Realizzare mascherine di stoffa in casa?

14 Maggio 2020
L'uso delle mascherine per contenere la diffusione del nuovo coronavirus è ormai generalizzato e, in molti casi, obbligatorio. Ecco come è possibile realizzare mascherine di stoffa in casa quando non riusciamo a trovarne in commercio.

L’uso generalizzato di mascherine di stoffa come misura preventiva per ridurre la diffusione del Covid-19 continua a essere oggetto di dibattito. Ciononostante, è sempre più diffuso il consiglio di realizzare mascherine di stoffa in mancanza di quelle chirurgiche o filtranti e indossarle soprattutto in luoghi pubblici nei quali è difficile mantenere il distanziamento sociale, come il supermercato o la farmacia.

Sebbene sia evidente che da sole non possono evitare il contagio, rappresentano comunque una barriera in grado di ridurre o ritardare la diffusione del virus, soprattutto nei casi di persone asintomatiche che ignorano di poter trasmettere ad altri individui l’agente patogeno. Possiamo realizzare in casa queste mascherine?

La risposta è sì. Negli Stati Uniti i Centri per Il controllo e la Prevenzione delle Malattie hanno condiviso alcune semplici istruzioni che spiegano ai cittadini in che modo possono realizzare mascherine di stoffa a basso costo. Scoprite anche voi come fare!

3 tutorial per realizzare mascherine di stoffa in casa

Prima di condividere i tutorial per realizzare mascherine di stoffa in casa, dobbiamo chiarire un aspetto importante. i Centri per il Controllo e la Prevenzione delle Malattie, l’Organizzazione Mondiale della Sanità e altre autorità sanitarie informano che queste mascherine contribuiscono a rallentare la diffusione del virus, ma non offrono lo stesso livello di protezione fornito dalle mascherine chirurgiche o da quelle filtranti FFP2 o FFP3 per uso medico.

D’altra parte, questi enti segnalano che le mascherine di stoffa non devono essere indossate da bambini al di sotto dei due anni, da pazienti affetti da problemi respiratori o che si trovano in stato di incoscienza né da persone disabili che non sono in grado di toglierle senza aiuto. Tenendo presenti questi aspetti, vediamo ora come è possibile realizzarle.

Potrebbe interessarvi leggere anche: Distanziamento sociale: aspetti da considerare

1. Mascherina di stoffa cucita

Uno dei materiali maggiormente raccomandati per la fabbricazione delle mascherine di stoffa è il cotone. Andrea Burón, portavoce della Società Spagnola di Salute Pubblica e Amministrazione Sanitaria (SESPAS), ha spiegato al quotidiano spagnolo El País che sebbene non vi siano prove scientifiche in merito, il cotone potrebbe rappresentare il materiale più adatto.

Questo perché si adatta bene alla forma del viso, evitando così che la protezione sia ridotta a causa della presenza di spazi tra la pelle e la mascherina. D’altra parte, si tratta di un tessuto che non irrita la pelle, come invece fanno altri materiali.

Realizzare mascherine di stoffa in casa con il cotone
Il cotone è consigliato perché non irrita la pelle. Inoltre, si adatta bene al viso.

Materiali

  • 2 rettangoli di cotone di 25 cm per 15 cm
  • 2 strisce elastiche, che possono essere di stoffa oppure elastici per capelli o fasce elastiche
  • Forbici
  • Ago e filo
  • Macchina per cucire

Istruzioni

  • Per cominciare, tagliamo i due rettangoli di stoffa secondo le misure indicate. È importante utilizzare cotone di un certo spessore, perché se è troppo sottile o consumato la sua capacità protettrice risulta ridotta.
  • Realizziamo un piccolo orlo lungo i lati più lunghi, di mezzo centimetro (o poco più). Poi pieghiamo anche 1,25 cm nei due lati corti.
  • Fissiamo gli orli con del filo e inseriamo la fascia elastica nell’orlo più largo. Queste fasce sosterranno la mascherina alle orecchie.
  • Dopo averle introdotta nell’orlo, leghiamo le estremità. Poi tiriamo con cautela per fare in modo che i nodi rimangano all’interno dell’orlo.
  • Adattiamo le estremità della mascherina unite dall’elastico, in modo che aderiscano in modo corretto al viso.
  • Infine, cuciamo l’elastico per evitare che scivoli e assicuriamoci che sia ben saldo.

2. Mascherina facciale realizzata con una maglietta e senza cuciture

In assenza di ago e filo o perché preferiamo evitare di cucire, ecco un altro semplice tutorial per realizzare mascherine facciali utilizzando una vecchia maglietta(che però non deve essere consumata).

Mascherine fatte da magliette
Una vecchia maglietta può essere sufficiente per realizzare in casa una mascherina facciale. Tuttavia, la maglietta deve trovarsi in buone condizioni.

Materiali

  • Vecchia maglietta
  • Forbici

Istruzioni

  • Per prima cosa, taglieremo la parte inferiore della maglietta, con una larghezza di circa 20 cm.
  • Prendiamo la stoffa tagliata e pratichiamo un altro taglio rettangolare dalle dimensioni comprese tra i 15 e i 17 cm.
  • Ora pratichiamo un taglio a metà delle strisce che rimangono dopo aver eliminato il rettangolo.
  • Non ci resta che legare le strisce dietro al collo e alla parte superiore della testa, assicurandoci che la mascherina sia ben adattata al viso.

Vi consigliamo di leggere anche: Propagazione del Coronavirus e condizioni favorevoli

3. Mascherina con filtro per il caffè e fazzoletto

Un’ultima possibilità che ci viene suggerita dai CDC per realizzare in casa le nostre mascherine, anche in questo caso senza bisogno di cucire nulla, sono quelle con un filtro per il caffè e un fazzoletto. È importante chiarire che in questo caso si tratta di una mascherina usa e getta.

Mascherina con filtro di caffè e fazzoletto
Se abbiamo a portata di mano solo un fazzoletto, possiamo utilizzare un filtro per il caffè per realizzare una mascherina improvvisata. Tuttavia, dopo averla usata, dobbiamo gettare il filtro nella spazzatura e ripetere il procedimento.

Materiali

  • 1 filtro per il caffè
  • Fazzoletto di 50 cm per 50 cm
  • 2 fasce elastiche
  • Forbici

Istruzioni

  • Tagliamo il filtro per il caffè per adattarlo al fazzoletto.
  • Pieghiamo il fazzoletto a metà e inseriamo il filtro al centro del fazzoletto piegato.
  • Ora pieghiamo la parte superiore verso il basso e la parte inferiore verso l’alto.
  • Introduciamo le fasce elastiche, separate l’una dall’altra di circa 15, 25 cm.
  • Pieghiamo i bordi laterali verso il centro e inseriamo un’estremità dentro l’altra.
  • Infine, controlliamo che la mascherina si adatti bene al nostro viso. Per un secondo utilizzo, gettiamo il filtro e le fasce nella spazzatura e ripetiamo il procedimento.

Realizzare mascherine di stoffa: consigli da non dimenticare

Le mascherine di stoffa non sono in grado di offrire da sole una protezione completa contro il coronavirus. Per questa ragione, è importante utilizzarle con cautela e lavarle bene prima di usarle una seconda volta. Per farle tornare pulite, è sufficiente effettuare un lavaggio in lavatrice.

D’altra parte, quando le togliamo dal viso, dobbiamo fare attenzione a non toccare gli occhi, il naso o la bocca senza prima esserci lavati le mani. Un corretto lavaggio delle mani deve durare almeno 40 secondi.

  • Centers for Disease Control and Prevention. (2020). Use of Cloth Face Coverings to Help Slow the Spread of COVID-19 | CDC. Available in https://www.cdc.gov/coronavirus/2019-ncov/prevent-getting-sick/diy-cloth-face-coverings.html
  • Servick, K. (2020). Would everyone wearing face masks help us slow the pandemic? Science. https://doi.org/10.1126/science.abb9371
  • Zafra, M., Rodriguez, B. P. (6 de abril de 2020). Instrucciones para fabricar una mascarilla en casa. El País. Recuperado de https://elpais.com/sociedad/2020/04/04/actualidad/1586014718_239379.html
  • Masa, A. (7 de abril de 2020). Cuál es el mejor material para hacer una mascarilla en casa. El País. Recuperado de https://elpais.com/elpais/2020/04/07/buenavida/1586210882_668867.html
  • BBC News Mundo. (6 de abril de 2020). Mascarillas de tela: cómo se hacen y cuáles son los errores al usarlas. BBC. Recuperado de https://www.bbc.com/mundo/noticias-52192632