Svegliarsi stanchi: perché ci succede?

10 Aprile 2020
"Molte volte mi sveglio stanco, anche se ho dormito per molte ore". Perché succede? Le ragioni per cui la fatica è presente al momento del risveglio sono molte. Cattive abitudini, stress o alcune malattie possono esserne la causa.

Se anche dopo aver dormito diverse ore, capita di svegliarsi stanchi, sicuramente c’è qualcosa che non va. Le cause sono innumerevoli, ma in ogni caso è una sensazione molto sgradevole. Svegliarsi stanchi significa sentire il corpo pesante, essere demoralizzati e affaticati. Iniziare la giornata in questo modo non va certo bene.

La cosa più sorprendente è che molte volte svegliarsi stanchi non significa non aver dormito a sufficienza o bene. Spesso neanche una bella dormita fino a tardi risolve il problema della fatica cronica. Anzi, al mattino ci si sente affaticati, con la mente rallentata e di pessimo umore. Scopriamo le ragioni di questa sensazione diffusa.

Perché capita di svegliarsi stanchi?

La prima cosa che dobbiamo chiarire è che il corpo dorme seguendo una serie di cicli. Per quanto gli esseri umani siano molto adattabili, in realtà il corpo e la mente funzionano meglio se seguiamo schemi precisi. Questo ha un impatto decisivo sulla stanchezza.

Se, ad esempio, ci svegliamo alle 7 tutti i giorni e prima delle 21 siamo già a letto, ma nel fine settimana cambiamo questo schema, il corpo si confonderà. In questo caso, ci sveglieremo stanchi indipendentemente dalle ore di sonno.

In genere, attraversiamo ogni notte cinque cicli di sonno, da 90 minuti ciascuno. Ogni ciclo, a sua volta, è diviso in quattro fasi. Se cambiamo il nostro schema di riposo, potremmo svegliarci al momento sbagliato: ovvero prima di completare l’intero processo. Il risultato? Svegliarsi stanchi.

Leggete anche: Disturbi del sonno: sono stanco, ma non dormo

Svegliarsi stanchi a causa di disturbi del sonno

Uomo con apnea del sonno

A volte ci si sveglia stanchi a causa di un disturbo del sonno. Se abbiamo spesso difficoltà ad addormentarci o ci svegliamo più volte durante la notte, probabilmente ci sentiremo stanchi quando ci alzeremo e durante la giornata.

Un altro disturbo che influisce sulla qualità del riposo è l’apnea notturna, patologia per cui una persona sospende la respirazione mentre dorme. L’effetto diretto di questa anomalia è svegliarsi stanchi, con la sensazione di non aver dormito.

Consumo di alcune sostanze

Il consumo di alcune sostanze, come l’alcol, è un grande ostacolo al raggiungimento di una buona qualità del sonno. Le bevande alcoliche hanno un effetto paradossale: provocano sonnolenza, ma poi impediscono di dormire profondamente. Si verifica un effetto molto simile anche con alcuni farmaci, in particolare i sedativi.

Non possiamo dimenticare un altro nemico di un buon riposo: il caffè. Un caffè al mattino è favoloso per sentirsi più svegli, ma se viene bevuto sera, è facile soffrire di insonnia. Meglio evitare di bere caffè poche ore prima di andare a letto.

Potrebbe interessarvi anche: Quanto caffè possiamo bere in un giorno?

Svegliarsi stanchi a causa di disturbi psicologici

A volte il motivo per cui ci svegliamo stanchi risiede nella nostra mente. Non sono poche le persone che, prima di andare a dormire, riesaminano tutte le preoccupazioni che le attanagliano o le decisioni che devono prendere. È il momento peggiore per farlo, poiché genera “ansia notturna” e compromette il riposo.

Lo stress, in generale, ci impedisce di dormire sonni tranquilli. Quel disagio ci fa stare all’erta, anche mentre stiamo dormendo. Ecco perché ci svegliamo facilmente e non riusciamo a dormire profondamente. La cosa migliore, in questi casi, è ricorrere a delle tecniche di rilassamento.

Donna preoccupata sul divano

Altre cause

Una cattiva igiene del sonno può essere un ulteriore motivo per capita di svegliarsi. Bisogna pertanto assicurarsi di disporre di condizioni che favoriscono il riposo invece di ostacolarlo. Molta luce, rumore o alte temperature, ad esempio, impediscono di dormire bene.

Quanto detto sopra è correlato anche a cattive abitudini diurne. Diversi studi dimostrano che guardare gli schermi dei dispositivi elettronici prima di dormire ostacola il riposo. Oltre a ciò, si consiglia di non consumare cene abbondanti, soprattutto se contengono molti zuccheri. Anche la mancanza di allenamento fisico durante il giorno influisce sulla qualità del sonno.

Infine, anche eventuali alterazioni del microbiota intestinale si traducono in un cattivo riposo. La flora intestinale, infatti, influisce sulla produzione di ormoni e neurotrasmettitori, necessari per rilassarsi e riposare serenamente. In mancanza di un microbiota sano, non sarà facile dormire.

  • Ferré, A. (2018). Síndrome de fatiga crónica y los trastornos del sueño: relaciones clínicas y dificultades diagnósticas. Neurología, 33(6), 385-394.
  • Marín Agudelo, H. A. (2008). Trastornos del sueño, salud y calidad de vida Una perspectiva desde la medicina comportamental del sueño. Suma Psicologica. https://doi.org/10.14349/sumapsi2008.24
  • Borquez, P. (2011). Calidad del sueño, somnolencia diurna y salud autopercibida en estudiantes universitarios. Eureka.