8 segnali di malattie cardiache da non sottovalutare

· 5 novembre 2017
Molti dei sintomi delle malattie cardiache spesso coincidono con quelli di disturbi meno gravi, ma non per questo bisogna sottovalutarli

Le malattie cardiache sono ad oggi la principale causa di morte in tutto il mondo e, di fatto, il numero dei pazienti che ne soffrono aumenta sempre di più.

Queste patologie interessano il funzionamento del cuore, in particolare compromettono la buona salute delle arterie, del cervello e anche la circolazione.

Tra le cause principali ci sono lo stile di vita sedentario e una cattiva alimentazione, ma influiscono anche fattori genetici, lo stress e abitudini di vita poco salutari.

L’aspetto più preoccupante è che nella maggior parte dei casi queste malattie si sviluppano in maniera silenziosa, il che ne ostacola l’individuazione e trattamento opportuni.

Di conseguenza, si originano diverse complicazioni nell’organismo e, con il passare del tempo, la qualità di vita ne risente.

Per questo motivo, è importante fare attenzione a qualsiasi sintomo indicativo della presenza di malattie cardiache, tenendo conto che queste possono manifestarsi con segnali simili ad altri disturbi più comuni.

Oggi vi parleremo di 8 sintomi comuni da non sottovalutare.

Continuate a leggere per saperne di più.

1. Dolore al petto

donna con mani sul petto

Il dolore al petto è uno dei sintomi più comuni delle malattie cardiache. Tuttavia, potrebbe anche essere un segnale del reflusso gastrico.

La maggior parte delle persone pensa che questo segnale sia uno dei primi a manifestarsi quando il cuore ha qualcosa che non va, ma in realtà indica che la malattia ha raggiunto un diverso livello di gravità.

Nonostante questo, non bisogna sottovalutare il dolore al petto, soprattutto se ricorrente e intenso.

Volete saperne di più? Leggete anche: Che cosa fare quando si sente dolore al petto?

2. Dolore in varie parti del corpo

Anche se il dolore al petto è comune in caso di attacco cardiaco, non bisogna ignorare il fatto che possa interessare anche altri parti del corpo.

Spesso, i problemi cardiaci interessano la circolazione e la pressione, quindi possono causare delle complicazioni scomode ai sistemi coinvolti.

Fate attenzione in caso di dolore in altre parti del corpo, quali:

  • Spalle
  • Braccia
  • Schiena
  • Collo
  • Mandibola
  • Addome.

3. Polso irregolare

Controllare il battito cardiaco sentendo il polso

Controllare la frequenza cardiaca sentendo il polso è uno dei metodo più comuni per individuare eventuali problemi al sistema cardiaco.

Certe alterazioni nel battito cardiaco sono normali se sporadiche, ma se si verificano in maniera ricorrente, è necessario sottoporsi a dei controlli.

Nella maggior parte dei casi, l’alterazione del battito è accompagnata da un sensazione di debolezza, nausea e malessere generale.

4. Mancanza di aria

L’affanno improvviso, non causato dallo sforzo fisico, può essere un sintomo dell’asma o della broncopneumopatia cronica ostruttiva (BPCO).

Inoltre, può manifestarsi in caso di attacco cardiaco o di insufficienza cardiaca.

Significa che il cuore non sta trasportando l’ossigeno in maniera ottimale, quindi la respirazione non avviene regolarmente.

5. Sudorazione

Donna sdraiata a letto con la mano sulla fronte

La sudorazione anomala, soprattutto in condizioni di riposo, può indicare la presenza di problemi cardiaci e forse un improvviso attacco al cuore.

In quest’ultimo caso, si manifesta una sensazione di sudorazione fredda prima dell’attacco.

Vi invitiamo a leggere anche: Trattare l’eccessiva sudorazione delle ascelle con rimedi naturali

6. Pallore

Quando una persona ha problemi cardiaci, il sangue non scorre correttamente, perciò viene meno l’ossigenazione della pelle che quindi appare pallida o malata.

Il sintomo è molto più evidente quando la persona sta avendo un attacco cardiaco o ha dei problemi di pressione arteriosa.

7. Infiammazione delle articolazioni

persona con mani sovrapposte sul tavolo

Sono molte le malattie croniche che possono provocare l’infiammazione delle articolazioni. Tuttavia, questo problema può dipendere da una pressione arteriosa elevata.

In questi casi, si deve alla ritenzione idrica nei tessuti, il che compromette la circolazione e l’elasticità delle arterie.

8. Stanchezza

In genere sono le donne a manifestare questo sintomo prima di un attacco cardiaco.

Tuttavia, la stanchezza insorge settimane prima del problema cardiaco.

La sensazione di stanchezza dipende dalla difficoltà di ossigenazione cellulare, perché il sangue non circola correttamente nelle arterie.

Ovviamente, questo sintomo va valutato come preoccupante se si manifesta insieme ad altri sintomi di problemi cardiaci. La stanchezza, infatti, è comune a molte altre malattie.

Avete notato la presenza di questi sintomi? Non sottovalutateli, ma sottoponetevi a regolari controlli medici per determinare eventuali problemi che mettono a rischio la vostra salute cardiaca.

Adottate uno stile di vita sano e cercate di mantenervi attivi per ridurre radicalmente il rischio di malattie cardiache.

Guarda anche