I parassiti intestinali: combatterli con i semi di papaya

25 Settembre 2015
I parassiti intestinali possono comparire a seguito di ingestione di cibo o acqua contaminati. A volte sono favoriti da un'alimentazione carente. Si fissano sulle pareti del colon e possono essere causa di molti disturbi.

I parassiti intestinali sono un problema più diffuso di quanto non si pensi. Sono difficili da individuare perché i sintomi che portano si possono confondere con altri disturbi: problemi digestivi, nervosismo, disturbi dell’appetito, ecc.

In questo articolo vi spieghiamo cosa sono i parassiti intestinali, come individuarli e come combatterli con un ottimo rimedio naturale: i semi di papaya.

Cosa sono i parassiti intestinali?

Innanzitutto, dobbiamo dire che i parassiti intestinali sono comunemente vermi di diverse specie che si installano sulle pareti dell’intestino crasso, causando molti problemi di salute.

Inoltre, si trasmettono attraverso il cibo o l’acqua contaminati da materiale fecale che contiene le uova dei parassiti.

Di conseguenza, mantenere un buon equilibrio della flora intestinale è fondamentale per essere in grado di difendersi da un loro attacco. Chi soffre spesso di irregolarità intestinale, come la stitichezza o la diarrea, è più vulnerabile ai parassiti.

Oltretutto, molte persone li ospitano senza saperlo, vediamo quindi i sintomi più frequenti.

I parassiti intestinali

Come individuarli?

In presenza di almeno tre sintomi tra i seguenti, sarebbe il caso di andare dal medico per scartare o confermare la possibilità di infestazione parassitaria.

  • Disturbi intestinali senza motivo apparente.
  • Nervosismo o ansia, tristezza.
  • Prurito anale o nasale.
  • Perdita o aumento dell’appetito.
  • Carenze nutritive nonostante una dieta equilibrata.
  • Anemia
  • Gonfiore addominale e flatulenza.
  • Perdita di peso improvvisa.
  • Stanchezza immotivata.

Leggete anche: I diversi tipi di anemia

I semi di papaya contro i parassiti intestinali

I semi di papaya, di forma rotonda, aspetto brillante e sapore leggermente piccante sono un ottimo rimedio contro i parassiti intestinali.

La quantità consigliata è di 40 semi al giorno.

Per realizzare un trattamento antiparassitario possiamo assumerli in due modi diversi:

  1. Ogni mattina, a digiuno, preparate un frullato di papaya fresca con 40 semini. Frullate per un paio di minuti fino ad ottenere una crema. Bevete il frullato ed aspettate almeno mezz’ora prima di fare colazione.
  2. Fate seccare i semi, poi macinateli e mescolateli con del miele integrale. Ingerite un cucchiaio di questo preparato tre volte al giorno, mezz’ora prima dei pasti principali e insieme ad un bicchiere d’acqua con il succo di mezzo limone. Continuate la cura per almeno un mese, ma se non notate cambiamenti importanti, prolungatela fino a quando non vi sentirete meglio.

Vi consigliamo sempre di consultare un medico oppure un naturopata prima di seguire una cura naturale per conto vostro.

Volete saperne di più? Leggete: I benefici dei semi di papaya

I semi di papaya

Cosa non si deve mangiare?

Perché ci sono persone che soffrono spesso di parassitosi intestinali e altre che non le hanno mai avute? Può dipendere dalla nostra alimentazione.

I parassiti intestinali si nutrono di certi alimenti che oggigiorno, purtroppo, abbondano sulla tavola di molte persone. Vi consigliamo di abolire questi cibi per lo meno durante il trattamento, affinché possa essere più efficace possibile:

  • Lo zucchero e i cibi che lo contengono
  • Le farine bianche e raffinate
  • Il latte e i latticini
  • La carne rossa e gli insaccati
  • Le bevande alcoliche

Cibo spazzatura

Quali alimenti aiutano a combattere i parassiti?

Oltre ai semi di papaya, esistono altri alimenti che possiamo includere ogni giorno nei nostri menù, per potenziare gli effetti curativi di questo trattamento antiparassitario.

  • Aglio crudo: uno tra i rimedi più conosciuti contro i parassiti, grazie al suo forte potere purificante. Potrebbe essere l’occasione per provare la cura tibetana a base di aglio.
  • Semi di zucca: prevengono e combattono i parassiti intestinali. Potete mangiare 30 semi di zucca naturali, come snack oppure uniti ad altri alimenti.
  • Olio di oliva: deve essere extra vergine e va preso a digiuno.
  • Limone: un altro alimento che pulisce e depura in modo naturale. Se il limone non è stato trattato, potete sfruttare anche i benefici della sua scorza, mescolandola alle insalate, ai frullati, ai succhi, ecc.
  • Semi di pompelmo. Tutti i semi sono, in generale, alimenti molto nutrienti. Quelli di pompelmo sono anche estremamente depurativi.
  • Cipolla: mangiata cruda protegge i reni e previene le parassitosi.

In presenza di stitichezza cronica, infine, vi consigliamo di sfruttare dei rimedi naturali, dal momento che il problema rende l’intestino più vulnerabile all’attacco dei parassiti.

Potete assumere semi di lino, prugne secche o psillio (psyllium) e bere molta acqua lontano dai pasti, vi aiuterà a regolare il transito intestinale.

  • Haque, R. (2007). Human intestinal parasites. Journal of Health, Population and Nutrition.
  • Kucik, C. J., Martin, G. L., & Sortor, B. V. (2004). Common Intestinal Parasites. American Family Physician.
  • Jong, E. (2002). Intestinal parasites. Primary Care – Clinics in Office Practice. https://doi.org/10.1016/S0095-4543(02)00047-7