Ridurre un’infiammazione con rimedi naturali

· 29 aprile 2014
Per eliminare le infiammazioni dobbiamo seguire una dieta vegetariana. La carne, il pesce e i latticini tendono a peggiorare la situazione.

Quanto è importante ridurre un’infiammazione? Molte malattie si manifestano sotto forma di infiammazione, generando malessere e a volte dolore. Si va dai dolori muscolari o articolari a possibili infiammazioni della pelle, della gola, degli occhi, delle gengive, delle orecchie, del fegato, dei reni, dell’intestino, etc.

Nonostante ogni infiammazione  possa presentare sintomi e cause distinte, ci sono alcuni alimenti e rimedi naturali che aiutano a ridurre un’infiammazione e ad alleviare i sintomi, a prescindere dalla zona interessata. Li presentiamo a seguire.

Rimedi naturali per ridurre un’infiammazione

Dieta vegetariana alcalina

Ogni volta che è in corso un’infiammazione, qualunque sia la zona interessata, è presente un eccesso di acidità nel sangue. Pertanto, il primo rimedio che proponiamo per ridurre un’infiammazione, è quello di seguire una dieta vegetariana alcalina per lo meno per tutta la durata dell’infiammazione.

Tutti gli alimenti che contengono proteine di origine animale, come la carne, il pesce o i latticini, tendono a peggiorare le infiammazioni. Tuttavia, bisogna considerare che anche molti alimenti di origine vegetale possono acidificare l’organismo.

Si dovrebbe mantenere un pH equilibrato, grazie al consumo sia di alimenti acidi sia alcalini. In questo caso, però, a causa di un eccesso di acidità, consigliamo di consumare preferibilmente alimenti alcalini. Quali sono gli alimenti più alcalini?

  • Succhi vegetali (carota, mela, sedano, spinaci…)
  • Spinaci crudi
  • Broccoli
  • Carota
  • Barbabietola
  • Lattuga
  • Aglio
  • Fichi secchi
  • Uva passa
  • Datteri
  • Uva
  • Papaya
  • Kiwi
  • Mela
  • Pera
  • Nocciole
  • Mandorle
  • Succo di limone
  • Stevia
  • Tè verde
Succo di carota

Freddo e caldo

Le infiammazioni alcune volte hanno bisogno di freddo, soprattutto nelle prime fasi, quando sono calde e arrossate. Altre volte invece, hanno bisogno di calore, quando sentiamo che la zona infiammata è fredda (le articolazioni, in generale, hanno bisogno di freddo).

Leggete anche: Le articolazioni: funzioni e alcuni integratori

Sarà sufficiente toccare la zona infiammata per capire se è necessario calore o freddo. In alcuni casi, non sarà nemmeno necessario toccare, poiché la persona lo avvertirà senza bisogno di palpare.

  • Se è necessario calore applicate un cuscinetto elettrico.
  • Se è necessario freddo applicate una borsa di ghiaccio coperta con un panno.

Fasciatura di Quark o cagliata

Un curioso cataplasma che potete preparare per ridurre un’infiammazione, soprattutto se è calda, è quello a base di formaggio Quark, cagliata o ricotta. Per rima cosa, applicatelo direttamente sulla pelle, poi copritelo con un panno. Lasciatelo agire per almeno mezz’ora.

Cagliata

Oli freddi e caldi

Gli oli vegetali ed essenziali posso avere effetti opposti, alcuni rinfrescano e altri danno calore. Vi indichiamo quali sono:

  • Oli essenziali che rinfrescano: cipresso, menta.
  • Oli essenziali che danno calore: zenzero, cannella.

Può interessarvi anche: Calmare il dolore con zenzero e olio d’oliva

Mescolate questi oli essenziali con gli oli vegetali; basta aggiungere qualche goccia in più dei seguenti oli base:  

  • Per gli oli base freddi: cocco, mandorla.
  • Oli base neutri: sesamo.
  • Oli base caldi: oliva.

Fasciatura di cavolo

Il cavolo è un ottimo alimento antinfiammatorio però, per preparare una fasciatura a base di cavolo, bisogna usare il cavolo verde. Innanzitutto, mettete le foglie in acqua bollente per qualche istante. In seguito, schiacciatele per far fuoriuscire il succo.

Poi, collocatele direttamente sulla zona infiammata e copritele con un panno; di sopra mettete carta stagnola o pellicola per alimenti. Infine, lasciate agire per 30 minuti o più. Questo rimedio serve anche per i dolori mestruali, si mettono le foglie sul ventre.  

Infiammazioni facciali

Il viso è una zona delicata nella quale difficilmente è possibile applicare impiastri o cataplasmi, e persino l’uso di alcuni oli non è consigliato. Vi presentiamo alcuni semplici rimedi per alleviare infiammazioni quali dermatite, congiuntivite, etc.

  • Bustine di camomilla: conservate in frigo le bustine che rimangono dopo aver preparato una camomilla. Saranno molto utili in caso di infiammazioni agli occhi (collocatele tenendo gli occhi chiusi).
  • Fettine di cetriolo: anche le fettine di cetriolo fresco servono per togliere l’infiammazione di occhi e palpebre. Lasciatele agire dai 15 ai 60 minuti.
  • Aloe vera: l’aloe toglie l’infiammazione e cicatrizza. La cosa migliore sarebbe tenere in casa la pianta e tagliarne un pezzetto, ma potete anche comprarla in gel ed unirla a degli oli.
  • Calendula: eccellente per le infiammazioni della pelle. Potete usarla in crema.
Calendula

 Infusi di ortica

Potete ridurre un’infiammazione anche bevendo infusi di piante medicinali antinfiammatorie. Tra queste risalta l’ortica per le sue proprietà drenanti e purificanti.

Preparate un litro di infuso da bere durante l’arco della giornata. Addolcitela, se volete, con un po’ di stevia, dato che miele e zucchero avrebbero l’effetto contrario in quanto sono alimenti acidificanti.

Immagine per gentile concessione di Food Thinkers, cuervo_J e snarkattack

Guarda anche