno trattengono acqua, batteri e residui di prodotti che possono danneggiare la salute.

Dato che poche persone le puliscono tutti i giorni, è normale dopo un po’ notare la presenza di muffa o macchie scure che poi si rivelano difficili da eliminare.

L’ideale è lavarle dopo aver fatto la doccia con prodotti disinfettanti come l’aceto di vino bianco o il bicarbonato di sodio.

Con quale frequenza lavate questi oggetti di uso quotidiano? Ora che sapete quanto è importante una pulizia giornaliera, cercate di trovare un po’ di tempo per disinfettarli e mantenerli puliti.

Guarda anche