Perché smettere di indossare le scarpe con il tacco?

22 giugno 2016
I tacchi possono aiutarci a sfoggiare gambe più slanciate, ma di certo rendono più difficile la circolazione e sono responsabili della comparsa delle vene varicose

Le scarpe con il tacco sono tra le calzature più utilizzate dalle donne. La loro forma, il loro colore e le diverse dimensioni permettono di slanciare la figura e apparire al meglio.

Tuttavia, dopo averli usati per un periodo di tempo prolungato o continuato, si presentano effetti secondari sulla salute che dovrebbero essere presi in considerazione prima dell’aspetto estetico.

Nonostante non sia un problema indossarli ogni tanto, la cosa migliore è evitare di farne un uso eccessivo, in modo da non correre il rischio di sviluppare problemi alla schiena, alle gambe e ad altre parti del corpo.

Poiché sappiamo che, nonostante ciò, molte donne continuano ad indossare scarpe con il tacco tutti i giorni, in questa occasione vi riveliamo 5 benefici che si ottengono smettendo di indossare di continuo i tacchi.

Smettere di indossare scarpe con il tacco

1. Diminuisce il mal di schiena

Mal di schiena tacco

L’uso dei tacchi inclina la pelvi, permettendo di mettere in risalto i glutei. Il problema è che questa postura aumenta la pressione nella zona bassa della colonna vertebrale e dei muscoli che la compongono.

In casi particolari, questo porta a soffrire di una condizione chiamata spondilolistesi, ovvero lo spostamento in avanti di una vertebra rispetto a quella sottostante, cosa che produce danni ai nervi ed intenso dolore.

Una volta tolti i tacchi, la colonna vertebrale torna alla sua posizione iniziale e, quasi subito, si riduce il dolore e la tensione.

Dunque, meno si utilizzano le scarpe alte, più si riduce il rischio di avere fastidiosi mal di schiena.

Leggete anche: Alleviare il mal di schiena con una semplice tecnica di respirazione

2. Addio alla sindrome del tendine di Achille

Quando i piedi si alzano con il tacco, la pressione sul tallone aumenta e si sviluppa una condizione nota come tendinopatia achillea.

Nelle persone affette da fascite plantare si verifica un’infiammazione nella guaina che collega il tallone alle dita del piede, peggiorando il dolore già presente.

Dopo aver messo da parte queste calzature e averle sostituite con altre più comode, nel giro di qualche settimana, il tendine smetterà di fare male e recupererà la sua normale lunghezza.

Tutti i dolori nelle estremità inferiori scompariranno, poiché il muscolo si libera dell’eccesso di tensione.

3. Il ginocchio da corridore sparisce

Dolore-ginocchia tacco

Il ginocchio da corridore è il termine che utilizzano molti professionisti della salute per riferirsi alle affezioni che interessano questa parte del corpo.

Si tratta di una lesione che deriva dal sovraccarico al ginocchio tipico di chi corre molto, ma può verificarsi anche in seguito ad altre attività che implicano una flessione costante.

Con le scarpe con i tacchi, il centro di gravità si muove in avanti, aumentando la tensione sui tendini e sui legamenti delle ginocchia. Questo non solo implica un dolore intenso, ma produce anche infiammazione e difficoltà nei movimenti.

Anche se ci sono diversi fattori che possono causare questo problema, non fa male sapere che i tacchi rientrano nella categoria dei responsabili.

4. Migliora l’equilibrio

Per quanta esperienza si possa avere con le scarpe con il tacco, vi sono grandi probabilità di cadere o di soffrire una lesione.

L’eccesso di forza che si produce tra i muscoli che circondano la caviglia rendono quest’ultima meno stabile e, di conseguenza, si riduce l’equilibrio.

Indossare scarpe basse, invece, migliora lo stato di questo gruppo muscolare e permette che funzioni in modo corretto.

In questo modo, si è più stabili e ci sono meno probabilità di avere dolore o cadute frequenti.

5. Evita le vene varicose

Vene varicose tacco

Anche se mancano prove scientifiche che dimostrino la stretta relazione tra l’uso dei tacchi e la comparsa delle vene varicose, alcuni esperti coincidono nel dire che queste calzature causano problemi di circolazione.

L’uso di queste scarpe, soprattutto i tacchi a spillo, aumenta la pressione sulle gambe ed ostacola il flusso sanguigno.

Dato che il sangue non scorre in modo corretto, a medio e lungo termine si formano le vene varicose che rappresentano un vero problema di salute.

Di certo, optando per delle scarpe più basse e comode, il flusso sanguigno torna al suo stato normale e si riduce il rischio di varici.

In conclusione, anche se la scarpa con il tacco è un accessorio molto elegante ed appropriato per molte occasioni, la cosa più conveniente è ridurne al massimo l’uso per non correre rischi inutili.

Di certo potete trovare alternative più sane per sfoggiare un look impeccabile tutti i giorni. Pensate alla vostra salute!

Guarda anche