Paura della solitudine e come vincerla

· 17 Febbraio 2019
Per vincere la paura della solitudine, bisogna smettere di cercare disperatamente di stringere nuove amicizie, in quanto non si consolideranno in modo sano.

Avete percorso diverse strade e pensate che l’amore non faccia per voi? Le persone che credevate essere vostre amiche, alla fine si sono allontanate? Siete arrivati a un punto in cui la solitudine sembra essere il vostro destino? Sono situazioni comuni che viviamo tutti. Tuttavia, se le vostre esperienze passate stanno facendo nascere in voi la paura della solitudine, mettete in pratica i seguenti consigli.

Come vincere la paura della solitudine

1. Smettere di criticare se stessi

La paura della solitudine
Smettere di pretendere troppo da se stessi e valorizzarsi di più sono i primi passi per lasciarsi alle spalle la solitudine

Il primo passo per vincere la paura della solitudine è capire come vedete voi stessi. Per riuscirci, prestate attenzione a tutte quelle volte in cui vi sottovalutate ogni giorno. Vi dite cose come “sono insignificante”, “sono una brutta persona”, “sono troppo vecchio” oppure “sono troppo giovane”?

Se parlate a voi stessi in questo modo, il vostro umore rimarrà sempre basso e starete gettando le basi per continuare a vivere soli.

Leggete anche: Abitudini per migliorare l’autostima

Ricordate che quello che dite a voi stessi ha un effetto diretto su come vi sentite. Di conseguenza, è semplice intuire che se programmate buoni propositi, spingerete voi stessi a stare bene.

Se siete troppo duri con voi stessi, è giunto il momento di imparare a essere più comprensivi. Se qualcuno in passato vi ha mosso delle critiche, vi ha trattato male o vi ha fatto sentire in colpa, smettete di dargli il controllo sulla vostra vita. 

Avete commesso un errore per cui ancora non vi siete perdonati? Insomma, è arrivato il momento di mettere a tacere quella voce che vi critica, perché siete ancora persone valide, nonostante gli errori. Dovete crederci!

2. Imparare a stare bene con se stessi

Migliorare la fiducia in se stessi e l’autostima è fondamentale per vincere la paura della solitudine. Se non siete in grado di vedere il buono che c’è in voi né di amare le vostre qualità, difficilmente potranno farlo gli altri.

Il modo in cui vediamo noi stessi determina il nostro comportamento e l’immagine di noi che proiettiamo. 

Se vi concentrate sempre sui vostri difetti e se fate notare agli altri gli aspetti meno gradevoli di voi, anche gli altri inizieranno a vederli. Più vi amerete, più le persone si convinceranno di quanto di buono e piacevole c’è in voi.

3. Ammettere di avere qualcosa di buono da offrire

Quali sono le vostre migliori qualità? Siete persone sensibili, grandi lavoratori e onesti? Siete sempre disposti ad aiutare gli altri? Oppure siete persone affidabili? Potreste avere queste qualità e molte altre.

Per sconfiggere la vostra paura della solitudine, circondatevi di gente che ammiri queste qualità e con cui poterle condividere. Questo non significa necessariamente cercare un partner.

Concentrate i vostri sforzi nella ricerca di persone affini a voi, che vi completino e in cui potervi identificare. Ricordate che avere amici è fondamentale in tutto. Dopo le amicizie, arriva, di solito, l’amore, ma non ossessionatevi nel volerlo trovare!

Non perdetevi: 5 possibili motivi per cui non avete amici 

4. Cambiare il proprio punto di vista sull’altro sesso

Coppia che discute
Una brutta esperienza a volte può darci un’idea distorta dell’altro sesso

È facile trovare persone con un’idea distorta dell’altro sesso. Ciò può essere dovuto a una cattiva esperienza che ha fatto perdere loro la fiducia. Vi capita di pensare qualcosa di simile alle seguenti frasi?

  • Tutti gli uomini sono zoticoni.
  • Le donna sono egocentriche.
  • Agli uomini interessa solo il sesso.
  • Le donne sono troppo emotive.
  • Non ci si può fidare degli uomini.
  • Tutte le donne sono arriviste.
  • Gli uomini interessanti sono già tutti impegnati.

Tutte queste idee sono sbagliate, in quanto sia gli uomini che le donne sono alla ricerca di relazioni durature a un certo punto della loro vita. Di sicuro ci sono esempi negativi, ma questo non dipende dal sesso.

Mantenendo questi pensieri sulle relazioni d’amore, sarà difficile vincere la propria paura della solitudine, dato che si arriverà a pensare che non c’è nessuno che faccia al caso proprio. La verità è che ci sono molte persone valide là fuori: avete solo bisogno di darvi l’opportunità di conoscerle.

5. Cambiare il modo in cui si percepisce la solitudine

Panchina vuota
Anche le aspettative verso il mondo contribuiscono alla solitudine

Provate invidia per quei gruppi di amici che vanno ovunque insieme? Vi sentite sprofondare nella tristezza ogni volta che avete vicino una coppia felice con figli? Chiedetevi se il problema è davvero la solitudine o se, piuttosto, è la pressione sociale a farvi sentire di dover avere l’una o l’altra cosa nella vostra vita.

Se vi lasciate trascinare dalle aspettative altrui, essere single o avere pochi amici può sembrare un grande fallimento, quando in realtà non lo è.

Se vi sentite così, sappiate che il vostro valore resta immutato, che siate single o abbiate una relazione di coppia. L’importante è non iniziare una relazione, di nessun tipo, solo per soddisfare le aspettative altrui.

6. Concentrarsi su quello che si desidera

Per sconfiggere la paura della solitudine, smettete di comportarvi come se foste alla disperata ricerca di nuove relazioni. Avrete di sicuro degli amici e una famiglia che si prendono cura di voi, quindi date loro il giusto valore anche se non sono perfetti. 

Pensate che in pochi mostreranno interesse nell’avvicinarsi a qualcuno che sottovaluta ciò che ha. Anche gli amici  hanno bisogno di sentire che gli volete bene e che li apprezzate.

Se lavorate duramente per stringere nuove amicizie, ma poi non ve ne prendete cura, i progressi ottenuti non saranno serviti a nulla.

  • Montero López Lena, M, Sánchez Sosa, JJ. La soledad como fenómeno psicológico: un análisis conceptual . Salud Mental [Internet]. 2001;24(1):19-27. Recuperado de: http://www.redalyc.org/articulo.oa?id=58212404
  • Rico Moreno, Javier. (2014). Hacia una historia de la soledad. Historia y grafía, (42), 35-63. Recuperado en 19 de noviembre de 2018, de http://www.scielo.org.mx/scielo.php?script=sci_arttext&pid=S1405-09272014000100003&lng=es&tlng=es.
  • Ríos Zapata, Paula Cristina, & Londoño Arredondo, Nora Helena. (2012). PERCEPCIÓN DE SOLEDAD EN LA MUJER. El Ágora U.S.B.12(1), 143-164. Retrieved November 19, 2018, from http://www.scielo.org.co/scielo.php?script=sci_arttext&pid=S1657-80312012000100009&lng=en&tlng=es.